testata

Rispondi
Avatar utente
flash66
FRENO BENE
FRENO BENE
Messaggi: 387
Iscritto il: sabato 1 luglio 2006, 20:09
Località: Assemini

testata

Messaggio da flash66 » giovedì 16 agosto 2007, 23:49

ciao a tutti, volevo togliermi un dubbio, ma cambiando la guarnizione della testata bisogna anche spianare quest'ultima? cioè spianare ambe due le parti in cui si va ad mettere a contatto la guarnizione? chiedo perchè pensandoci una parte viene via, cioè quella alta, ma l'altra no, c'eè sotto una altra guarnzizione! non credo che vada disssemblato tutto il cilindro? booo!
ciao :oops:
Pegaso Cube luglio 2000 full black
Edamus, bibamus, gaudeamus

Avatar utente
Stefano
GOMMA PIATTA
GOMMA PIATTA
Messaggi: 223
Iscritto il: giovedì 16 maggio 2002, 2:00
Moto: PegasoCube '99, VF500, Er6N
Località: Parma-Lodi

Messaggio da Stefano » mercoledì 22 agosto 2007, 9:47

Ciao Mister, teoricamente non ci sarebbe bisogno di spianarla salvo qualche scottatura.....comunque una piccola rettifica non farebbe male e ci sarebbe anche un piccolo incremento delle performance visto che si ridurrebbe l'ampiezza della camera di scoppio.
E' comunque naturale che la spianatura debba essere solamente un pelo e via....altrimenti il rischio che le valvole "sfiorino" il cielo del pistone nel punto morto superiore non sarebbe poi un'utopia.

Ciao

Un Saluto

Avatar utente
luca
Detto LUCAWEB
Detto LUCAWEB
Messaggi: 1276
Iscritto il: mercoledì 12 dicembre 2001, 1:00
Località: Empoli
Contatta:

Messaggio da luca » mercoledì 22 agosto 2007, 12:34

è un vecchio trucco:

se spiani la testa ottieni di rendere "ruvida" la superficie su cui poggia la guarnizione
e quando serri la testata il materiale morbido della guarnizione penetra nelle ruvidità
aumentando la tenuta. ;)

l'asportazione del materiale deve essere veramente minima
altrimenti rischi che le valvole sbattano contro il cilindro (si, cilindro, non pistone... guardate come è fatta la testata del pegaso... ;) )

se poi volete aumentare la compressione riducendo la camera di scoppio
il consiglio delle riviste del settore è quello di sbassare la base del cilindro

Si potrebbe anche sbassare la parte alta del cilindro, quella a contatto con la testata,
ma in quel caso c'è un prigioniero che rompe le scatole....
... meglio la base del cilindro...

lampz
L.
Una cosa che non senti mai menzionare riguardo ai pionieri
è che essi sono, invariabilmente, per loro stessa natura,
dei casinari. (Pirsig)

noi di AOTR siamo Pionieri (LucaWeb)


lasciate stare il mio pannello solare.... 'stardi....

Avatar utente
flash66
FRENO BENE
FRENO BENE
Messaggi: 387
Iscritto il: sabato 1 luglio 2006, 20:09
Località: Assemini

Messaggio da flash66 » mercoledì 22 agosto 2007, 12:58

luca ha scritto:è un vecchio trucco:

se spiani la testa ottieni di rendere "ruvida" la superficie su cui poggia la guarnizione
e quando serri la testata il materiale morbido della guarnizione penetra nelle ruvidità
aumentando la tenuta. ;)

l'asportazione del materiale deve essere veramente minima
altrimenti rischi che le valvole sbattano contro il cilindro (si, cilindro, non pistone... guardate come è fatta la testata del pegaso... ;) )

se poi volete aumentare la compressione riducendo la camera di scoppio
il consiglio delle riviste del settore è quello di sbassare la base del cilindro

Si potrebbe anche sbassare la parte alta del cilindro, quella a contatto con la testata,
ma in quel caso c'è un prigioniero che rompe le scatole....
... meglio la base del cilindro...

lampz
L.
grazie a tutti delle risposte, luca c'è qualcosa che non capisco.
allora dopo lil coperchio punterie scendendo c'è la guarnizione della testata, io volevo sapere se facendo il lavoro della guarnzione devo spianare la testata, cioè sia la parte alta che quella bassa! ovvero tutte e due le superfici che vanno a contatto con la guarnizione o basta quella di sopra? in tal caso quella di sotto che rimane ancorata al motore devo pulirla cercare di togliere residui di guarnizione?
ciao
Pegaso Cube luglio 2000 full black
Edamus, bibamus, gaudeamus

Rispondi

Torna a “Guarnizione testa PEGASO ROTAX”