carburazione magra e guarnizione testata.

Cadutoqua
GOMMA PIATTA
GOMMA PIATTA
Messaggi: 264
Iscritto il: lunedì 26 aprile 2004, 11:53
Località: Borgomanero

carburazione magra e guarnizione testata.

Messaggio da Cadutoqua » sabato 9 agosto 2008, 12:21

ciao parlando con il meccanico che tempo fà mi ha riparato per la seconda volta la guarnizione della testa sulla mia pegaso ie, è emerso che uno dei motivi principali che portano alla cottura della guarnizione stessa e una carburazione troppo magra.

in effeetti mi aveva lasciato perplesso il fatto che avendola già sostituita si fosse ripresentato il problema ma dopo questa chiacchierata qulache dubbio mi si è levato....

la mia è una I.E. e come ad altri sul forum è capitata la noia.

carburare una moto a carburatori è più semplice.


per la I.E bisogna per forza avere un analizzatore dei gas di scarico e quando è in temperatura il valore del CO deve essere del 2-3% rilevato nel foro posto sulla curva della marmitta appena dopo l uscita dal cilindro.

chi ha rifatto la guarnizione ha regolato correttamente anche la carburazione?

altrimenti c'è il rischio, come è capiatato a me, che per smagrire un po per diminuire un filo i consumi da ferrari, dopo qualche migliaio di km.....

la guarnizione parta nuovamente...

carburazione troppo magra = più calore da smaltire all interno del cilindro.
Pegaso 650 i.e. bluevert/grigio 2001

Avatar utente
Socio79
MOTOCICLISTA ESPERTO
MOTOCICLISTA ESPERTO
Messaggi: 1674
Iscritto il: giovedì 1 maggio 2003, 2:00
Località: Cogliate (MB)

Messaggio da Socio79 » sabato 9 agosto 2008, 13:59

Ciao carissimo!!! :D

In effetti si... una carburazione troppo magra può creare problemi di questo tipo e purtroppo noi non abbiamo una sonda lambda che retroaziona il tutto.
Fare la carburazione della i.e. secondo me è più semplice... basta girare una vite... a patto di aver quel analizzatore infernale!
Su ebay se ne trovano anche a 50 €... ma funzioneranno bene???

Ad ogni modo sulla peggy montiamo una centralina "alfa N", ovvero ci consente di regolare la carburazione SOLO nella parte bassa dell'erogazione (credo fino a 3000/3500 rpm) mentre nella parte alta sfrutta valori "fissi" arbitrariamente giusti, scritti in memoria non volatile in fabbrica.
Quindi se davvero sbagliamo, è colpa nostra MA solo fino a 3500 giri/min. :wink:

Ciao e lamps a tutti!!! :D :tunz:
- Pegaso i.e. 2001 Bluevert (recovery)
- Honda CBF 1000 F

Ciao e lamps a tutti!!! :D :tunz:

Avatar utente
maxbunker
Diversamente dinamico
Diversamente dinamico
Messaggi: 2580
Iscritto il: sabato 22 novembre 2003, 18:33
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da maxbunker » sabato 9 agosto 2008, 14:10

Socio79 ha scritto:Ciao carissimo!!! :D
< ... >
Quindi se davvero sbagliamo, è colpa nostra MA solo fino a 3500 giri/min. :wink:
< ... >
Cavolo ... e' il mio range di utilizzo del Rotax !!! :oops:
Socio79 ha scritto:< ... >
Fare la carburazione della i.e. secondo me è più semplice... basta girare una vite... a patto di aver quel analizzatore infernale!
Su ebay se ne trovano anche a 50 €... ma funzioneranno bene???
< ... >
Ma se uno fa' una sonda magari fissa con una sonda lambda come ha fatto Sergio ? Magari trovata da un demolitore si trova qualcosa a prezzi + decenti ... :roll:

Socio79, visto la tua esperienza su queste cose (e non fare il falso-modesto ...) hai dei riferimenti a documenti tecnici o altro su questa diavolo di Sagem che montiamo ? :roll:
Da come si comporta e da come e' costruita, una per tutti il livello del minimo a freddo controllato ... meccanicamente, l'ho sempre paragonata ad una centralina "Gardenia" ... quella per le piante !!! :ridi:
Grazie !!!

L@mps :motosmile:
Max
MaxBunker: Lazio (RM) - Roma
Pegaso I.E. - 2003 - Rosso Mirò

Immagine
"Aho, sò pezzi de fero non figli..." [Bugio: 2/10/2009]

Cadutoqua
GOMMA PIATTA
GOMMA PIATTA
Messaggi: 264
Iscritto il: lunedì 26 aprile 2004, 11:53
Località: Borgomanero

Messaggio da Cadutoqua » sabato 9 agosto 2008, 15:50

Socio79 ha scritto:Ciao carissimo!!! :D

In effetti si... una carburazione troppo magra può creare problemi di questo tipo e purtroppo noi non abbiamo una sonda lambda che retroaziona il tutto.
Fare la carburazione della i.e. secondo me è più semplice... basta girare una vite... a patto di aver quel analizzatore infernale!
Su ebay se ne trovano anche a 50 €... ma funzioneranno bene???

Ad ogni modo sulla peggy montiamo una centralina "alfa N", ovvero ci consente di regolare la carburazione SOLO nella parte bassa dell'erogazione (credo fino a 3000/3500 rpm) mentre nella parte alta sfrutta valori "fissi" arbitrariamente giusti, scritti in memoria non volatile in fabbrica.
Quindi se davvero sbagliamo, è colpa nostra MA solo fino a 3500 giri/min. :wink:

Ciao e lamps a tutti!!! :D :tunz:

si dal punto di vista del lavoro in se è una sciocchezza giri a dx o a sx e lo fai.....
ma se non hai il dannato aggeggio a naso è un casino.

il range di funzionamento è più o meno il mio anche perchè a 3000 3500 giri siamo già sui 110.... e da queste parti quando vedono una moto le fdo.... iniziano a sfregarsi le mani.....

per gli analizzatori sulla baya....

non li ho mai visti se ne trovi uno mi metti il link che mi incuriosisce stu fatto....


ciao
Pegaso 650 i.e. bluevert/grigio 2001

Avatar utente
Socio79
MOTOCICLISTA ESPERTO
MOTOCICLISTA ESPERTO
Messaggi: 1674
Iscritto il: giovedì 1 maggio 2003, 2:00
Località: Cogliate (MB)

Messaggio da Socio79 » domenica 10 agosto 2008, 11:48

maxbunker ha scritto:Cavolo ... e' il mio range di utilizzo del Rotax !!! :oops:
Ma se uno fa' una sonda magari fissa con una sonda lambda come ha fatto Sergio ? Magari trovata da un demolitore si trova qualcosa a prezzi + decenti ... :roll:
Sergio ha fatto questo??? VOGLIO E DEVO saperne di piùùù!!!
maxbunker ha scritto:
Socio79, visto la tua esperienza su queste cose (e non fare il falso-modesto ...) hai dei riferimenti a documenti tecnici o altro su questa diavolo di Sagem che montiamo ? :roll:
Ti ringrazio x tanta fiducia, ma non è tutta farina del mio sacco... :oops:
X le documentazioni non ho ancora trovato nulla e, avendo contatti x lavoro con sagem, conoscendoli, dubito ne troverò mai...

Sarebbe molto utile trovare i manuali del costruttore, almeno potremmo "pasticciarla" un pò e sbloccare tenti cavallini che potremmo avere nel Rotax!
Da quanto ho capito il "power commander" non è interfacciabile con la nostra centralina "ermetica".

Se mai troveremo info tecniche, al momento credo che la soluzione migliore sarebbe buttarla in pattumiera (raccomando la differenziata) e montare una centralina after market totalmente nuova e programmabile, magari cercando di utilizzare i sensori già montati sulla moto senza usarne di nuovi e aggiungere la sonda lambda.
Fatto questo mettiamo l'airbox in pressione magari con un turbo centrifugo e...
Forse stò sognando troppo... :lol:

Ciao e lamps tutti!!! :D :tunz:
- Pegaso i.e. 2001 Bluevert (recovery)
- Honda CBF 1000 F

Ciao e lamps a tutti!!! :D :tunz:

Avatar utente
Socio79
MOTOCICLISTA ESPERTO
MOTOCICLISTA ESPERTO
Messaggi: 1674
Iscritto il: giovedì 1 maggio 2003, 2:00
Località: Cogliate (MB)

Messaggio da Socio79 » domenica 10 agosto 2008, 11:53

Cadutoqua ha scritto: il range di funzionamento è più o meno il mio anche perchè a 3000 3500 giri siamo già sui 110.... e da queste parti quando vedono una moto le fdo.... iniziano a sfregarsi le mani.....

per gli analizzatori sulla baya....

non li ho mai visti se ne trovi uno mi metti il link che mi incuriosisce stu fatto....
Sarà bene aspettare settembre...
in questi giorni sarà dura convincere i venditori a stare a casa x concludere la transazione... il mare piace a tutti!!!
Ho fatto una ricerca veloce e ne ho trovato uno solo che costava migliaia di euro... e quello credo che funzioni davvero!

Ciao e lamps tutti!!! :D :tunz:
- Pegaso i.e. 2001 Bluevert (recovery)
- Honda CBF 1000 F

Ciao e lamps a tutti!!! :D :tunz:

Avatar utente
maxbunker
Diversamente dinamico
Diversamente dinamico
Messaggi: 2580
Iscritto il: sabato 22 novembre 2003, 18:33
Località: Roma
Contatta:

Messaggio da maxbunker » domenica 10 agosto 2008, 14:31

Socio79 ha scritto:
maxbunker ha scritto:Cavolo ... e' il mio range di utilizzo del Rotax !!! :oops:
Ma se uno fa' una sonda magari fissa con una sonda lambda come ha fatto Sergio ? Magari trovata da un demolitore si trova qualcosa a prezzi + decenti ... :roll:
Sergio ha fatto questo??? VOGLIO E DEVO saperne di piùùù!!!
< ... >
Ciao!! Immagine
Qui trovi una copia dell'articolo di Sergio che avevo fatto quando il sito si chiamava ETV1000 ... :wink:
Sonda Lambda by Sergio
Adesso cerco qualche link di Sergio: mi pare ci fosse un suo intervento dove spiegava il significato dei valori rilevati dalla lambda.
Quello che vorrei capire se si puo' utilizzare direttamente la predisposizione della I.E. per la sonda x CO. Immagine

L@mps :motosmile:
Max
MaxBunker: Lazio (RM) - Roma
Pegaso I.E. - 2003 - Rosso Mirò

Immagine
"Aho, sò pezzi de fero non figli..." [Bugio: 2/10/2009]

Avatar utente
sergio
MONOmaniaco
MONOmaniaco
Messaggi: 8830
Iscritto il: sabato 19 gennaio 2002, 1:00
Località: Cerveteri (Rm)

Messaggio da sergio » domenica 10 agosto 2008, 18:01

maxbunker ha scritto:
Adesso cerco qualche link di Sergio: mi pare ci fosse un suo intervento dove spiegava il significato dei valori rilevati dalla lambda.

L@mps :motosmile:
Max
Il tutto è spiegato qui.....a cosa serviva la lambda
http://www.apriliaontheroad.com/index.p ... F9&meid=45
Però....che la testa si bruci perchè la carburazione è magra sulla i.e. la vedo dura....
Un aluto
Immagine Immagine Immagine

Scrivo su questa comunità da un pò prima della fine del 2001 periodo in cui Lucaweb decise di rinominare "Pegasocube.it" in "Apriliaontheroad.com" unendo possessori di Pegaso e Caponord.

Avatar utente
GheGhe
THE UNSTOPPABLE
THE UNSTOPPABLE
Messaggi: 8677
Iscritto il: domenica 30 marzo 2008, 8:41
Moto: gs 1200 adv
Tel: +393407843464
Località: Mèidla
Contatta:

Messaggio da GheGhe » domenica 10 agosto 2008, 23:54

Grazie veramente Sergio... :tnx:

Sei una risorsa veramente inesauribile, una autorità in materia :teach:

GheGhe
Immagine"quando è stata l'ultima volta che hai fatto qualcosa per la prima volta...?" cit

Avatar utente
sergio
MONOmaniaco
MONOmaniaco
Messaggi: 8830
Iscritto il: sabato 19 gennaio 2002, 1:00
Località: Cerveteri (Rm)

Messaggio da sergio » lunedì 11 agosto 2008, 22:28

GheGhe ha scritto:Grazie veramente Sergio... :tnx:

Sei una risorsa veramente inesauribile, una autorità in materia :teach:

GheGhe
Andiamoci piano con i complimenti che mi fate arrossire :oops:
Anche io devo ancora imparare tante cose......sui motori
La cosa certa e che qui dentro, con l'ausilio di tutti, sicuramente a qualcosa si viene a capo :wink:
Un saluto
Immagine Immagine Immagine

Scrivo su questa comunità da un pò prima della fine del 2001 periodo in cui Lucaweb decise di rinominare "Pegasocube.it" in "Apriliaontheroad.com" unendo possessori di Pegaso e Caponord.

Avatar utente
Socio79
MOTOCICLISTA ESPERTO
MOTOCICLISTA ESPERTO
Messaggi: 1674
Iscritto il: giovedì 1 maggio 2003, 2:00
Località: Cogliate (MB)

Messaggio da Socio79 » martedì 19 agosto 2008, 19:50

GheGhe ha scritto:Grazie veramente Sergio... :tnx:

Sei una risorsa veramente inesauribile, una autorità in materia :teach:
Quoto anch'io!!! :salta:

Che sonda hai usato Sergio?
Nuova o recuperata da che veicolo?

Appena ho due minuti voglio mettermi a giocarci anch'io...
Anche se interfacciarmi alla centralina sagem sarà molto difficile... :(

Ciao e lamps a tutti!!! :D :tunz:
- Pegaso i.e. 2001 Bluevert (recovery)
- Honda CBF 1000 F

Ciao e lamps a tutti!!! :D :tunz:

ppastorin
MOTOCICLISTA ESPERTO
MOTOCICLISTA ESPERTO
Messaggi: 1725
Iscritto il: martedì 16 luglio 2002, 2:00
Località: (TO)
Contatta:

Messaggio da ppastorin » martedì 19 agosto 2008, 23:49

sergio ha scritto: Però....che la testa si bruci perchè la carburazione è magra sulla i.e. la vedo dura....
In effetti mi chiedevo anch'io come potrebbe capitare. Idee ? Miscela magra = temperatura di scoppio più alta o più bassa (a orecchio direi la seconda) ?
Io ho la mia i.e. che è magrissima (es. faccio i 18 in città e ha passato di slancio i controlli fumi delle ultime due revisioni) da almeno 20.000 km (ora ne ha 39.000), ma per ora :sgrat: la temperatura è sempre lì (non mangia acqua né sopra nè sotto, non scalda in maniera anomala, ecc, ecc).

PaoloP

Avatar utente
Socio79
MOTOCICLISTA ESPERTO
MOTOCICLISTA ESPERTO
Messaggi: 1674
Iscritto il: giovedì 1 maggio 2003, 2:00
Località: Cogliate (MB)

Messaggio da Socio79 » mercoledì 20 agosto 2008, 14:40

ppastorin ha scritto: In effetti mi chiedevo anch'io come potrebbe capitare. Idee ?
PaoloP
Ciao Paolo! :D
Io credo che la "colpa" sia di un'errato dimensionamento termico riguardo il prigioniero centrale tra i due collettori di scarico e del relativo dado di bloccaggio che tende ad allentarsi... Dopo 1000 km che avevo cambiato la guarnizione ho aperto x stringere e l'ho trovato allentato di circa 1/3 di giro... :-?

Ciao e lamps a tutti!!! :D :tunz:
- Pegaso i.e. 2001 Bluevert (recovery)
- Honda CBF 1000 F

Ciao e lamps a tutti!!! :D :tunz:

Avatar utente
sergio
MONOmaniaco
MONOmaniaco
Messaggi: 8830
Iscritto il: sabato 19 gennaio 2002, 1:00
Località: Cerveteri (Rm)

Messaggio da sergio » mercoledì 20 agosto 2008, 21:44

maxbunker ha scritto:
Quello che vorrei capire se si puo' utilizzare direttamente la predisposizione della I.E. per la sonda x CO. Immagine

L@mps :motosmile:
Max
Comincio da qui a darvi qualche risposta :wink: alle vs. domande
Max il foro per la lambda deve essere filettato e di passo 18x1,5 (se mi ricordo bene) un qualcosa grande come il tappo di scarico dell'olio motore e non penso che il foro di prelievo dei gas di scarico per l'analizzatore sia così grosso..
Io ci ho saldato sul collettore un dado reperito da un venditore di "balestre per autocarri" alla SOMIRA sul G.R.A.
http://www.hotfrog.it/Societa/S-o-m-i-r-a-Srl
Per gli altri vi posto qui di seguito una discussione che salvai a suo tempo che dice come non sia possibile smagrire + di tanto con la vitina della centralina che regola il CO sulla i.e.
Quindi niente paura :wink: nessun riscaldamento eccessivo potrà mai generarsi regolando quella vite !!
Quelle regola il CO al minimo o giu' di lì...
al massimo il motore ciuffa e si spegne se il CO è troppo basso
Questo perchè comunque per avere una combustione ci deve essere un pò di CO residuo che in teoria rende "grassa" la carburazione al minimo
I danni per smagrimento si possono generare ad alto medio regime ma per intervenire lì bisogna mettere mano alle mappature
per fare ciò esiste questo (non so se anche per al peggy i.e)
qualora fosse disponibile il prodotto (chi gli scrive in inglese??)
http://www.tuneboy.com.au/Products/Products.html

con questo si può fare TUTTO (e quindi anche i danni !!)molto molto di più che una power commander
Questa risposta (ma non chiedetemi con chi ho avuto questa discussione...non me lo ricordo) spiega un pò il funzionamento della centralina della peggy
Il sistema i.e. che ha la peggy e del tipo cosiddetto “Alfa/N”
Il controllo dell’accensione e dell’iniezione sfrutta due informazioni principali.
L’angolo di apertura della farfalla e il numero dei giri del motore
Questi due informazioni utilizzate vengono chiamate “ALFA” e “N”
Inoltre le tabelle presenti nella memoria della centralina fanno corrispondere ad un certo regime di rotazione ed a un certo angolo di apertura della farfalla un “Tempo di iniezione”(inteso come periodo durante il quale l’iniettore spruzza) associato ad un angolo di fasatura (inteso come momento nel quale inizia a spruzzare) ed a un angolo di anticipo di accensione(momento in cui scocca la scintilla in anticipo rispetto il punto morto superiore)
Gli altri dati provenienti dai vari sensori come la temperatura dell’acqua la pressione barometrica, la temperatura dell’aria e la tensione della batteria forniscono dei dati correttivi alle mappature principali determinate da “ALFA” e “N”
E cosi che a freddo il sensore della temperatura varierà un po’ la mappatura standard Alfa e N per arricchire un po’ la carburazione fintantoché il motore e freddo oppure il sensore barometrico smagrirà la carburazione al salire di altitudine.
Quindi il, CO che è possibile regolare con la vite interviene solo per rotazioni del motore prossime al minimo o nelle prime fasi di apertura del motore
La vitina nella centralina rappresenta quella che era la vite miscela nei carburatori
Solo che nella centralina và ad intervenire sui tempi di apertura degli iniettori allungandolo o abbreviandolo.
Cosi facendo si riesce a smagrire(meno CO) e a ingrassare (+ CO) la carburazione al minimo
Agli alti regimi la vitina non influenza le mappature Alfa e N memorizzate nella centralina nella fase progettuale e generalmente al banco prova o nelle prove su strada di collaudo
La mappatura Alfa e N inserita nella centralina, corretta in parte dai dati provenenti dai sensori rappresenta la taratura dei carburatori in una moto a carburatori
La differenza che forse tu non riesci a capire e quella data dalla sonda lambda che inserita in questo circuito come un ulteriore sensore adegua all’istante la carburazione (modificando i tempi di iniezione) tenendola sempre all’intorno del valore ottimale per far funzionare al meglio il catalizzatore anche con il passare dei chilometri e con l’invecchiamento del motore.
Per questo un tale sistema è più evoluto e definito “Autoadattivo”nel senso chi autoadatta alle variazioni che intervengono con il passare dei chilometri
La vite di regolazione del CO non esiste in questi sistemi di solito si può intervenire sulla carburazione collegandosi alla centralina e si va a modificare le mappature anche qui Alfa e N ….ma non è un gioco per tutti intervenire sulle mappature serve tanta tanta esperienza …e un buon budget a disposizione!!

Per la testata che si allenta rispondendo a Socio io direi che più che un difetto di progettazione di quel prigioniero c'è una reale esigenza nel doverlo restringerlo almeno 1 volta dopo aver cambiato la guarnizione
E se becco quell'incompetente di Aprilia che ha tolto dal manuale officina questa prescrizione (da farsi al 1° tagliando sulla mia peggy del 1995).........
:evil:
:evil: :evil:
Un saluto
Immagine Immagine Immagine

Scrivo su questa comunità da un pò prima della fine del 2001 periodo in cui Lucaweb decise di rinominare "Pegasocube.it" in "Apriliaontheroad.com" unendo possessori di Pegaso e Caponord.

Avatar utente
Socio79
MOTOCICLISTA ESPERTO
MOTOCICLISTA ESPERTO
Messaggi: 1674
Iscritto il: giovedì 1 maggio 2003, 2:00
Località: Cogliate (MB)

Messaggio da Socio79 » mercoledì 20 agosto 2008, 22:01

:D Grazie 1000!
Preciso ed esauriente come sempre!

Che la guarnizioni nuova necessiti di una seconda tirata è normale, trovo però almeno inusuale trovare un prigioniero allentato cosi tanto... :-?
E anche un pò scomodo il doverla tirare una o due volte all'anno... :x

Cmq anche io stò cercando chi ha cancellato quell'indicazione dai manuali... chi lo trova x primo avvisa... :lol:

Ciao e lamps a tutti!!! :D :tunz:
- Pegaso i.e. 2001 Bluevert (recovery)
- Honda CBF 1000 F

Ciao e lamps a tutti!!! :D :tunz:

Rispondi

Torna a “Guarnizione testa PEGASO ROTAX”