La candela

Cruscotto, ecu, blocchetti, luci, regolatore, batteria
Rispondi
Avatar utente
Lupo motociclista
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 1595
Iscritto il: lunedì 28 ottobre 2013, 13:09
Moto: Pegaso strada 2008
Località: TORINO

La candela

Messaggio da Lupo motociclista » martedì 5 giugno 2018, 9:22

Viste le recenti disavventure di Vittorio, ma non solo lui, vorrei scrivere una breve trattazione sulla candela e sull'accensione
Nulla di particolarmente nuovo, in rete facilmente trovi informazioni sull'accensione e le candele, ma scrivono sempre le stesse cose, ricopiandosi a vicenda e ripetendo "ad nauseam" i soliti tantra.
Qui troverete qualche cosa di nuovo, almeno spero.
Vi risparmio le solite banalità su come è fatta una candela, piuttosto elencherò alcune particolarità forse non ben conosciute.
Il nostro sistema di accensione è formato da un generatore di tensione; questo è singolare perchè noi siamo abituati ai generatori di corrente: le pile, la presa a 220 volt a casa, la batterie dell'auto. Tutti questi forniscono quanta corrente vuoi (ovviamente sino a un certo limite) sempre a tensione costante, invece il nostro sistema di accensione , che per inciso è a scarica induttiva, fornisce quanta tensione vuoi (ovviamente sino a un certo limite) a corrente costante. Il che significa che si adatta alle condizioni variabili della camera di scoppio: cioè pressione, temperatura, dosatura della miscela, distanza degli elettrodi della candela e via discorrendo. Motori compressi abbisognano di maggior tensione per far scoccare la scintille, idem per forti aperture di gas o candele vecchie e usurate. Il tallone di Achille è rappresentato dalle dispersioni di corrente: candele sporche, cattivo isolamento del cavo o della bobina: la corrente è quella ed è limitata, se passa da altre parti la scintilla scocca debole o non scocca del tutto.
Il carbonio, che è il tipico residuo fisso da combustione, conduce piuttosto bene la corrente, non è isolante, una candela nera, fuligginosa facilmente conduce a mancate accensioni (misfire), con una candela nuova il fenomeno sparisce, ma se non si elimina la causa, si riproporrà ciclicamente.
Con gli attuali sistemi di accensione elettronica si è passati da un energia della scintilla da 5-10 millijoule, quelli delle vecchie accensioni a puntine platinate, ( i diversamente giovani come me li ricordano bene... :D) a 50-100 millijoule, il motore brucia molto meglio la miscela, si possono usare rapporti di compressione un tempo proibitivi e regimi assai elevati.
Come contropartita abbiamo un consumo maggiore della candela.
Una legge della fisica dice che quanto più una punta è acuminata tanto meglio può scoccare da essa una scintilla, è evidente che si dovrebbe avere un elettrodo centrale della candela più a punta possibile, ma così facendo la candela durerebbe poche migliaia di chilometri per il consumarsi precoce della stessa punta.
Esiste un metallo, l'iridio, che ha un altissimo punto di fusione, buone caratteristiche di robustezza e conduce la corrente. Ottimo per la punta di queste candele.
C'è un problema, saldare la punta di iridio all'elettrodo centrale è difficilissimo, non ha la robustezza di un elettrodo centrale unico per cui la candela non è robustissima; fare un unico elettrodo centrale di iridio è proibitivo per i costi, l'iridio costa più dell'oro.
In compenso una siffatta candela brucia meglio la miscela e dura parecchio di più.
Io uso solo quella, in particolare quella della Denso che vanta un brevetto solo suo, una banalità, ma l'elettrodo di massa non è piatto, bensi ha un incavo a V rovesciata che permette di condensare ancor più la scintilla con un piccolo miglioramento dell'accensione.
Accennavo in un'altra discussione che in giro esistono candele tarocche, specie all'iridio: punte solo rivestite di iridio, elettrodi saldati in maniera approssimativa, e così via. Meglio controllare al momento dell'acquisto
e http://www.ngk-sparkplugs.jp/english/te ... index.html
Un'ultima chiosa, la candela è autopulente, a temperature superiori a 400° centigradi i depositi carboniosi bruciano e la candela si pulisce, però bisogna arrivarci! Se viaggiate sempre a 3-4000 giri con basse aperture di gas e abitate in paesi come la Norvegia ( paese assolutamente scelto a caso :culo: ) difficilmente la candela si autopulirà.
Spero di aver chiarito qualche dubbio e aver dato, nel mio piccolo, qualche informazione che esula dai soliti trattati sulla candela.
Per domande, sfottiture, rettifiche e inesattezze riscontrate sono a disposizione. :)
La teoria è quando si sa tutto ma non funziona niente. La pratica è quando funziona tutto ma non si sa il perché. In ogni caso si finisce sempre con il coniugare la teoria con la pratica: non funziona niente e non si sa il perché
Albert Einstein

Immagine

Avatar utente
giamaica75
TANTO FORUM-POCA MOTO
TANTO FORUM-POCA MOTO
Messaggi: 6120
Iscritto il: sabato 7 aprile 2012, 22:52
Moto: Pegaso Strada 2006
Tel: +4790576316
Località: Drammen, Norway (provenienza San Lorenzo Maggiore, BN)

Re: La candela

Messaggio da giamaica75 » martedì 5 giugno 2018, 9:45

Dato che mi sento tirato in ballo (a caso), ti rispondo che le mie candele al momento sono autosporcanti, nonostante stia guidando con oltre 30 gradi e facendo pure qualche tirata a limitatore (rischiando patente e conto in banca...)...
Moto possedute: Superbravo 3 - Vespa PX150E - Yamaha XT600E - Aprilia Pegaso Strada - Aprilia Pegaso 125

Immagine
Immagine

Avatar utente
Lupo motociclista
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 1595
Iscritto il: lunedì 28 ottobre 2013, 13:09
Moto: Pegaso strada 2008
Località: TORINO

Re: La candela

Messaggio da Lupo motociclista » martedì 5 giugno 2018, 10:56

giamaica75 ha scritto:
martedì 5 giugno 2018, 9:45
Dato che mi sento tirato in ballo (a caso), ti rispondo che le mie candele al momento sono autosporcanti, nonostante stia guidando con oltre 30 gradi e facendo pure qualche tirata a limitatore (rischiando patente e conto in banca...)...
Ecco qui bisognerebbe scoprire il perchè, visto che:
a) una volta non ti succedeva
b) adotti già uno stile di guida aggressivo.
Potresti ovviare in parte al problema mettendo delle candele più calde, vediamo noi abbiamo la CR7E o se usi quella all'iridio è CR7EIX ( IU22 per la Denso)
potresti provare con una CR6E (CR6EIX - IU20 denso)
Ma è solo un idea, sia chiaro
La teoria è quando si sa tutto ma non funziona niente. La pratica è quando funziona tutto ma non si sa il perché. In ogni caso si finisce sempre con il coniugare la teoria con la pratica: non funziona niente e non si sa il perché
Albert Einstein

Immagine

Avatar utente
animaster84
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 980
Iscritto il: lunedì 20 gennaio 2014, 13:52
Moto: PegasoStrada "Perla"
Località: Città di Castello (PG)

Re: La candela

Messaggio da animaster84 » martedì 5 giugno 2018, 14:04

Grandissimo Sergio, è sempre un piacere leggerti!

Dato che devo cambiare la mia candela (NGK Iridio) voglio prendere la DENSO...

Ma alla fine di tutto, cosa cambia tra quella standard e quella più calda?
Immagine Immagine Immagine
Aprilia Pegaso Strada "Perla" @7850 rpm - Moto Guzzi Airone 250 Sport II Serie - 1952
Immagine
Quando la vita ti "soffoca" ricorda... La prima in giù, tutte le altre in su!

Avatar utente
Lupo motociclista
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 1595
Iscritto il: lunedì 28 ottobre 2013, 13:09
Moto: Pegaso strada 2008
Località: TORINO

Re: La candela

Messaggio da Lupo motociclista » martedì 5 giugno 2018, 15:56

animaster84 ha scritto:
martedì 5 giugno 2018, 14:04
Grandissimo Sergio, è sempre un piacere leggerti!

Dato che devo cambiare la mia candela (NGK Iridio) voglio prendere la DENSO...

Ma alla fine di tutto, cosa cambia tra quella standard e quella più calda?
Una candela più calda è maggiormente isolata di una fredda, il calore verso la testata sarà minore (vedi schema) questo comporta che si scalderà prima, manterrà di più il calore e quindi il suo campo di funzionamento sarà in un campo di temperatura più caldo di una fredda , Immagine
Se è troppo fredda si imbratta, se è troppo calda si "brucia" ergo esiste un campo ottimale per ogni tipo di candela e motore
Immagine
Il campo non è critico, esiste un ampia scelta, un tempo si montavano candele più calde d'inverno e più fredde d'estate, adesso le candele sono molto più tolleranti*
Secondo me la pegaso monta una candela un po' freddina, ma posso anche sbagliarmi, s'intende, bisognerebbe provare.
La teoria è quando si sa tutto ma non funziona niente. La pratica è quando funziona tutto ma non si sa il perché. In ogni caso si finisce sempre con il coniugare la teoria con la pratica: non funziona niente e non si sa il perché
Albert Einstein

Immagine

Avatar utente
animaster84
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 980
Iscritto il: lunedì 20 gennaio 2014, 13:52
Moto: PegasoStrada "Perla"
Località: Città di Castello (PG)

Re: La candela

Messaggio da animaster84 » martedì 5 giugno 2018, 16:55

Grazie!
Hai un sito dove consigliarmi l'acquisto?
Immagine Immagine Immagine
Aprilia Pegaso Strada "Perla" @7850 rpm - Moto Guzzi Airone 250 Sport II Serie - 1952
Immagine
Quando la vita ti "soffoca" ricorda... La prima in giù, tutte le altre in su!

Avatar utente
Lupo motociclista
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 1595
Iscritto il: lunedì 28 ottobre 2013, 13:09
Moto: Pegaso strada 2008
Località: TORINO

Re: La candela

Messaggio da Lupo motociclista » martedì 5 giugno 2018, 19:06

animaster84 ha scritto:
martedì 5 giugno 2018, 16:55
Grazie!
Hai un sito dove consigliarmi l'acquisto?
Proprio non saprei, io la presi su ebay, sconsiglierei i siti cinesi, se poi vai dal tuo motoricambista grossomodo spendi lo stesso.
La teoria è quando si sa tutto ma non funziona niente. La pratica è quando funziona tutto ma non si sa il perché. In ogni caso si finisce sempre con il coniugare la teoria con la pratica: non funziona niente e non si sa il perché
Albert Einstein

Immagine

Avatar utente
Giampaolo
NONNO DEL FORUM
NONNO DEL FORUM
Messaggi: 12781
Iscritto il: venerdì 19 ottobre 2007, 13:56
Moto: Caposcimmia 2003
Tel: 3284151349
Località: CESANO MADERNO M.B.
Contatta:

Re: La candela

Messaggio da Giampaolo » martedì 5 giugno 2018, 21:25

animaster84 ha scritto:
martedì 5 giugno 2018, 16:55
Grazie!
Hai un sito dove consigliarmi l'acquisto?
http://www.torquemaster.it/
Concedimi la serenità di accettare le cose che non posso modificare.
Il coraggio per modificare quelle che posso.
E la saggezza per riconoscerne la differenza


Immagine

Avatar utente
animaster84
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 980
Iscritto il: lunedì 20 gennaio 2014, 13:52
Moto: PegasoStrada "Perla"
Località: Città di Castello (PG)

Re: La candela

Messaggio da animaster84 » lunedì 18 giugno 2018, 13:59

Montata ieri candela più calda, quella consigliata da Lupo!

Giretto ieri, circa 30°, ho notato differenze quasi nulle... forse un pelo più di prontezza nell'on-off, a volte prima mi sembrava quasi che facesse un minimo singhiozzo...
Non ho sentito battiti in testa...
Provata anche stamattina per venire al lavoro, temperatura sui 15-18°, anche qui nulla da segnalare...
Forse un po' meno borbottii e scoppi...


Ora spero solo che non mi si sfondi il pistone! :cool:
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Immagine Immagine Immagine
Aprilia Pegaso Strada "Perla" @7850 rpm - Moto Guzzi Airone 250 Sport II Serie - 1952
Immagine
Quando la vita ti "soffoca" ricorda... La prima in giù, tutte le altre in su!

Avatar utente
Lupo motociclista
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 1595
Iscritto il: lunedì 28 ottobre 2013, 13:09
Moto: Pegaso strada 2008
Località: TORINO

Re: La candela

Messaggio da Lupo motociclista » lunedì 18 giugno 2018, 14:18

in effetti differenze non ci debbono essere, stai semplicemente "lavorando" in un campo di temperature maggiori per cui meno tendenza ad imbrattarsi e maggior effetto autopulente. La possibilità che ora la candela diventi rovente, tale da provocare autoaccensioni con un motore tranquillo come il nostro e ad andature stradali la escluderei a priori. :ridi: :ridi:
In ogni caso tra un po' la smonti e verifichi il colore.
La teoria è quando si sa tutto ma non funziona niente. La pratica è quando funziona tutto ma non si sa il perché. In ogni caso si finisce sempre con il coniugare la teoria con la pratica: non funziona niente e non si sa il perché
Albert Einstein

Immagine

Avatar utente
Giampaolo
NONNO DEL FORUM
NONNO DEL FORUM
Messaggi: 12781
Iscritto il: venerdì 19 ottobre 2007, 13:56
Moto: Caposcimmia 2003
Tel: 3284151349
Località: CESANO MADERNO M.B.
Contatta:

Re: La candela

Messaggio da Giampaolo » lunedì 18 giugno 2018, 19:24

Concedimi la serenità di accettare le cose che non posso modificare.
Il coraggio per modificare quelle che posso.
E la saggezza per riconoscerne la differenza


Immagine

Avatar utente
animaster84
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 980
Iscritto il: lunedì 20 gennaio 2014, 13:52
Moto: PegasoStrada "Perla"
Località: Città di Castello (PG)

Re: La candela

Messaggio da animaster84 » lunedì 18 giugno 2018, 20:19

Giampaolo ha scritto:
lunedì 18 giugno 2018, 19:24


viewtopic.php?f=308&t=42350&p=810010&hi ... re#p810010

Grazie mille!!!
Immagine Immagine Immagine
Aprilia Pegaso Strada "Perla" @7850 rpm - Moto Guzzi Airone 250 Sport II Serie - 1952
Immagine
Quando la vita ti "soffoca" ricorda... La prima in giù, tutte le altre in su!

Rispondi

Torna a “Elettrica/Elettronica PS”