NORDKAPP 2015: un sogno diventato viaggio! conti a pag. 3

Raccontate con dettagli e foto i vostri viaggi e uscite più belli!
Avatar utente
DAviDE
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 7127
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2002, 1:00
Moto: ETV 1000 CAPONORD '05
Località: Cuneo

NORDKAPP 2015: un sogno diventato viaggio! conti a pag. 3

Messaggio da DAviDE » lunedì 17 agosto 2015, 10:38

Da quando comprai la Caponord 10 anni fa un pensiero comincio a girarmi in testa, pensai “ un giorno arriverò a Nordkapp con questa moto” mai avrei pensato di riuscire in questo intento proprio in occasione del compleanno della moto e soprattutto, del traguardo dei 100.000 km!!! un idea nata a Gennaio grazie allo spunto dato da Vittorio (Giamaica75) che abitando in Norvegia proponeva un viaggio dalle sue parti e poi come capita spesso quando pensi di non riuscire nel progetto ti capita di sentire un vecchio amico per tutt'altra cosa e finire il discorso con “ Ma sai che anche io e Rossella pensavamo a Kaponord quest'anno?? che si fa si organizza??” Detto e fatto, grazie Andrea (Andrema) se ho potuto realizzare il mio sogno lo devo a te, 21 giorni in moto al nord con la tenda e i tuoi consigli. Ma andiamo con ordine, ho cercato di realizzare un piccolo diario di bordo, non sono uno scrittore percui non sarà un best-seller ma spero vi piaccia leggere le emozioni che ho provato, ho tenuto anche una lista accurata delle spese, alla fine del diario segnerò tutti i dati tecnici in modo da poter essere utile a cui vorrà prendere spunto per i suoi futuri viaggi!!!

Protagonisti:
DAviDE – Aprilia Caponord 1000
ANDREMA – Suzuki Vstrom 1000

il viaggio:
Immagine

1° giorno 28 giugno Domenica Vinovo – Rothenborg o.d.t. (D) - 711 km

La prima notte in tenda!! Sembra una cavolata ma pensare che da ora per 20 giorni questa sarà la mia casetta mi prende un po' male, ho scelto la Ferrino MTB due posti 'intimi' e non l altra che ho da alta montagna perche questa è più piccola e leggera e si monta in 2 minuti, certo che essendo monotelo spero che pioggia e freddo non siano poi un problema!! Siamo a Rothenborg odt, un bellissimo borgo medioevale in Germania 100 km dopo la tappa prevista a Ulm, la strada scorrevole e il traffico normale ci hanno permesso una media più alta. Stamattina siamo partiti da vinovo col sole e già caldo, i 29 C° ci hanno accompagnato fino alla Svizzera poi al tunnel del San Bernardino con 19°C l abbiamo attraversata tutta, una deviazione via Austria (dove abbiamo scroccato un tratto di autostrada senza bollino, da bravi italiani) poi Germania, Andrea si ricordava di questo paese e cosi ci siamo fiondati al campeggio, Andrea con il suo nuovo Zumo nn vedeva l ora di poterci giocare!!! piazzato il campo base ci siamo incamminati in paese per visitarne le vie, molto bello lo stile di questa parte di Germania, temperatura ideale di 25 gradi, un kebab e una birra e poi a nanna che domani cercheremo di superare Amburgo e rimanere in anticipo sui tempi!!!

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

2° giorno 29 giugno Lunedi Rothenborg o.d.t. - Puttgarden (D) - 717 km

Oggi una scorpacciata di pallostrada!! Ma siamo in campeggio già a Puttgarden, grande Andrea alla sosta benza dopo Amburgo se ne esce con la frase “ ma andassimo su fino a Puttgarden? Cosi domattina ci imbarchiamo subito” ed eccoci qua, campeggio riva al mare con vista in lontananza sui traghetti che domani ci porterà in Danimarca!!! la prima notte in tenda si è rivelata un po' cosi' da capire un po' come le posizioni sul materassino gonfiabile speriamo stanotte. Anche oggi sole e caldo sull autoban tedesca, di nuovo in anticipo sulla tappa prevista, ci siamo sistemati in campeggio, montato campo base e grazie al caldo e al vento anche lavato i primi panni, una bella doccia e via a mangiare bene per l ultima volta al ristorante del campeggio, carne e birra che da domani iniziamo con risotti e scatolette!!
Ora sto scrivendo dal tavolino in legno del campeggio a fianco delle tende dove domattina faremo colazione, appena rientrati da due passi lungo mare verso il porto, ora inizia a fare freschetto ma già penso che domani attraverserò la Danimarca per arrivare poi in Svezia, inizia il vero viaggio e non mi pare ancora vero!!!

Immagine
Immagine
Immagine

3° giorno 30 giugno Martedi Puttgarden – Habo (S) - 527 km

Mentre aspetto il Nescaffè sul fornellino riassumo la giornata di oggi. Svegliati dal sole e dal cielo azzurro, colazionati, ci siamo imbarcati sul traghetto (carissimo) alle 9 e in soli 40 minuti siamo scesi in Danimarca, percorsa tutta in autostrada fino al famoso ponte che collega la Danimarca alla Svezia, prima un tunnel sottomarino ( me ne sono accorto oltre al fatto di andare in discesa al fatto di vedere la moto sul navigatore in mezzo al mare) poi il ponte!!! Che meraviglia. Sosta pranzo nel centro di Malmo dove seduti nella piazza centrale abbiamo cominciato a vedere le prime bellezze locali... che stacco di gambe mamma mia!!! prelevato le prime corone svedesi siamo ripartiti col caldo e il sole e anche oggi siamo arrivati ben più su di quanto previsto, trovato il campeggio sul lago e comprato i primi adesivi tra cui la renna abbiamo montato il campo base, ingrassato la catena della moto e cenato sul tavolino da campeggio di Andrea, prima cena autodidatta col fornellino, risotto affettati e pane, che caldo oggi, dopocena una bella passeggiata bordo lago con i ragazzini che facevano il bagmo e accendevano i falò. Fino ad adesso abbiamo preso giornate bellissime, speriamo duri cosi!!!

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

4° giorno 01 luglio Mercoledi Habo – Sveg (S) - 560 km

ed eccomi a scrivere dalla sala da pranzo del campeggio, qui in Svezia sono organizzatissimi, siamo in un 3 stelle con cucine comuni, salone per mangiare o rilassarsi nel caso fuori faccia brutto e bagni e docce da far invidia a un albergo!!! Sarà stato il gran caldo oggi, medie di 26/28 gradi o il pranzo consumato in una specie di bar/ burgerking ( una bistecca affogata nel olio e burro) ma ora non sto molto bene e l umore è tra il basso e preoccupato essendo solo il 4° giorno. Comunque oggi abbiamo attraversato paesaggi stupendi, l interno della Svezia è un susseguirsi di boschi e laghi, laghi e boschi e ogni tanto un paio di casette rosse in legno, mancano solo gli gnomi!!! Ora ho capito perchè è nata qui l 'IKEA, la materia prima non manca, ah tra l altro siamo passati davanti al magazzino generale IKEA!! La notte scorsa ho patito l umidità del campeggio ( stamattina le moto e la tenda erano marce) stanotte provo a avvolgermi anche nella copertina quequa, comincio a pensare che la tenda sia un po troppo estiva x questo viaggio!! Prima spesa anche fatta nel supermercato fianco al campeggio, affettati banane e birra in lattina!!!! ora laviamo i piatti e facciamo due passi nel isolotto sul lago fronte al campeggio, sperando che i nuvoli nel cielo se ne vadano, sono i primi che vediamo da quando siamo partiti!!!

Immagine
Immagine

5° giorno 02 luglio Giovedi Sveg – Storuman (S) - 485 km

Ieri sera dopo cena ci siamo inoltarti tra le case del (minuscolo) paesino di Sveg, incredibile come alle 10,30 ci fosse ancora un basso sole e tanta luce ( fortuna che dormo con la mascherina in tenda). Abbiamo anche notato che qui per i giovani sembra che l'unica fonte di divertimento sia girare con auto taroccate tipo fumetto e sgommare per le strade deserte per poi ritrovarsi nel parcheggio del supermercato a discutere, rigorosamente senza scendere dall auto , in giro non c'è anima viva, alquanto inquietante l atmosfera!!!
Stamattina svegliati dal sole caldo che picchiava sulla tenda, colazionato sul solito tavolo in legno bordo lago e ripartiti con la solita strada laghi e boschi, boschi e laghi e ogni tanto le casette rosse in legno. Pranzo alternativo facendo spesa a un market di pane e affettati e fermandoci bordo strada su un tavolo in legno fronte a una scuola immersa nel verde. Peccato che da li a poco ci siamo imbattuti nei peggiori lavori in corso trovati finora!!! L'intera carreggiata era sterrata e ghiaiosa!!! HELP almeno 3 km di cui l ultimo di fango, nessun problema ma una volta arrivati in campeggio giù a lavare stivali, pantaloni e moto!! L'umore è sempre alto e anche qui risate a go-go. Montato le tende solito bordo lago ora che saliamo di latitudine la notte inizia a fare fresco ma ho trovato molto utile la coperta mi avvolgo come un salame e sto bene!!! Cenato nella sala comune e fatto due passi anche in questo deserto paesino, il cielo è di nuovo cosparso di nuvole colorate ancora dal sole, che spettacolo!!! Domani attraverseremo il circolo polare lato svedese, pian piano la meta si avvicina!!!

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

6° giorno 03 luglio venerdi Storuman – Vittangi (S) - 502 km

Oggi giornata ricca fin dal primo mattino, iniziata pochi km dopo la partenza con le prime renne lungo la strada, che belle!! al pascolo come le nostre pecore per nulla disturbate dal passare delle auto, anzi quasi a sfidarci, sembrano dirci qui è casa nostra spostatevi voi!!Ovviamente sosta per foto dopotutto le renne mica si vedono tutti i giorni!! Il tempo oggi è cambiato, nuvoloso il sole è solo un ricordo, solita strada in mezzo al nulla dei boschi e laghi inizia a piovviginare ma noi arriviamo a Jokknokk dove ci fermiamo sotto il cartello del circolo polare artico!!! Ovviamente sosta x foto e souvenirs al negozio, peccato che quando ne usciamo piove a dirotto, via a metterci la tuta antipioggia ( da qui in poi nostra fedele compagna) facciamo sosta e pranzo in una stazione di servizio ma continua a piovere, ripartiamo e ci fermiamo in un market per compare qualcosa per cena, puntiamo a fermarci in un campeggio e prendere un bungalow x far asciugare la roba peccato che arriviamo tardi (19.00) al campeggio segnalato dal gps e troviamo la reception chiusa, nel frattempo il cielo si apre e cosa facciamo? Semplice dice Andrea, montiamo le tende bordo lago infestato dalle zanzare, sicuramente il campeggio peggiore fino a ora cucina comune da schifo ma non ci scoraggiamo, tiriamo fuori il fornellino e mangiamo sul tavolo in legno fianco alle tende (io col passamontagna x colpa delle zanzare, ci facciamo pasta e fagioli, wurstel e dolcino, poi arriva un furgone e un tizio ci fa capire di essere del campeggio e ci chiede la tariffa, 160 Corone!!! ma questi sono pazzi abbiamo speso molto meno in campeggi 10 volte meglio sta discarica!! in più essendo l'ultima sera in Svezia avevamo più poche corone, alla fine io gliene do 130 e Andrea 140 le ultime che avevamo, il tizio ci guarda sorride e va via, va bene cosi dice, e vorrei bene vedere!!!
qui non c'è nulla nemmeno un paese solo zanzare per cui finito di mangiare entrambi rifugiati nelle tende, domani lasciamo la Svezia, attraversiamo un pezzo di Finlandia e domani sera saremo in Norvegia!!! Le previsioni danno pioggia, oggi comunque la moto segnava 14 gradi, domani dovremo vestirci bene, inizia il freddo!!!

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

7° giorno 04 luglio Sabato Vittangi – Alta (N) - 414 km

Siamo a Alta, Norvegia, scrivo dal soggiorno del campeggio al calduccio, fuori ci saranno 10 gradi piu o meno. Stanotte ha piovuto, x fortuna la tenda ha tenuto ma siamo partiti smontando tutto di corsa e caricando la roba umida, la temperatura si è fatta subito rigida, circa 11 gradi, prima di lasciare la Svezia sosta x benza in un a specie di benzinaio/market pieno di materiale da pesca, ieri un ragazzino ha tirato su un pesce enorme dal lago!! un caffè da 1 litro come si usa qua per scaldarci e via poco dopo siamo entrati in finlandia con un cartello dove abbiamo letto per la prima volta la nostra destinazione, Nordkapp xxx km ovviamente sosta x le doverose foto!! La Finlandia è finita in fretta e la Norvegia ci attendeva col cielo coperto e uggioso, il paesaggio è cambiato , la vegetazione si è abbassata e la strada (finalmente) è cominciata a diventare curvosa, peccato che la temperatura è scesa a 6 gradi, non sentivo più le dita delle mani BRRRRRRR. L'ultimo tratto di strada prima di Alta è risultato bellissimo, sembravano le gorges du Verdon, la strada tutto curve fiancheggiava il fiume tra pareti rocciose. A Alta sosta benza e ricerca sul gps di un campeggio e questa sera si dorme comodi in Hytte visto le temperature e il dover far asciugare la roba bagnata dal giorno prima, la casetta è essenziale, 2 letti a castello tavolino con due sedie bordo finestra e angolo cottura con la piastra elettrica. Ovviamente stufetta elettrica accesa a palla e roba distesa per asciugare, fuori non piove piu e dopo cena facciamo due passi, siamo sul bordo del mare questa volta e in lontananza cime innevate si stagliano tra le nuvole, penso che domani solo piu 200 km e siamo arrivati, nn mi sembra vero!!!

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

8° giorno 05 luglio Domenica Alta- Norkapp (N) - 229 km

un giorno che rimarrà sempre nei miei ricordi, il giorno che ho toccato il mappamondo di Nordkapp!!! Ma andiamo con ordine, ora sto scrivendo dalla Hytte che oggi a pranzo su consiglio di Andrea (sempre preziosi) abbiamo preso visto la pioggia di stamattina e i 5 gradi lungo la strada da Alta la strada percorreva dapprima una landa desolata con chiazze di neve e rare case sparse poi a un bivio abbiamo iniziato a costeggiare il mare col cielo tra il coperto e scorci di azzurro fino ad arrivare al famoso tunnel sottomarino di 4 km che collega la terraferma all isola di Nordkapp, impressionate quanto scendeva il primo tratto, poi in piano e via in salita fino a uscire suul isola, un ultimo tunnel (stavolta normale) ed eccoci arrivare a Hoonysvag, la capitale, da qui 5 km abbiamo trovato il nordkapp camping dove presa la hytte abbiamo pranzato a base di risotto alla marinara x scaldarci un po'!! da qui mancavano solo 25 km alla meta percorsi con un vento gelido e forte su per la strada tortuosa in mezzo all isola brulla e inospitale fino all ingresso del complesso di Nordkapp dove ooviamente per prima cosa ho fotografato la Caponord sotto la scritta Nordkapp!! incredibile quanta gente trovata lungo questo tratto di strada, gente in bicicletta con carrelli al seguito, gente a piedi, tutti diretti al mappamondo!! pagato l'ingresso( che da diritto a entrare x 24 ore ) nemmeno il tempo di parcheggiare che giù a piovere, pazienza ci siamo fiondati dentro dove abbiamo trovato un ricco negozio di souvenirs , un bar, un ufficio postale dove ho comprato l attestato di passaggio ma anche se pioveva lo sguardo era per fuori verso il mappamondo!!! Non ho resisitio e siamo usciti a farci gli autoscatti sotto il GLOBO!!! poi siamo rientrati sperando il tempo migliorasse e ne abbiamo approfittato per scrivere le cartoline e spedirle da qui in modo da arrivare a destinazione col timbro 71-10-21, ci siamo accomodati nella sala cinema dove viene trasmesso un video molto bello sulle stagioni sull isola, siamo scesi lungo una galleria con rappresentazioni storiche di personaggi famosi passati da questo promontorio e un salone con video e presentazioni del fenomeno del sole di mezzanotte. In fondo a questa sala una terrazza panoramica ricavata nella roccia con un muro di neve si affacciava sull oceano. Avendo smesso di piovere di corsa siamo tornati sotto al globo per le foto di rito con le magliette commemorative del viaggio che avevo fatto fare x l occasione, sfidando senza giacca la temperatura glaciale del momento. Per riprendere un po' di calore cosa di meglio se non la caccia ai souvenirs dove io come al solito mi sono fatto del male o meglio , ho fatto male al portafoglio ma dico io, mica si viene a Caponord tutti i giorni no?! Alle 18 abbiamo deciso di rientrare, un po a malincuore, dopo 8 giorni e più di 4000 km percorsi ora devo già abbandonare questo posto ma sono felice, felice di esserci stato!! Rientrati capatina in citta per benzina e market x la cena abbiamo scoperto a nostro discapito che in Norvegia è vietata la vendita di alcool nei festivi, mannagia, volevamo festeggiare con una birra abbiamo brindato con una sprite!!!
Ora siamo qui in casetta al calduccio, guardiamo fuori, a tratti piove a tratti cielo azzurro, ci piacerebbe tornare su a vedere il sole di mezzanotte!!! ora vediamo il meteo...

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

ore 01.00 am Rientrati ora in casina, incredibile è l una di notte e qui fuori è ancora giorno e c'è il sole!! siamo tornati su al globo con i soliti 5 gradi e le nuvole col sole ci hanno regalato scenari da favola, difficile da descrivere, un emozione unica vedere il sole non tramontare sul mare, a mezzanotte sembravano le 18 da noi, un sacco di gente come noi sul promontorio a fare foto , il freddo pungente non ci scalfiva, essere li era l unica cosa importante!!! Ora nella hytte cerchiamo di dormire fuori piove, prima 2 renne ci sono passate davanti dal altra parte della strada e sino sono fermate a osservarci, qui gli intrusi siamo noi! Domani lasciamo l isola passando il tunnel sottomarino e sperando di trovare temperature più clementi. 10 anni son dal quel pensiero che un giorno sarei arrivato qua, ora posso dire di esserci stato ed è come lo immaginavo, bellissimo!!!! Arrivederci Nordkapp, è stato un onore arrivare fin qui in moto!!!

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine


FINE PRIMA PARTE
Ultima modifica di DAviDE il lunedì 31 agosto 2015, 22:22, modificato 2 volte in totale.
Bye DAviDE
A president of "Zavorrazero club" :re:
100.000 km con la Caponord a NordKapp
Immagine
Cell. 3356424968 -/ Facebook: Davide Nano
Immagine

Avatar utente
gioroma
NONNO DEL FORUM
NONNO DEL FORUM
Messaggi: 10378
Iscritto il: lunedì 17 gennaio 2011, 20:36
Moto: caponord 1000 etv 2006
Tel: 320 1703855
Località: cesano maderno mb

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!! I parte

Messaggio da gioroma » lunedì 17 agosto 2015, 11:15

non potete nemmeno immaginare quanto vi ho invidiato e quanto ho rosicato...... :grr: :grr: :grr:
spero un giorno di poter realizzare questo sogno motociclistico.......magari con la :cn: :doppiok: :clapclap:
gio
majesty 250-kawa zr7s-cn etv 1000......lamotomiglioredelmondoquandovà...ma.......
Immagine

Avatar utente
giamaica75
TANTO FORUM-POCA MOTO
TANTO FORUM-POCA MOTO
Messaggi: 5914
Iscritto il: sabato 7 aprile 2012, 22:52
Moto: Pegaso Strada 2006
Tel: +4790576316
Località: Drammen, Norway (provenienza San Lorenzo Maggiore, BN)

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!! I parte

Messaggio da giamaica75 » lunedì 17 agosto 2015, 11:21

Ora capisco il prendere appunti a fine giornata... [emoji16]
Moto possedute: Superbravo 3 - Vespa PX150E - Yamaha XT600E - Aprilia Pegaso Strada - Aprilia Pegaso 125

Immagine
Immagine

Avatar utente
FedericoWR
CURVO BENINO
CURVO BENINO
Messaggi: 492
Iscritto il: giovedì 7 aprile 2011, 9:26
Località: Casalgrande (RE)

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!! I parte

Messaggio da FedericoWR » lunedì 17 agosto 2015, 11:25

Bravi! bel racconto... prima o poi arriverò pure io..
skype: airone79
Email: airone79@gmail.com

Avatar utente
DAviDE
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 7127
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2002, 1:00
Moto: ETV 1000 CAPONORD '05
Località: Cuneo

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!! I parte

Messaggio da DAviDE » lunedì 17 agosto 2015, 11:26

giamaica75 ha scritto: Ora capisco il prendere appunti a fine giornata... [emoji16]
visto??? :ok1:
Bye DAviDE
A president of "Zavorrazero club" :re:
100.000 km con la Caponord a NordKapp
Immagine
Cell. 3356424968 -/ Facebook: Davide Nano
Immagine

Avatar utente
Raffa58
TANTO FORUM-POCA MOTO
TANTO FORUM-POCA MOTO
Messaggi: 7012
Iscritto il: mercoledì 13 maggio 2009, 10:34
Moto: Caponord 2001 rosso flame
Tel: 3quattro0seicinque24sei2uno
Località: Gorizia

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!! I parte

Messaggio da Raffa58 » lunedì 17 agosto 2015, 12:44

...letto tutto d'un fiato, Davide e Andrea siete stati grandissimi, bravi veramente bravi :doppiok: :doppiok: :clapclap: :clapclap: .
Immagine Immagine Immagine
Immagine
Onorato di condividere la strada con voi.

Avatar utente
sparatieddu
MOTOCICLISTA DILETTANTE
MOTOCICLISTA DILETTANTE
Messaggi: 994
Iscritto il: lunedì 26 aprile 2010, 18:09
Moto: ETV1000 2006
Tel: +393668312393
Località: Brindisi

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!! I parte

Messaggio da sparatieddu » lunedì 17 agosto 2015, 13:36

Complimenti, bellissima esperienza!
Tante moto, ma nessuna bella come la capo.........

Avatar utente
matteo.t
ATTIVISTA DEL FORUM
ATTIVISTA DEL FORUM
Messaggi: 2781
Iscritto il: sabato 3 maggio 2008, 0:45
Moto: Ex Pegaso Cube ora mukka 1200
Località: Noventa Vicentina

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!! I parte

Messaggio da matteo.t » lunedì 17 agosto 2015, 14:21

Una sola parola: FANTASTICO!

Avatar utente
massimo382
GRAN TALEBANO 2015
GRAN TALEBANO 2015
Messaggi: 2997
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 16:57
Località: Perugia

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!! I parte

Messaggio da massimo382 » lunedì 17 agosto 2015, 15:34

fantastico .............. non ho parole
Immagine ... in moto si colgono tante occasioni !!!!!!!!

Avatar utente
DAviDE
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 7127
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2002, 1:00
Moto: ETV 1000 CAPONORD '05
Località: Cuneo

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!! I parte

Messaggio da DAviDE » lunedì 17 agosto 2015, 15:38

II PARTE

9° giorno 06 luglio Lunedi Nordkapp – Birtavarre (N) - 447 km

Oggi abbiamo iniziato il lento rientro che ci porterà attraverso tutta la Norvegia di nuovo in Danimarca e poi verso casa. Ora siamo di nuovo in una casetta perchè fuori diluvia e abbiamo preso acqua tutto oggi pomeriggio con temperatura media di 10 gradi. Stamattina siamo partiti dal Nordkapp camping col sole, ripercorso il tunel sottomarino e lungo la costa paesaggi quasi finti quanto belli erano!! Aimè da Alta il tempo è tornato a rannuvolarsi, ci siamo fermati a fare sosta benza e pranzo dal solito benzinaio (qui la specialità sono dei salcicciotti tipo i wurstel alla griglia) qui abbiamo scambiato due parole con due motoclisti belgi uno dei quali con la moto in panne ( GS1150 con la pompa frizione andata) che aspettavano il carroattrezzi da Tromso!! Che sfiga, volevano arrivare domani a Nordkapp...ste mukke inaffidabili!!! Salutiamo e ripartiamo e poco dopo soliti lavori in corso ma qui sono ancora più pazzi, facevano passare mentre scavavano con mezzi in movimento, mi sono visto rotolare pietre vicino!!! Ha iniziato a piovere mentre costeggiavamo i fiordi, alla nostra destra alete montagne piene di neve, la temperatura è ridiscesa a 8 gradi mentre salivamo un passo con la neve fianco strada. Alle 1630 stufi di prendere pioggia ci siamo rintanati in questo campeggio sperduto in fondo a un fiordo, ma visto come piove ora scrivere al calduccio con la stufetta è una pacchia!!! questa casetta è essenziale, due lettini singoli tavolino e piastra x cucinare, fianco a noi è arrivata una tedesca da sola con un gs800 ma visto le spalle abbiamo preferito evitare i convenevoli !!! Domani ci avviciniamo alle isole Lofoten, speriamo il tempo migliori.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

10° giorno 07 Luglio martedi Birtavarre – Kabelvag (isole Lofoten) -460 km

Finalmente stasera siamo riusciti a aprire la tenda per farla asciugare in campeggio, siamo già a metà delle isole Lofoten, poco dopo la capitale Svoalver. Stamattina siamo partiti con ancora nuvolo e un poco di pioggia, per fortuna ha smesso in poco tempo e la temperatura assestata intorno agli 11 gradi, la strada molto bella tutta costeggiando i fiordi, consueta tappa al market REMA1000 (la catena lowcost norvegese, la nostra preferita) abbiamo preso anche due panini dal aspetto invitante che si sono rilevati tali quando ci siamo fermati al bivio di Bjerkvik a mangiare pranzo, qui dalla panchina di un bar scrutando il mare del fiordo abbiamo deciso se fare le Lofoten o passare all interno evitandole, il tempo sembrava migliorare e grazie anche a due parole con due motociclisti sardi che salivano al contrario del nostro giro ci siamo convinti a farle e via ci siamo addentrati e man mano che si viaggiava l 'azzurro è tornato insieme al sole e ci ha regalato posti da favola, alte montagne ricche di neve si tuffavano nel mare, a ogni curva si apriva un panorama, intervallato da ponti o tunnel, anche qui sottomarini (ai norvegesi piace scavare) tutto era meraviglia. Tappa benza nella capitale e campeggio trovato subito dopo, bello con bagni esemplari, ci siamo docciati e scrollati via un po di freddo, fatto cena a base di gamberetti e salame nella cucina comune siamo andati a fare due passi nel paesino di pescatori poco distante, bellissimo con casette in legno colorate, il molo e la passeggiata fino al faro con vista sugli isolotti fronte alla capitale con traghetti in dirittura d'arrivo, foto e due parole con Andrea, sembrava che nessuno dei due avesse voglia di rientrare talmente bello fosse il posto!!, rientrati in campeggio si torna a dormire in tenda, stanotte metterò tre strati , fa freschino, domani il traghetto ci riporterà sulla terraferma.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

11° giorno 08 Luglio mercoledi Kabelvag – Saltstraumen - 157 km

oggi forse la tappa più breve del viaggio ma non meno emozionante. Stamattina abbiamo salutato le isole Lofoten, meravigliose, mentre percorrevamo la strada a ogni curva un porticciolo oppure una sponda del fiordo si insinuava tra le alte pareti delle montagne innevate, fatto sosta sotto le impalcature piene zeppe di Merluzzo a essicare, che spettacolo. Un altro tunnel sottomarino ed eccoci a Reine, un antico paesino di pescatori riadattato ai turisti con una fila di rourbe (le vecchie case dei pesctori) oggi restaurate e affittate a caro prezzo ai turisti. Alle 14 siamo riusciti a salire sul traghetto che in 3 ore ci ha riportato sulla penisola, a Bodo. Purtroppo abbiamo lasciato il sole alle Lofoten per tornare nel nuvolo. Dopo 20 km ( e la prima pattuglia di polizia con laser, x fortuna in direzione opposta) ecco il momento clou, su una strada forse un po troppo trafficata il contachilometri del la Kapo ha segnato i fatidici 100,000 km !!! Fatto foto al volo poi ci siamo spostati poco piu avanti su una piazzola per evitare problemi e qui foto di rito abbracciato alla moto!! Trovato il primo campeggio a pagamento libero, montato le tende si legge il tariffario poi si prende una busta dalla cassetta della reception, si mettono i soldi dentro e si imbuca (si fidano qui, proprio come in Italia!!!) campeggio bello con una sala pranzo e cucina accogliente, bagni puliti con acqua calda e wiifi gratis!!! fatto cena e preso l ombrello siamo andati a vedere il fenomeno del Maelstrom da sopra un alto ponte, praticamente durante le maree lo scorrere dell'acqua crea enormi gorghi nel acqua, ne abbiamo visto un paio piccolini ma va ben lo stesso, Qui è tutto comunque bello!!

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

12° giorno 09 luglio giovedi Saltstraumen – Trofors (N) - 384 km

Come di consueto scrivo dal salotto/cucina comune del campeggio dove ci siamo fermati , di nuovo in casetta perchè abbiamo preso pioggia tutto il giorno. Oggi una strada sperduta nel nulla, avvolta dalla nebbia tra verdi prati spezzati da chiazze bianche di neve ci ha portato sotto la pioggia a riattraversare il circolo polare artico, stavolta lato norvegese. In questa landa desolata spiccava questa curiosa costruzione a forma di guscio di tartaruga, con dentro un bel negozio di souvenirs e un bar. Nel negozio non potevo farmi mancare l attestato di passaggio e altre cosette tra cui la cuffia con bandiera norvegese da usare quest inverno sugli sci!! C'erano anche animali imbalsamati un aquila, un Alce e un orso polare dritto su 2 zampe, incredibile quanto sia grande! Fatto un po' di foto al esterno e calpestata la neve anche se eravamo solo a 700 mt slm era pieno, un atmosfera surreale si respirava, emozionante! Ripartiti convinti di trovare subito un distributore abbiamo rischiato un po' , qui le strade percorrono decine di km senza segni di civiltà, risolto a un distributore dove abbiamo anche pranzato con un panino stile hotdog, Andrea si è messo a parlare con due motociclisti francesi anch'essi di rientro. Superato la città di Moirana la pioggia fine e insistente non ci ha mai lasciato, peccato perchè il panorama toccava a volte il fiordo con la strada rasente l acqua. Fatto spesa al solito market ci siamo fermati in questo campeggio bordo strada con le casette tutte in fila, domani altra tappa di trasferimento e la sera ci raggiungerà il nostro amico 'norvegese' Vittorio (Giamaica75) che si unirà a noi fino a Domenica per condividere cn noi alcune delle strade più belle di questa zona della Norvegia. Speriamo almeno che smetta di piovere.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

13° giorno 10 luglio venerdi Trofors – Orkanger (N) - 420 km

Ed eccomi di nuovo a scrivere in una Hytte alquanto spartana (letti a castello con solo la gommapiuma!!) ma dopo la pioggia di oggi e il freddo umido che c'è fuori ci sembra una reggia!!
Stamattina partiti già con pioggia che ci ha accompagnati tutto il giorno, intervallando momenti di pausa caffè per poterci riscaldare un poco, peccato che qui la brodaglia che spacciano per caffè da mezzo litro abbia pteri diuretici, almeno 5 pause per pisciare ho contato oggi!! Arrivati a Orkanger abbiamo valutato un paio di campeggi, x fortuna ha smesso di piovere, poi messaggiato con Vittorio che ci ha raggiunto in sello alla sua pegasella bella imbardata di bagagli legati con corde e fascette!! Fatto spesa al market e comprato un barbecue usa e getta non ha resistito a offrirci cena e farci assaggiare alcune specialità tra cui i salsicciotti con piadina di patate, lardo alla griglia, tutte cose leggere :D poi ci siamo intrattenuti parlando un po' della Norvegia, delle sue usanze, dallo 'snus' (bustine di nicotina da mettere tra i denti) ai dialetti delle varie regioni, dalle auto elettriche ( la Tesla mai vista prima) alle restrizioni su fumo e alcol. Domani si inizia la parte goduriosa con la strada atlantica, tempo permettendo.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

14° giorno 11 luglio sabato Orkanger – Aldalsnes (N) -322 km

Il sole è tornato a trovarci!!! Stamattina ci siamo alzati con un cielo blu bellissimo e subito poco dopo la partenza la strada si è fatta un misto curve tra il verde e l azzurro del mare, una goduria insomma!!! Non ci siamo fatti mancare il consueto tunnel sottomarino e il primo (ne seguiranno da qua in po' parecchi) traghetto da sponda a sponda del fiordo!! oltrepassato Kristiansund con le sue casette multicolore un tunnel sottomarino di ben 6 km e un casello a pagamento ci hanno portato sulla Atlantic road, una strada che collega vari isolotti sul oceano Atlantico che per fortuna oggi si presentava calmo ( ho visto in video gente percorrerla con mare mosso e vento e non deve essere piacevole).Sosta con passeggiata annessa per foto al ponte in curva più famoso, incredibile come qua la gente si sia ingegnata per costruire questi collegamenti,!!!
Dopo aver percorso ancora un bel lungo costa attaverso paesini di campagna e casette in legno ci siamo fermati nel solito benzinaio con pranzo a salsicciotti e sprite. Benza e ripartiti scendendo lungo strade piacevoli, un ponte arcato e un altro tunnel sottomarino siamo giunti nel fiordo di Aldalsnes dove una nave della Costa crociere sembrava ci aspettasse ormeggiata in vista del paese. Piazzato le tende nel campeggio centrale,( si vede che è un posto turistico, i prezzi sono salati) ci siamo fatti un giro per il paese alquanto un mortorio dove abbiamo letto il listino prezzi di una pizzeria e una pseudo margherita venduta a più di 16 euro!!! Non che nel ristorante del campeggio dove abbiamo cenato fosse meglio, un piatto hamburger + patatine 22 euro circa!! Allucinante, comunque serata piacevole con un po' di chiacchere con Vittorio, domattina si risale il fiordo e si affronta la Trollstigen, la strada dei troll!!!

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

15° giorno 12 luglio Domenica Aldalsnes – Byrkjelo (N) - 193 km

E anche stasera in casetta ma è stato un affare, grazie a Vittorio e alla tipa del campeggio che ha fatto un mezzo casino ci ha dato la Hytte a un prezzo più basso che se avessimo montato le tende!!! tra l 'altro casetta con portico da dove sto scrivendo ora e sgranocchiando delle specie di arachidi tostate che Vittorio come al solito ci ha offerto...sono delle droghe, non si riesce a smettere!!!Oggi che dire, super giornatona di curve e panorami, uno spettacolo unico!! Stamattina sebbene un tempo un po' nuvolo abbiamo levato le tende e dopo appena 5 km di strada ecco l inizio della Trollstigen,, la strada dei troll, un susseguirsi di ripidi tornanti che si inerpicano sul fondo del fiordo quasi a aggrapparsi all enorme cascata che si getta sulla valle sottostante. Per fortuna poco traffico di pulman e camper ce la fanno godere ogni cm fino in cima dove, parcheggiato la moto davanti al classico negozietto di bric&brac, apiedi siamo andati sulle terrazze panoramiche a strapiombo sulla cascata e sui tornanti, da togliere il fiato, le macchine che salivano sembravano delle formiche e la vista spazziava fino in fondo al fiordo arrivando a vedere Aldalsnes. Discesa dal lato opposto più tranquilla ma non meno suggestiva, in una verde vallata tra laghi e cime innevate ( e pecore coricate in mezzo alla strada) Qualche goccia d acqua ma niente di che, arrivati bordo fiordo un traghetto in 10 minuti ci ha scaricato dal lato opposto dove abbiamo riiniziato a salire una valle trovandone al centro un lago enorme costellato di casette (sembrava più la Svizzera che la Norvegia) anche qui le pecore facevano da padrone in mezzo alla strada e manco per idea che si spostavano!! Davanti a noi si è mostrata una terrazza panoramica sul fiordo di Geiranger, peccato che la nebbia che risaliva dal mare ci negava un po' il panorama, a tratti comunque abbiamo scorto le famose cascate che caratterizzano il fiordo. Fortunatamente appena abbiamo iniziato a scendere la strada delle aquile, una successione di ripidi tornanti fino a bordo acqua, la nebbia si è diradata con una splendida visione del paese di Geiranger e nave da crociera ormeggiata in fronte. Parcheggiato in centro mentre addentavamo un buono e onesto panino al market si è deciso per la minicrociera da 1 ora che partendo da Geiranger ci avrebbe portato a Hyllestidl ammirando il fiordo dal suo interno!! Alle 14 ci siamo imbarcati e malgrado la pioggia fine a tratti abbiamo potuto godere della vista di meravigliose cascate tra cui quella delle 7 sorelle, 7 getti d'acqua paralleli che si tuffavano nel mare dinanzi noi. Un ora passata troppo velocemente ma che ci ha regalato scorci stupendi, attraccati il cielo si è aperto e una strada lungo fiordo come un onda ci ha cullati su e giù tra le curve quasi a toccare l acqua a volte, colori come l azzurro del cielo e il verde riflesso sul mare si fondevano creando giochi di luce incredibili. La strada a poi piegato all interno e siamo risaliti con una serie di tornanti fino a un piccolo passo tra la neve e gli impianti sciistici , da qui ci siamo affacciati a un enorme valle, sembrava tratta da 'il signore degli anelli' immersa nel verde illuminata dal sole, scesa alla ricerca di Frodo siamo arrivati in questo paesino,Byrkjelo, una bella e tonificante doccia e via a mangiare l ennesimo hamburger dal market/benzinaio, qui trovare locali è fantascienza. É l ultima serata in compagnia di Vittorio, domattina dopo un tratto ancora insieme ci saluteremo, è stato veramente un piacere condividere con lui questi giorni, oggi poi temperature quasi umane di 16-18 gradi , km percorsi pochi ma tutti libidinosi!!!

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

16° giorno 13 luglio Byrkjelo – Rosdal (N) - 330 km

Finito ora di cenare sul consueto tavolo in legno fianco alle tende montate in questo bel campeggio in uno sperduto paesino di montagna, Sondal. Stanotte ha piovuto parecchio, le gocce di pioggia rimbombavano sul tetto della Hytte mentre noi dentro sonnecchiavamo al calduccio, stamattina purtroppo il cielo nuvolo ci ha fatto rimettere la cerata non prima però di aver fatto un bel autoscatto con la Kapona per festeggiare il suo 10° compleanno tutti passati insieme a me!!! Veloce colazione al bar e via gli ultimi 80 km insieme a Vittorio, sono stati tre giorni belli e divertenti in sua compagnia, percorrendo la strada un po' di malinconia sale come sempre prima di un arrivederci. Arrivati in un paesino bordo fiordosotto una pioggerella fine fine ci siamo salutati, abbracciati e ripromessi di rivederci quanto prima, da ora torniamo a viaggiare in due, ognuno per la sua strada. La nostra ci ha portato prima ada attraversare un fiordo su un traghetto dove causa mare mosso dal tempo sempre nuvolo siamo rimasti a tenere le moto per tutta la tratta visto l ondeggiare della nave. Dopo essere sbarcati la strada ha iniziato a salire a tornati per fortuna asciutti e incredibile siamo finiti ad attraversare un passo a 1000 metri tra la nebbia e muri di neve ai lati della carreggiata, temperatura precipitata a 7 gradi mentre percorrevamo questo lungo altopiano e guardavamo attorno laghi ghiacciati, gatti delle nevi parcheggiati e neve, tanta neve. Iniziato a scendere dapprima una enorme cascata poi una verde vallata ci attendevano, sosta foto obbligatoria, la natura circostante lasciava a bocca aperta. Tornati a livello mare abbiamo proseguito costeggiando fiordi e attraversando lunghissimi tunnel (anche di 7 km e oggi ne abbiamo passati parecchi ) di qui uno a un certo punto in lontananza ho iniziato a intravedere delle luci blu e ricordo di aver pensato che cavolo è successo? Siamo in un tunnel! E incredibile, siamo giunti alla mia prima rotonda in galleria mai fatta prima!!! dinanzi a noi partivano altri due tunnel, mi sembrava di essere nel film 'Atto di forza' nella città sotterranea su Marte!! La galleria presa da noi sbucava poi su un enorme ponte che collegava le due sponde di un fiordo per poi rientrare in galleria. Nel frattempo cielo azzurro e sole erano riapparsi, breve sosta pranzo in un paesino bordo mare con panini del market e wi-fi gratuito ci siamo anche svestiti di un paio di strati, il sole iniziava a scaldare finalmente. Una strada fantastica lungo il fiordo ci ha regalato scorci fantastici, il sole riflesso sul mare illuminava tutto attorno, dalle casette dei pescatori alle cascate che si tuffavano nel verde sottostante, unica nota negativa la strada seppur bella e curvosa a tratti era molto stretta e bisognava fare molta attenzione a non esagerare col gas per evitare di fare qualche frontale con i numerosi camper incrociati lungo il percorso. Dopo aver rabboccato nel paese di Odda poco dopo ci siamo fermati d'obbligo sotto due enormi cascate bordo strada, punto panoramico e turistico visto la quantità di gente e i negozietti tutto attorno, qui mentre facevamo le foto ci ha affiancato un GS adventure e guarda un po' abbiamo fatto due chiacchere col propietari di Chieri (To) da solo, anche lui di rientro da Nordkapp. Saluti e via la strada è tornata a salire fin sopra a un passo innevato dotato di impianti sciistici per la stagione invernale (potevano farli andare anche oggi visto le temperature) scesi siamo arrivati in paese, trovato campeggi a prezzi più che onesti e soprattutto con la ragazza più figa vista finora, una receptionist dagli occhi verde acqua, castana, abbronzata con un top aderente da far salire la pressione a me e Andrea!!! peccato che dei due amici che la accompagnavano uno sembrava Erik il vichingo, biondo alto grosso e ,sembrava, cattivo!! dopo esserci ripresi da tale bellezza e fatto cena previo acquisti al market vicino ci siamo fatti due passi nei dintorni ammirando una antica chiesa in legno del 1200 e scoprendo che ne esistono solo più 28 in tutta la Norvegia, rigorosamente in legno come tutte le casette colorate qui in zona.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

17° giorno 14 luglio martedi Rosdal – Bjerkreim(N) -254 km

Ultima (forse) notte in Norvegia!! sembra ieri che siamo entrati nel freddo da quella strada sul confine finlandese. Dico forse perchè tutto dipende se domani troviamo posto su un traghetto per la Danimarca, non abbiamo prenotato nulla, vedremo domani e incroceremo le dita.
Ora siamo in un pseudo campeggio alquanto scrauso disperso nel nulla della campagna norvegese ma lameno già sulla strada che domani ci porterà a Kristiansand. Stamattina svegliati dal sole colazionato e ingrassato le catene, strada panoramica fino all ennesimo traghetto e già il tempo già tornava a rannuvolarsi, pazienza. Entrati a scrocco nel parcheggio del Preikestolen (scoperto andando via che dovevamo pagare ghghghg) decidiamo di non cambiarci e incamminarci con gli stivali da moto ( la frase di Andrea ' è solo un oretta di passeggiata' me la sono portata x tutta la gita!!) altrochè, oltre un un traffico di gente da domenica al mare, il sentiero si inerpicava attraversando boschi, superando paludi con tavole di legno per il percorso fino a risalire lungo pareti di roccia intervallate da laghetti tipici alpini. Malgrado il cielo nuvolo dopo un ora e mezza delle due previste eccoci a percorrere un crinale roccioso senza protezioni ( solo un cartello ogni tanto indicava la via da seguire) che ci ha portato a strapiombo a 604 metri sul fiordo sottostante. Il Preikestolen o Pulpit rock si stagliava dinanzi a noi con una miriade di persone, bambini compresi, intenti a fare le foto volti al vuoto sottostante. Davvero impressionante il panorama ma ancora di più la quantità di gente, sembrava il lungomare di Riccione d'estate, e qui nessuna protezione o sorveglianza, tutto sotto la responsabilità propria. Dai cinesi in ciabatte ai tedeschi attrezzati stile Messner sul K2, a noi italiani imbardati da moto HAHAHAHA. Fortuna vuole che il nuvolo lasciava a tratti passare il sole cosi per scattare foto su foto, pranzo self-made con pane e formaggio con vista sullo strapiombo, ho poi lasciato un attimo Andrea a riposare e mi mi sono arrampicato a un punto più alto dove poter scattare foto al pulpito e al fiordo, essere lassù e ammirare questa meraviglia lasciava senza fiato!! recuperato Andrea siamo scesi con calma dato il male ai piedi dovuto agli stivali da moto (x due giorni ho faticato a camminare..) solita cordata di gente x fortuna con alcuni interessanti soggetti femminili!!! Tornati alle moto siamo partiti alla ricerca di un campeggio e dopo l ennesimo traghetto e fattesi le 19 lo abbiamo trovato , oddio molto rustico, la reception era in una casa di campagna poco prima e per fortuna che la signora accettava euro perchè noi non avevamo più una corona in tasca e qui non accettavano la carta( per forza gli avranno messo la luce pubblica un mese prima) Comunque fatto spesa al precedente market abbiamo piazzato le tende, recuperato un tavolo di legno traballante e fatto cena col fornellino a base di zuppa orientale in busta pane e formaggio. Domani arriveremo al porto per pranzo e cercheremo subito un traghetto, ultima notte in Norvegia, domani inizia il vero rientro. Tanti posti visti, quanti panorami e quanta natura ma la voglia di casa inizia a farsi sentire, tre settimane da “barboni”,come ci diciamo io e Andrea, iniziano a farsi sentire!!!

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

18° giorno 15 luglio mercoledi Bjerkreim – Skorping (DK) - 283 km

Ed eccoci tornati in Danimarca, scrivo dal tavolo comune del campeggio dove abbiamo appena terminato cena a base di risotto alla milanese con antipasto di affettati. Ora col sole ma stamattina non era cosi, sveglia e fuori dalla tenda tutto nuvolo, tra l'altro stanotte alle 5 sono corso ai comodi bagni in cima alla collina del campeggio per un impellente bisogno dovuto penso alla zuppa orientale di ieri sera.. nemmeno il tempo di iniziare colazione che ha iniziato a piovere, che palle...via di cerata carichiamo le moto pronti e partenza, per fortuna ha durato un oretta scarsa, alla sosta caffè riecco il cielo azzurro e il sole, la temperatura sale via l antipioggia e qualche strato e alle 11,30 siamo al porto di Kristiansand.
Convinti di imbarcarci subito arriviamo al casello degli imbarchi e qui le brutte notizie, tutti i traghetti da oggi per 5 giorni sono pieni!! Cosa fare? Per fortuna in biglietteria ci tranquillizzano e ci dicono che comunque un posto lo si trova sempre, allora decidiamo di farci mettere in lista d'attesa pagando già il biglietto (dopo un piccolo contrattempo di Andrea che solo oggi ha scoperto di avere una carta Visa in tasca..) Dopo un ora di attesa arriva la nave in porto e tirando un sospiro di sollievo ci fanno passare!! Tra l altro facciamo due parole con la coppia di spagnoli su GS conosciuti il giorno prima al Prekiestolen. Imbarcati su un traghetto catamarano ci dicono di legare bene le moto nella stiva e capisco il motivo, in due ore di traversata (rispetto alle 3 di un traghetto normale) è tutto un ondeggiare da faticare a camminare diritti!!! Direzione Hirtshal Danimarca. A bordo avendo pagato il biglietto pieno in poltrona da bravi barboni ci facciamo pane e prosciutto in barba al self-service accanto a noi e speso le ultime corone nel negozietto a bordo. Sbarcati alle 1630 ci buttiamo per strada per percorrere ancora qualche manciata di km, peccato per delle raffiche di vento che ci costringono a viaggiare praticamente in piega nei rettilinei. Dopo una 50ina di km facciamo il pieno e Andrea sul Garmin trova questo campeggio in un paesino nella piatta e desolata campagna danese. Due passi fatti dopo cena ci hanno mostrato case ordinate, nessuna anima in giro e soprattutto una cosa particolare, una bancarella riparata con cestini di fragole e sacchetti di patate, un distributore automatico artigianale, qui la gente passa, si serve e mette i soldi in una cassetta delle lettere attaccata a fianco, ho pensato' in Italia tempo zero non troveresti nemmeno più la bancarella!!!' Altra cultura qua domani si torna in Germania con l'euro buon cibo e finalmente birra!!!

Immagine
Immagine
Immagine

18° giorno 15 luglio mercoledi Bjerkreim – Skorping (DK) - 283 km

Ed eccoci tornati in Danimarca, scrivo dal tavolo comune del campeggio dove abbiamo appena terminato cena a base di risotto alla milanese con antipasto di affettati. Ora col sole ma stamattina non era cosi, sveglia e fuori dalla tenda tutto nuvolo, tra l'altro stanotte alle 5 sono corso ai comodi bagni in cima alla collina del campeggio per un impellente bisogno dovuto penso alla zuppa orientale di ieri sera.. nemmeno il tempo di iniziare colazione che ha iniziato a piovere, che palle...via di cerata carichiamo le moto pronti e partenza, per fortuna ha durato un oretta scarsa, alla sosta caffè riecco il cielo azzurro e il sole, la temperatura sale via l antipioggia e qualche strato e alle 11,30 siamo al porto di Kristiansand.
Convinti di imbarcarci subito arriviamo al casello degli imbarchi e qui le brutte notizie, tutti i traghetti da oggi per 5 giorni sono pieni!! Cosa fare? Per fortuna in biglietteria ci tranquillizzano e ci dicono che comunque un posto lo si trova sempre, allora decidiamo di farci mettere in lista d'attesa pagando già il biglietto (dopo un piccolo contrattempo di Andrea che solo oggi ha scoperto di avere una carta Visa in tasca..) Dopo un ora di attesa arriva la nave in porto e tirando un sospiro di sollievo ci fanno passare!! Tra l altro facciamo due parole con la coppia di spagnoli su GS conosciuti il giorno prima al Prekiestolen. Imbarcati su un traghetto catamarano ci dicono di legare bene le moto nella stiva e capisco il motivo, in due ore di traversata (rispetto alle 3 di un traghetto normale) è tutto un ondeggiare da faticare a camminare diritti!!! Direzione Hirtshal Danimarca. A bordo avendo pagato il biglietto pieno in poltrona da bravi barboni ci facciamo pane e prosciutto in barba al self-service accanto a noi e speso le ultime corone nel negozietto a bordo. Sbarcati alle 1630 ci buttiamo per strada per percorrere ancora qualche manciata di km, peccato per delle raffiche di vento che ci costringono a viaggiare praticamente in piega nei rettilinei. Dopo una 50ina di km facciamo il pieno e Andrea sul Garmin trova questo campeggio in un paesino nella piatta e desolata campagna danese. Due passi fatti dopo cena ci hanno mostrato case ordinate, nessuna anima in giro e soprattutto una cosa particolare, una bancarella riparata con cestini di fragole e sacchetti di patate, un distributore automatico artigianale, qui la gente passa, si serve e mette i soldi in una cassetta delle lettere attaccata a fianco, ho pensato' in Italia tempo zero non troveresti nemmeno più la bancarella!!!' Altra cultura qua domani si torna in Germania con l'euro buon cibo e finalmente birra!!!

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine


19° giorno 16 luglio giovedi Skorping – Amburgo(D) - 455 km

Scrivo oggi che è venerdi perche ieri è stata una giornata molto lunga e intensa. Partiti solito al mattino dopo aver colazionato sul tavolino del campeggio con bel sole e meno male poco vento, l autostrada dritta e pallosa ci ha portato abbastanza in fretta a Amburgo (non prima di aver pranzato al Mac Donald) Il Gps di Andrea ci ha trovato un campeggio quasi in centro alla città (Oddio, campeggio è dir tanto, praticamente era un parcheggio per camper piuttosto caro dove abbiamo montato la tenda sulla ghiaia) da qui ci siamo diretti al porto per visitare il 'miniature's world', arrivando alle 16 abbiamo avuto tutto il tempo per visitarlo bene e aspettare Fedro per cena. Parcheggiati di fronte siamo entrati e ci si è aperto un mondo..in miniatura!!! Erano ricostruiti scorci della Svizzera, dell'Austria, della città di Amburgo con l aereoporto funzionante, della Norvegia con le navi nei fiordi, dell'America con Las Vegas!! Ogni minimo dettaglio era funzionante, centinaia di trenini transitavano per le ferrovie e entravano in galleria, le auto e i camion percorrevano le strade delle città mettendo le frecce al verde dei semafori, gli aerei decollavano e atterravano per poi spostarsi nei gate di arrivo, i pompieri partivano per spegnere un incendio in un palazzo e le navi attraccavano nel porto. Una meraviglia in miniatura!! In un attimo si sono fatte le 19,30 e Fedro ci aspettava fuori, io ho finito la batteria di entrambe le fotocamere tra foto e video ma meritava davvero fino all ultimo trenino!! Usciti e salutato Fedro e la sua pegasella siamo andati prima a salutare Matteo e sua moglie arrivati anche loro nel pomeriggio a amburgo in camper. Fatto due parole davanti a un bicchiere di birra ( loro ieri sera son rimasti in camper, oggi Fedro li portava in giro) poi il padrone di casa ci ha portato a visitare i posti salienti di Amburgo, il porto antico diventato zona di turismo pieno di locali e passeggiate, il tunnel del 1903 che passa sotto il fiume Elba che a Amburgo è diventato talmente grande da far diventare la città il porto più importante della Germania sebbene non si affacci sul mare. Il tunnel scende con due canali verticali muniti di ascensori anche per le auto, infatti alla base partono due gallerie, una per senso di marcia con passaggi per ciclisti e pedoni. Finito di visitare la zona tranquilla ci siamo diretti in quella più 'caratteristica' cioè la zona hot quella con le vetrine a luci rosse, le ragazze procaci lungo strada e locali particolari tra cui il preferito di Fedro dove porta tutti gli amici a trovarlo, uno scantinato tappezzato di adesivi e musica metal dove prima ci ha oferto un shortino di origini misteriose poi giocato al 'pianta un chiodo nel ceppo in meno colpi' usanza del luogo, una birra bevuta nella terrazza panoramica tra punkabbestia e odore di canne a volontà. Fedro era così contento che non smetteva di parlare, della città, delle sue usanze, della Germania in generale. Fatte le 23 ci ha portato a cenare nella zona dei locali dove dopo un buon wurtel e patatine la stanchezza si è fatta sentire e ci siamo fatti riaccompagnare a fatica in campeggio, dico a fatica perchè sfido chiunque a stare dietro a Fedro in città, ai semafori lasciava la scia infuocate delle gomme!!!! rientrati dopo aver ancora ammirato scorci di Amburgo notturna baci e abbracci e anche con Fedro l augurio di rivederci presto. Tornati in tenda le abbiamo ritrovate circondate dal altre 50...erano l una e mezza miii che serata! A dormire sulla ghiaia con forse il materassino bucato, va beh avrò dormito 4 o 5 ore...

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

20° giorno 17 luglio venerdi Amburgo – Altstadt (D) - 732 km

Ripartiti stamattina dal “bellissimo” campeggio di Amburgo dapprima siamo passati nel tunnel autostradale sotto il fiume Elba poi siamo finiti sotto un breve diluvio che ci ha fatto rimettere la cerata, finita la pioggia la temperatura ha iniziato a salire toccando i 25 gradi alle 10 del mattino. Sosta solita per pieno alla moto e svestizione la temperatura è schizzata a 37 gradi e nei tratti in coda grazie ai lavori in corsa la moto segnava 52 gradi!!! dopo la sosta pranzo al Burger king siamo arrivati in questo bel campeggio a 4 stelle poco dopo Ulm dove non ci pareva vero abbiamo pagato un inezia, meno di 10 euro a testa. Montato la tenda, finalmente, per l ultima volta, ci siamo fiondati nelle docce calde e gratuite, una libidine, peccato a uscire fuori un nuvolo grigio abbia deciso di buttare giù acqua sulle nostre teste, fortuna si trattava solo di un classico temporale stivo smesso il quale ci siamo incamminati per andare a mangiare in una Stube (tipico ristorante tedesco) adocchiata poco prima di arrivare in campeggio.
Ora sto scrivendo da qui dopo aver mangiato un delizioso filetto di maiale sotto salsa di funghi con marmellata di lampone e degli spetzle (pezzetti di pasta) e due pinte di birra alla spina, visto che è l'ultima cena del viaggio va festeggiata come si deve!!
Ha appena smesso di piovere, l'arietta è fresca e abbiamo 20 minuti a piedi a tornare in tenda, cosi digeriamo la cena!! Domani si rientra, il figlio di Andrea ha organizzato una grigliata per inaugurare la casa nuova e festeggiare il nostro rientro, posso mica rifiutare l invito!!!

Immagine
Immagine
Immagine

21° giorno 18 luglio sabato Altstadt - casa (Italia) - 639 km

I fari della capo illuminano la strada, riconosco ogni angolo della via, sono le due del mattino e sono a casa!!! il Viaggio di una vita è giunto al termine, questa è stata l ultima giornata di un sogno durato 21 giorni nell Europa del Nord!!

Giornata iniziata stamattina all alba delle 5 dalla pioggia che batteva sulla tenda, due orette e alle 7 già aveva smesso, smontato la tenda bagnata (già sapendo che l avrei rimontata in giardino a casa x farla asciugare..) fatto con calma colazione al bar consapevoli che da li a poco il caldo sarebbe arrivato e così infatti è stato, pur entrando in Svizzera e salendo al San Bernardino la temperatura e soprattutto il traffico non ci hanno dato tregua, 37 gradi costanti e tra Lugano e il confine di Chiasso una coda kilometrica ci ha costretto a viaggiare in corsia di emergenza se non volevamo sciogliere tra le auto!!! Fortuna poi che da Milano il traffico si è snellito e ale 17 eravamo a casa di Andrea a Vinovo do ho approfittato della doccia per rinfrescarmi per bene. Nel frattempo Andrea e Rossella hanno preparato un po' di roba da portare alla cena, una bella grigliata nel cortile è il modo migliore per rientrare a casa!!! Arrivati a Staffarda (Saluzzo,CN) la serata è passata in allegria tra buon cibo, Andrea che intratteneva suonando l organetto, io e Rossella a ballare due danze occitane e la sorpresa più grande, la loro figlia che annunciava il matrimonio col moroso!!!! Auguriiiiii!!

Immagine
Immagine
Immagine

Una degna conclusione per questo lungo viaggio, terminato ora davanti al garage di casa mia, il parziale della moto segna 9243 km passati in sella alla mia fedelissima. Sono stanco , ho 1000 pensieri e ricordi che mi ronzano nella testa, ma posso dire di aver coronato il sogno che avevo da tanto tempo, portare la mia moto nel posto che le ha dato il nome, Nordkapp – Caponord
Ci sono stato..e ora posso dirlo!!!
Un doveroso e sentito grazie va a Andrea con cui ho condiviso ogni singolo momento di questa avventura, GRAZIE MAESTRO!!!!

Da lunedi si ricomicia con la solita vita quotidiana ma con un viaggio nel cuore che non rimarrà per sempre!!!

27°10'21” Nordkapp, ti ho raggiunto, non ti dimentico!!!
Bye DAviDE
A president of "Zavorrazero club" :re:
100.000 km con la Caponord a NordKapp
Immagine
Cell. 3356424968 -/ Facebook: Davide Nano
Immagine

Avatar utente
massimo382
GRAN TALEBANO 2015
GRAN TALEBANO 2015
Messaggi: 2997
Iscritto il: lunedì 1 agosto 2011, 16:57
Località: Perugia

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!!

Messaggio da massimo382 » lunedì 17 agosto 2015, 16:05

Mitico ........... Papero porta la fisarmonica al prossimo raduno ..........

per il resto che dire ... mi ripeto ... FANTASTICO ..... ed il tuo racconto è così emozionante .... bello...... bellissimo, letto tutto d'un fiato. Mi sono quasi commosso di gioia pensando a due amici aotariani che hanno fatto questo fantastico giro
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Immagine ... in moto si colgono tante occasioni !!!!!!!!

Avatar utente
MICHELE77
MOTOCICLISTA DILETTANTE
MOTOCICLISTA DILETTANTE
Messaggi: 815
Iscritto il: domenica 8 marzo 2015, 18:00
Moto: yamaha XT1200ZE Super Tenere
Tel: 3477654282
Località: Cassano Spinola

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!!

Messaggio da MICHELE77 » lunedì 17 agosto 2015, 18:24

Complimenti ragazzi, bel viaggio è bellissimo resoconto, per me rimane ancora un sogno, ma prima o poi sarà mio!

Avatar utente
andydj31
TANTO FORUM-POCA MOTO
TANTO FORUM-POCA MOTO
Messaggi: 6241
Iscritto il: lunedì 28 gennaio 2002, 1:00
Località: Concordia Sagittaria (Ve)

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!!

Messaggio da andydj31 » lunedì 17 agosto 2015, 19:17

Vi ho seguiti, invidiandovi su facebook, ed ora ho letto tutto d'un fiato il racconto… bellissima esperienza, d'altronde con un compagno di viaggio come Andrea "il papero" è una garanzia!! :clapclap:
Bravi ragassuoli!!!

Direi che questa foto riassume tutto!!

Immagine

P.S. ho l'impressione che questa estate Fedro abbia visto più italiani del solito!! :uaz:
Caponord 1200 '14 Travel Pack Rosso Formula

Immagine

Avatar utente
gioroma
NONNO DEL FORUM
NONNO DEL FORUM
Messaggi: 10378
Iscritto il: lunedì 17 gennaio 2011, 20:36
Moto: caponord 1000 etv 2006
Tel: 320 1703855
Località: cesano maderno mb

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!!

Messaggio da gioroma » lunedì 17 agosto 2015, 20:45

:clapclap: :clapclap: :clapclap: :clapclap: :clapclap: :clapclap: :clapclap: :clapclap: :clapclap: :clapclap:
ogni parola sarebbe di troppo :doppiok: :doppiok:
gio
majesty 250-kawa zr7s-cn etv 1000......lamotomiglioredelmondoquandovà...ma.......
Immagine

Avatar utente
D@rione
NONNO DEL FORUM
NONNO DEL FORUM
Messaggi: 16706
Iscritto il: sabato 28 maggio 2005, 20:08
Moto: ETV1000 Caponord
Località: Montespertoli (Fi)
Contatta:

Re: NORDKAPP 2015 : un sogno diventato viaggio!!!

Messaggio da D@rione » martedì 18 agosto 2015, 8:55

Letto tutto..... mammamia che meraviglia!!!
Grandi ragazzi...! Mi avete fatto venire la voglia di andare a Caponord!! :ridi:
Old chiken makes good "knor"..

"Ei fu nel tempo si ritratto.../che per agir a vendetta/lo scherno mise in atto./Darion della motocicletta/è ora lui a crear lo scatto!"(by Bikelink)

KTM 1290 Super Adventure S - La Diavola: 20.000km
Capo ETV1000 - La Bestiolona: 144.000km
Pegaso Cube: 22.000km

Immagine

Rispondi

Torna a “RACCONTI ON THE ROAD”