TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

I tutorial dei nostri utenti per qualsiasi manutenzione, lavoro, modifica, fatti sulla Caponord ETV1000
Avatar utente
OnlyVu
FORUM-DIPENDENTE
FORUM-DIPENDENTE
Messaggi: 4097
Iscritto il: domenica 6 marzo 2011, 23:02
Moto: ETV 1000 Caponord ABS 2004
Località: Albano Laziale (RM)

TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da OnlyVu » lunedì 20 luglio 2015, 18:59

Da due o tre anni, a varie riprese, mi capita di buttare un'occhio sui sistemi di monitoraggio della pressione delle gomme.
Il risultato è che più indago e più aumentano i miei dubbi sulla opportunità di montare un'aggeggio del genere visto che, nel settore dei kit aftermarket specifici per moto, l'offerta di apparecchi di qualità non sembra essere molto vasta.

La valutazione di un impianto di questo tipo è legata, in definitiva, al tipo dei sensori utilizzati, alle informazioni che la centralina\display ci fornisce ed alla loro accuratezza.
C'è poi tutto il discorso della durata nel tempo dei componenti impiegati e della possibilità, eventualmente di rimpiazzarli nel tempo...nota questa assai dolente, specie riguardo a sistemi a tiratura molto limitata come quelli motociclistici.

Il settore moto prevede per ora (salvo smentite dell'ultim'ora) soltanto sistemi di rilevamento diretti (cioè quelli che utilizzano sensori dedicati) e non quelli indiretti (che usano le ruote foniche dell'ABS). La tecnologia del sensore è comunque molto importante e può fare certamente la differenza.
Stranamente Aprilia è un pò indietro in questo settore, infatti la Caponord 1200 superelettronica non ne è dotata nemmeno in opzione, mentre BMW ha ormai esteso a praticamente tutta la propria gamma il monitoraggio della pressione (anche l'F650 può esserne equipaggiata).

Questa funzione risulta integrata nel sistema informativo di bordo ed è sicuramente un plusvalore che il produttore fornisce ai propri clienti.
Può darsi che le BMW siano moto in generale troppo care, ma avere il controllo pressione integrato nella strumentazione non è cosa da poco, visto che anche il costo dei kit aftermarket non è particolarmente abbordabile (...e si può spendere facilmente anche 300 euro per averlo).
Questi sono i sensori utilizzati dalle mukke:
TPMS001.jpg
Come tutti i sensori alloggiati all'interno della ruota, sono dotati di una batteria al litio di durata pari a circa 5/7 anni.
Quando la carica si esaurisce, il produttore prescrive quasi sempre la sostituzione dell'intero sensore dato che, per la batteria annegata nella resina, non è prevista la rimovibilità: perchè il sistema sia affidabile il sensore deve essere resinato...mah...
...in realtà, in molti si cimentano nella sostituzione della pila, ma dopo questa operazione, il sensore stesso fa leggermente :wc:

[youtube]Mpjz0cDjnK4[/youtube]

Le soluzioni, cosiddette OEM, sono quasi sempre specifiche di ciascun mezzo, troppo per essere trapiantate su altre moto: l'unica possibilità è quella di cercare (trovandolo!) un prodotto che rientra tra gli accessori universali.

Un buon prodotto che sembrava avere le carte in regola per essere montato sulla Caponord è lo ZADI RTS...purtroppo però il marchio è sparito dalla circolazione da alcuni anni.
Qualcosa si trova ancora in rete, ma acquistarlo adesso, ritengo sia un pò un azzardo proprio perchè, in caso di problemi, i ricambi non ci sono e se la pila si esaurisce sono guai (non ho trovato informazioni sulla possibilità o meno, in questo caso, della sostituzione artigianale).
Secondo me, esteticamente era imbattibile per design e compattezza, oltre che essere illuminato e waterproof: inoltre qualcuno con la Caponord lo aveva anche montato, quindi era anche sicuramente compatibile al 100% con le nostre moto.

Immagine
TPMS002.jpg
TPMS003.jpg
Come alternativa similare (cioè sempre con sensore interno), esistono alcuni kit: è possibile prendere l'Orange M202 (e questo....probabilmente, è l'unico che attualmente acquisterei).
TPMS004.jpg
Altri modelli sono il TireWatch (un pò misero) ed il TireGuard (ma la soluzione a portachiavi, proprio non mi entusiasma):
TPMS005.jpg
TPMS009.jpg
Chiudendo il discorso dei kit con sensore interno, mi sono reso conto (leggendone qualcuno) che bisogna sempre cercare di farsi un'idea di come si installano questi prodotti dal manuale a corredo (eventualmente chiedendo anche lumi direttamente al produttore) prima di effettuarne l'acquisto: in questo modo, si potrà cercare di capire se esistono incompatibilità di montaggio.
Non basta cioè semplicemente controllare che il diametro delle valvole presenti sulle ruote della nostra moto sia quello specificato nel kit.

Un'altra categoria di prodotti, è costituita da quelli che impiegano rilevatori di pressione con sensore esterno (montato direttamente sulla valvola): di solito sono di provenienza più o meno asiatica, con una tecnologia che sembra presentare più difetti che pregi (ma anche Garmin con gli Zumo la utilizza e forse in questo caso.....sono anche io che esagero) come questi.
TPMS006.jpg
Alcuni sistemi poi, consistono semplicemente in applicazioni per smartphone che ricevono le informazioni dai sensori via Bluetooth.....si possono così controllare simultaneamente addirittura più mezzi di trasporto....
TPMS008.jpg
Nel tentativo di paragonare i sistemi con sensore esterno a quelli che invece lo montano internamente, riepilogo qui sotto brevemente i pro ed i contro delle due soluzioni.
TPMS007.jpg
Per dare un'idea della situazione, alcuni kit esterni raccomandano di utilizzare sui sensori, dopo il montaggio, dell'acqua saponata :o per controllare la presenza di perdite d'aria!
Messa così, finisce che per viaggiare più sicuri.....

Infine, allego qui sotto un articolo, trovato in rete, che confronta in modo abbastanza analitico i vari prodotti.
Comparativa TPMS.pdf
In conclusione, da quanto ho potuto sin qui vedere, penso che non esista attualmente in commercio un kit TPMS per moto particolamente appetibile e professionale.
Speriamo che, con la maggior diffusione in atto di questi dispositivi, possa esserne distribuito anche nel settore delle due ruote, qualcuno che sia veramente degno di nota.
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di OnlyVu il martedì 21 luglio 2015, 18:37, modificato 12 volte in totale.
Immagine

Avatar utente
phoenix78
Mi arrabatto con la bici
Messaggi: 3656
Iscritto il: venerdì 8 aprile 2011, 11:19
Località: roma/viterbo

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da phoenix78 » lunedì 20 luglio 2015, 22:22

io ho il secondo, aggeggetto divertente e molto utile a volte
Nihil Difficile Volenti

Avatar utente
OnlyVu
FORUM-DIPENDENTE
FORUM-DIPENDENTE
Messaggi: 4097
Iscritto il: domenica 6 marzo 2011, 23:02
Moto: ETV 1000 Caponord ABS 2004
Località: Albano Laziale (RM)

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da OnlyVu » lunedì 20 luglio 2015, 22:45

Il secondo, cioè quale, ll'M202?
Immagine

Avatar utente
phoenix78
Mi arrabatto con la bici
Messaggi: 3656
Iscritto il: venerdì 8 aprile 2011, 11:19
Località: roma/viterbo

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da phoenix78 » lunedì 20 luglio 2015, 23:01

quello con la foto che gira e questo qui per ultimo con scritto you have fun

lo vendo se vuoi provarlo quando si sono scaricate le batterie l'ho tolto perchè non sapevo come funzionava
Nihil Difficile Volenti

Avatar utente
OnlyVu
FORUM-DIPENDENTE
FORUM-DIPENDENTE
Messaggi: 4097
Iscritto il: domenica 6 marzo 2011, 23:02
Moto: ETV 1000 Caponord ABS 2004
Località: Albano Laziale (RM)

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da OnlyVu » martedì 21 luglio 2015, 10:35

Eh, si, il problema sta proprio nelle batterie dei sensori, non so se ti riferisci a quelle ma sembra che durino solo un paio d'anni e che poi si debba sostituire l'intero sensore.
Se riesci a cambiarle sei a posto, ecco il manuale di istruzioni spero sia sufficiente per rimetterlo in funzione:
ZADI RTS.pdf
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di OnlyVu il martedì 21 luglio 2015, 11:09, modificato 2 volte in totale.
Immagine

Avatar utente
polaroid
MOTOCICLISTA DILETTANTE
MOTOCICLISTA DILETTANTE
Messaggi: 864
Iscritto il: lunedì 10 ottobre 2011, 17:36
Moto: Caponord-04abs-BlueHilton
Tel: tre3otto4sei7zero6sette9
Località: Catania

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da polaroid » martedì 21 luglio 2015, 10:41

Tempo fa anche io avevo affrontato l'argomento ed oltre ai tpms precedenti avevo trovato il Mobiletron TPMS disponibile con due tipologie di sensore:
Tyre-Track.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di polaroid il giovedì 8 giugno 2017, 9:37, modificato 5 volte in totale.
Quattro ruote spostano il corpo, due spostano l'anima. Caponord '04 Blue Hilton
Immagine

Avatar utente
phoenix78
Mi arrabatto con la bici
Messaggi: 3656
Iscritto il: venerdì 8 aprile 2011, 11:19
Località: roma/viterbo

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da phoenix78 » martedì 21 luglio 2015, 10:50

non mi è sembrata affatto un'operazione difficile sostituirle, sono in bella mostra coperte da silicone. un taglio centrale, sostituzione e sigillo di nuovo con colla a caldo silicone. non ci ho mai provato perchè all'inizio pensavo si fosse rotto e l'ho accantonato pensando di aver preso una fregatura. poi ho cpito ma non mi ci sono più dedicato. tempo fa lo avevo anche messo in vendita
Nihil Difficile Volenti

Avatar utente
OnlyVu
FORUM-DIPENDENTE
FORUM-DIPENDENTE
Messaggi: 4097
Iscritto il: domenica 6 marzo 2011, 23:02
Moto: ETV 1000 Caponord ABS 2004
Località: Albano Laziale (RM)

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da OnlyVu » martedì 21 luglio 2015, 11:06

polaroid ha scritto: Tempo fa anche io avevo affrontato l'argomento ed oltre ai tpms precedenti avevo trovato il Tyre Track.....
Beh, non sembra male. Anche come dimensioni mi sembra abbastanza piccolo e poi visualizza tutti i dati contemporanemente, senza ricorrere a commutazioni temporizzate.
Infine costa abbastanza poco.
L'unico dubbio è quella fascia metallica sul sensore interno visibile in foto...non abbraccerà mica tutto il cerchio! :o
Immagine

Avatar utente
glaucot
GRAN TALEBANO 2013
GRAN TALEBANO 2013
Messaggi: 5587
Iscritto il: martedì 4 novembre 2003, 23:57
Località: Maglie LE

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da glaucot » martedì 21 luglio 2015, 14:29

nn datemi del "geriatrico" .... :nonno:
ma se la moto è assistita da un mono e da una forcella efficienti, il minimo abbassamento di pressione gomme lo avverti sotto le chiappe o sul manubrio.... :ciao2:
Immagine Immagine Immagine

Avatar utente
OnlyVu
FORUM-DIPENDENTE
FORUM-DIPENDENTE
Messaggi: 4097
Iscritto il: domenica 6 marzo 2011, 23:02
Moto: ETV 1000 Caponord ABS 2004
Località: Albano Laziale (RM)

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da OnlyVu » martedì 21 luglio 2015, 14:43

Mah. ho girato benissimo fino a ieri col posteriore a 1,5.....
Il pericolo che questi dispositivi tendono ad eliminare è la foratura subdola che si manifesta solo quando arrivi in curva e non c'è più molto da fare, magari dopo un rettilineo...ho un amico che afferma di essere stato miracolato dall'indicatore.
Con i pneumatici tubeless gran parte del rischio è eliminato all'origine ma...come si usa dire, è sempre meglio un gadget in più che uno in meno... :D L'importante è che non sia una baracca!
Immagine

Avatar utente
OnlyVu
FORUM-DIPENDENTE
FORUM-DIPENDENTE
Messaggi: 4097
Iscritto il: domenica 6 marzo 2011, 23:02
Moto: ETV 1000 Caponord ABS 2004
Località: Albano Laziale (RM)

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da OnlyVu » giovedì 29 dicembre 2016, 19:23

Segnalo un produttore piuttosto interessante di sistemi di monitoraggio pressione gomme: Steelmate.
Questo è il sito UK dove si possono reperire ulteriori informazioni.

Oltre ai classici kit con sensore nel tappo valvola, produce 2 kit "professionali" (cioè con sensori interni al cerchio ruota), che contegono la "i" nel nome del modello (a significare...appunto..."internal").
Per questi sensori, il rivenditore UK di cui sopra, esclude la possibilità di sostituire la batteria (li ho sentiti via email): anche se sembra visibile uno sportellino rimuovibile (freccia rossa), probabilmente ci sono colle o resine da rimuovere per poter accedere ad essa.
Ciò non esclude in assoluto un simile intervento, ma di certo si tratta di un'operazione fai-da-te, con fattibilità tutta da verificare.
D'altro canto, non ho trovato opzioni di acquisto per sensori di ricambio.....mah :nonsò:
La caratteristica che balza agli occhi rispetto a qualunque altra soluzione già vista, consiste evidentemente nella presenza delle valvole di gonfiaggio a 90°....tutto nel miglior stile motociclistico.
TPMS010.jpg
Tra i due kit "i", quello che sembrerebbe più indicato alla Caponord dovrebbe essere il TP-90i Pro .......
TPMS011.jpg
.... il cui display water-proof, come si vede, assomiglia ad un orologio da polso.
Può essere montato sul manubrio (utilizzandolo completo di tutte le sue parti), oppure, eliminando il "cinturino"(e con o senza la gabbia di fissaggio con le quattro viti), anche su una superficie piana (ad es. sul cruscotto).
TPMS017.jpg
TPMS012.jpg
Dispone dell'alimentazione a 12v con collegamento all'impianto della moto.
La pressione del pneumatico ant e post. viene mostrata in maniera alternata ogni 2 secondi, a velocità superiori ai 20 km/h, con l'ausilio delle due linee led verdi (sopra e sotto al display numerico), che indicano di volta in volta, la ruota a cui si riferisce la lettura.
Il kit dovrebbe comprendere la possibilità di essere installato tanto su cerchi con valvola da 8,3 mm che su quelli con valvola da 11,3 mm (mandata email a rivenditore di cui al primo link in alto che mi ha confermato la cosa).
Altrimenti si può però ripiegare sul kit TP-90 Pro (così denominato, anche se appartenente alla linea non-pro), identico al precedente ma con sensori esterni.
TPMS018.jpg
Entrambi presentano anche la funzione di voltmetro: è possibile leggere per alcuni secondi la tensione della batteria premendo un pulsante, successivamente il display si commuta di nuovo sui dati relativi alla pressione delle gomme.

Le cifre del display numerico sono bianche, e penso che potrebbero anche essere "azzurrate" con una pellicola blu da applicarsi sopra (per ottenere una coerenza cromatica con il quadro strumenti della Caponord).
La funzione di voltmetro penso sia molto utile per chi non lo abbia ancora previsto, ma va ricordato, appunto, che la tensione non viene mostrata in maniera continuativa.

Qui sotto, pur in assenza del manuale, le varie condizioni di funzionamento del display:
TPMS019.gif
L'altro kit con valvole a 90°è il TP-91i Pro che esiste in due versioni con differente diametro valvola tra cui anche quella di 8,3 mm.
Purtroppo, oltre ad una spiccata vocazione al montaggio su moto custom\cafe racer (cromature), il display è alimentato con pile AAA e non c'è di conseguenza la funzione di voltmetro. Inoltre è stata prevista anche la visualizzazione dell'ora, che costituisce uno sgradito raddoppio di funzioni (visto che l'orologio è già presente sul cruscotto della ns. moto).
Qui la visualizzazione dei valori della pressione delle gomme è basata su un display più ampio (però con cifre più ridotte) e non è più necessaria la commutazione.
In ogni caso lo strumento sembra di buona fattura ed anche molto gradevole esteticamente, ricordando in particolare lo Zadi.
Va rilevato che, come dimostrano le foto che circolano, il suo quadrante non corrispone esattamente all'illustrazione presente sulla confezione (dove è ritratto con cifre bianche su sfondo nero e...... non si capisce se sia possibile commutarlo per ottenere anche questo risultato).
Molto probabilmente (a causa del tipo di alimentazione) Il pannello lcd non è retroilluminato: il manuale del prodotto potrebbe chiarire molti dubbi, ma non è scaricabile online.
Tutti e tre i kit (TP-90/90i Pro e TP-91i Pro) rilevano la temperatura e segnalano tramite allarme se i valori di pressione e temperatura si trovano oltre le soglie di sicurezza prestabilite (I kit con sensori interni inoltre, come si sa, dovrebbero misurarla con maggiore accuratezza).
L'allarme fornito è di tipo acustico e visuale (ulteriore barra led rossa si accende nella posizione della ruota problematica sui TP-90/90i Pro mentre sono presenti dei led singoli sul TP-91i Pro; le soglie di intervento possono essere definite in maniera personalizzata).
TPMS013.jpg
TPMS014.jpg
I prezzi possono essere considerati abbordabili: 105,00 £ (TP-90i Pro), 97,00 £ (TP-90 Pro) e 120,00 £ (TP-91i Pro).
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di OnlyVu il giovedì 12 gennaio 2017, 12:11, modificato 14 volte in totale.
Immagine

Avatar utente
OnlyVu
FORUM-DIPENDENTE
FORUM-DIPENDENTE
Messaggi: 4097
Iscritto il: domenica 6 marzo 2011, 23:02
Moto: ETV 1000 Caponord ABS 2004
Località: Albano Laziale (RM)

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da OnlyVu » venerdì 6 gennaio 2017, 0:13

Per chi fosse interessato, riporto il manuale di montaggio e operativo del Mobiletron (TyreTrack di cui si parlava qui sopra) che risulta essere uno dei dispositivi più completi tra quelli finora esaminati, anche se (come emerge da questo documento) quello con la procedura di montaggio del sensore più complessa.
Cp_4047354034.pdf
---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Sul fronte dei sistemi con sensore esterno, segnalo l'esistenza di speciali valvole a "T" (nei formati con diametro da 8,3 ed 11,3 mm) che consentono un montaggio permanente dei sensori, eliminando la necessità della loro rimozione ad ogni gonfiaggio ruota(!): si tratta di accessori veramente indispensabili in questi casi per.... non impazzire.... :uaz: ....e che giocano un ruolo determinante nel rilanciare questa tecnologia, come possibile alternativa a quella dei sensori interni.
Inoltre queste valvole sono universali e quindi ben si prestano, ad es., ad essere impiegate con un navigatore Garmin che integri il controllo della pressione (Zumo 345/390/395/590/595).
Forse si riesce anche a controllare la pressione mentre si gonfiano le ruote (una sorta di manometro digitale).
Prodotte da "Fobo", costituiscono un accessorio al suo kit FOBO Bike che monitora la pressione delle gomme tramite smartphone via Bluetooth(dalla v. 4.0 in su):
TPMS015.jpg
TPMS016.jpg
Nel sistema Cliff-Top l'accoppiamento del sensore alla posizione della ruota avviene tramite QR-code:

[youtube]SYw-Ky8yG8A[/youtube]
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Immagine

Avatar utente
OnlyVu
FORUM-DIPENDENTE
FORUM-DIPENDENTE
Messaggi: 4097
Iscritto il: domenica 6 marzo 2011, 23:02
Moto: ETV 1000 Caponord ABS 2004
Località: Albano Laziale (RM)

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da OnlyVu » giovedì 8 giugno 2017, 18:10

Per gli amanti dei sensori esterni, segnalo un nuovo prodotto, esteticamente identico al TP-91i Pro ma privo delle cromature e commercializzato con il marchio EBAT, il modello ET-910AE.

Anche questo ha il pregio\difetto di avere il display LCD (non a segmenti led quindi) alimentato con due pile a pastiglia, e non dalla 12v della moto, dato il basso assorbimento energetico.
TPMS026.jpg
TPMS027.jpg
Non hai i permessi necessari per visualizzare i file allegati in questo messaggio.
Ultima modifica di OnlyVu il giovedì 8 giugno 2017, 22:22, modificato 1 volta in totale.
Immagine

Avatar utente
ROSARIO
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 3058
Iscritto il: giovedì 17 gennaio 2013, 10:46
Moto: Caponord'04
Tel: 339_4767055 345-3294881
Località: CATANIA

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da ROSARIO » giovedì 8 giugno 2017, 18:39

Bello questo :ok: sai il costo?
Immagine

Avatar utente
OnlyVu
FORUM-DIPENDENTE
FORUM-DIPENDENTE
Messaggi: 4097
Iscritto il: domenica 6 marzo 2011, 23:02
Moto: ETV 1000 Caponord ABS 2004
Località: Albano Laziale (RM)

Re: TPMS aftermarket, ne vale proprio la pena?

Messaggio da OnlyVu » giovedì 8 giugno 2017, 22:21

ROSARIO ha scritto: Bello questo :ok: sai il costo?
Il prezzo medio è intorno ai 140 euro.
Considera però che probabilmente il display nella realtà non sarà a caratteri bianchi su fondo nero ma il contrario, analogamente al modello TP-91i Pro (che sulla scatola viene ritratto con il diplay nero mentre in effetti la visualizzazione avviene su un normale LCD a caratteri neri su sfondo chiaro)......cioè così:

Immagine

......ahhh il marketing ci ucciderà.... :mazzate:
Immagine

Rispondi

Torna a “Tutorial Caponord ETV1000”