Reaizzazione tubi in treccia self-made

I tutorial dei nostri utenti per qualsiasi manutenzione, lavoro, modifica, fatti sulla Caponord ETV1000
Rispondi
Avatar utente
AlCapone
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 1178
Iscritto il: domenica 23 gennaio 2011, 12:01
Moto: Caponord EVT 1000 - 2003
Tel: 3929999569
Località: Pisa

Reaizzazione tubi in treccia self-made

Messaggio da AlCapone » domenica 24 aprile 2016, 14:22

DESCRIZIONE:
realizzazione tubi in treccia self-made. Il costo non è molto inferiore ai kit che si trovano in rete, ma permette di avere tubi personalizzati per eventuali modifiche di pompe o pinze dei freni.

FORNITORE MATERIALE:
Materiale acquistato su EBay dal venditore GhostShop XXX, fornito e affidabile, la spedizione è arrivata prima del previsto

GRADO DI DIFFICOLTA':
Media

MATERIALE NECESSARIO:
- Tubo in treccia della lunghezza necessaria a cui aggiungere qualche centimetro per eseguire dei terminali di taglio di buona qualità
- Raccordi necessari con foro 10 mm per il banjo adatti per il montaggio self-made (con ogiva e dado di serraggio)
- Nastro di carta
- Dremel con lama per metallo
- Mascherina in plastica per la protezione degli occhi
- Cutter
- Cacciavite a taglio piccolo
- Morsa
- Chiave aperta da 11 mm
- Pennarello indelebile scuro
-Termorestringente (opzionale)
- Pistola a caldo (opzionale)

Immagine
Immagine

FASI DI LAVORO:

1. iniziamo avvolgendo 2-3 giri di nastro di carta ad una delle estremità del tubo in treccia, questo ci aiuterà ad evitare sfilacciamenti in fase di taglio.
Immagine

2. Indossiamo la nostra mascherina per proteggere gli occhi, infatti i residui della treccia tagliata sono molto pericolosi e schizzano ovunque. Con il Dremel andiamo a tagliare SOLO LA TRECCIA SENZA TAGLIARE IL TUBO IN PLASTICA collocato al suo interno. Se viene intaccato non ci sono problemi ma dato che la lama scalda molto il rischio è che si formino (o finiscano) all'interno dei residui di plastica, che potrebbero poi otturare i raccordi in fase di spurgo.
Immagine

3. Rimuoviamo adesso la calza in avanzo e tagliamo con un cutter il tubo in plastica in maniera netta e perpendicolare all'asse del tubo. Importante è tagliare il tubo di plastica nello stesso punto della treccia, non deve essere né più lungo, né più corto,
Immagine

4. Leviamo il nastro di carta ed avremo ottenuto un taglio pulito
Immagine

5. Adesso andiamo ad inserire il dado all'interno del tubo per l'assemblaggio che avverrà in questo ordine:
Immagine
P.S.: il dado io l'ho messo a questo punto del lavoro, cioè dopo aver levato il nastro.... ma se lo mettere prima è anche meglio visto che la treccia leggermente spanata non lo fa passare benissimo

6. Con l'aiuto di un cacciavite a taglio piccolo andiamo ad allargare un po' la treccia in modo da formare un intercapedine dove andrà collocata l'ogiva
Immagine

7. Mettimo adesso l'ogiva e battiamola con un martello di gomma in modo da avere una battuta interna perfetta fra il tubo in gomma ed il dente nterno all'estremità dell'ogiva
Immagine

Questa fase è molto importante, la treccia deve finire sopra l'ogiva ed il risultato deve quindi essere questo:
Immagine

8. Andiamo adesso ad inserire il nostro raccordo dentro all'ogiva ed abbocchiamo per un filetto il dado che abbiamo precedentemente inserito nel tubo; dovrete un poò forzare il dado per la presenza della treccia che fa spessore.
Immagine

9. A questo punto non ci resta che mettere il raccodo in morsa e serrare bene il dado con una chiave aperta da 11 mm. Nelle foto vedete un raccordo a 90° che da tenere in morsa è una bella rottura, ma ci si fa :wink:
Immagine

10. (opzionale) Inserite il termorestringente della lunghezza necessaria nel tubo in treccia. A me serviva perché il percorso originale del tubo freno posteriore gira intorno allo snodo del forcellone ed ho voluto creare una protezione sia per il tubo che per il forcellone stesso. Ovviamente immaginerete che ho dovuto farlo perché ho acquistato tubi non gommati (che mi piacciono di più oltre che costare meno); se acquistate tubi che hanno già una protezione non ne avrete bisogno.
Immagine

11. (opzionale) Utilizzate la pistola a caldo per far aderire il termorestingente
Immagine

12. Adesso che avete la prima estremità pronta (nel mio caso il lato pompa freno posteriore), misurate con esattezza la lunghezza che vi serve e segnatela con un pennarello. Dopodiché potete tagliare la treccia e ripetere i punti da 1 a 9, ma utilizzando (ovviamente) l'altro raccordo; io ne avevo uno inclinato 25° ed è stato decisamente più semplice.
Immagine

13. Adesso il vostro cavo è pronto :ok1:
Immagine

ANNOTAZIONI: molti tagliano direttamente il tubo in treccia con le tronchese, in questo modo però il tubo in plastica interno si schiaccia e deve essere risagomato con una pinza... utilizzando invece Dremel e cutter il tubo non subisce alterazioni.


RISULTATO FINALE:

Immagine


Al
Ultima modifica di AlCapone il lunedì 6 giugno 2016, 20:06, modificato 4 volte in totale.
Immagine
Immagine

Manubrio
FRENO BENE
FRENO BENE
Messaggi: 353
Iscritto il: domenica 3 giugno 2012, 15:26
Località: Ovunque, basta si possa guidare una moto.

Re: Reaizzazione tubi in treccia self-made

Messaggio da Manubrio » domenica 24 aprile 2016, 14:28

bravissimo, bel lavoro sia di relazione che di realizzazione

:clapclap: :ok: :friends:

Li hai già provati? si sente la differenza?

Avatar utente
AlCapone
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 1178
Iscritto il: domenica 23 gennaio 2011, 12:01
Moto: Caponord EVT 1000 - 2003
Tel: 3929999569
Località: Pisa

Re: Reaizzazione tubi in treccia self-made

Messaggio da AlCapone » domenica 24 aprile 2016, 14:32

Grazie mille :oops:
Non ancora l'ho assemblato ieri, oggi spurgo e vado di test drive nei prossimi giorni :wink:
Immagine
Immagine

angelop
NIUBBO
NIUBBO
Messaggi: 9
Iscritto il: domenica 22 maggio 2016, 22:44
Moto: caponord ETV 1000 del 2004

Re: Reaizzazione tubi in treccia self-made

Messaggio da angelop » martedì 31 maggio 2016, 5:51

Ottimo lavoro e complimenti per la presentazione !
Considerata la tua esperienza volevo chiederti se ti è mai capitato di realizzare il tubo del carburante, quello ad innesto rapido sotto il serbatoio di mandata ad alta pressione.
Si rompe con una facilità incredibile (l'innesto è di plastica e si "cuoce" facilmente) e ha raggiunti dei costi inaccessibili.
Ciao.

Avatar utente
D@rione
NONNO DEL FORUM
NONNO DEL FORUM
Messaggi: 16707
Iscritto il: sabato 28 maggio 2005, 20:08
Moto: ETV1000 Caponord
Località: Montespertoli (Fi)
Contatta:

Re: Reaizzazione tubi in treccia self-made

Messaggio da D@rione » martedì 31 maggio 2016, 7:35

spettacolo!!! Grandissimo!!!! :salta:
Old chiken makes good "knor"..

"Ei fu nel tempo si ritratto.../che per agir a vendetta/lo scherno mise in atto./Darion della motocicletta/è ora lui a crear lo scatto!"(by Bikelink)

KTM 1290 Super Adventure S - La Diavola: 20.000km
Capo ETV1000 - La Bestiolona: 144.000km
Pegaso Cube: 22.000km

Immagine

Avatar utente
lucky
PIEGO BENE
PIEGO BENE
Messaggi: 628
Iscritto il: lunedì 14 ottobre 2013, 12:12
Località: MESSINA - Reggio Calabria

Re: Reaizzazione tubi in treccia self-made

Messaggio da lucky » lunedì 6 giugno 2016, 16:29

Gran bel lavoro, complimenti!
Immagine

Avatar utente
AlCapone
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 1178
Iscritto il: domenica 23 gennaio 2011, 12:01
Moto: Caponord EVT 1000 - 2003
Tel: 3929999569
Località: Pisa

Re: Reaizzazione tubi in treccia self-made

Messaggio da AlCapone » lunedì 6 giugno 2016, 19:48

angelop ha scritto: Ottimo lavoro e complimenti per la presentazione !
Considerata la tua esperienza volevo chiederti se ti è mai capitato di realizzare il tubo del carburante, quello ad innesto rapido sotto il serbatoio di mandata ad alta pressione.
Si rompe con una facilità incredibile (l'innesto è di plastica e si "cuoce" facilmente) e ha raggiunti dei costi inaccessibili.
Ciao.
beh intanto grazie a tutti :oops:
Il tubo funziona alla grande l'ho testato per benino :D
per il tubo di alta del carburante direi proprio che la tecnica usata per i tubi in treccia autocostruiti per gli impianti freno/frizione non è utilizzabile... mi pare che bimbo75 facesse i crimpaggi a regola d'arte pero' non vorrei sbagliare utente.. magari aspettiamo conferme da chi si ricorda meglio :goccia:
Immagine
Immagine

Rispondi

Torna a “Tutorial Caponord ETV1000”