Aotr, le radici dell’odio?

Forum deprecabile dove verranno spostati tutti i post litigiosi e inutili... (è il cestino del forum)
Avatar utente
ElCaimanDelPIave1
NIUBBO
NIUBBO
Messaggi: 94
Iscritto il: giovedì 3 maggio 2018, 15:42
Moto: Aprilia Pegaso Strada 650
Località: VENETO E ANCHE SICILIANO!!!

Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da ElCaimanDelPIave1 » mercoledì 13 giugno 2018, 23:51

So che questo messaggio mi costerà il secondo ban, e probabilmente verrà “moderato”, ma almeno questa volta il ban sarà stato per un motivo vero, e non per un assurdo processo alle intenzioni.
Ma prima di parlare di questo, vorrei esporre il mio personalissimo punto di vista sulla situazione paradossale che si è venuta a creare in questo ambiente.

Sarò lungo, molto lungo. E sicuramente, nello scrivere cercherò di essere il meno interpretabile possibile, ma, la mia arte dell’eloquenza e’ molto primitiva, quindi sicuramente quanto esporrò potrà anche essere travisato.

Nel 2009, dopo l’acquisto della mia prima e unica motocicletta, una Aprilia Pegaso Strada, mi sono imbattuto in questo forum e me ne sono subito innamorato. Un ambiente familiare, nel quale ogni problema delle Aprilia Pegaso e Caponord veniva risolto con l’aiuto di altri appassionati, alcuni davvero molto esperti, e comunque si parlava di moto, di problemi, di accessori, di come ripararle, migliorarle, renderle belle e affidabili, di come difendersi da una rete assistenza lacunosa, ecc ecc.

E allo stesso tempo, esisteva una fervente attività di raduni, incontri, giri e gite…

Un progetto comune di adozione a distanza, e un’atmosfera di amicizia e disponibilità che faceva sentire tutti accolti e ben voluti.

Mi sono gettato a capofitto in questa famiglia, passando anche ore a spulciare il forum, ad esplorarlo, a rispondere, scambiare informazioni e riceverne, e anche bighellonare senza un motivo preciso.
Rapidamente il numero dei miei messaggi cresceva, cresceva, assieme al mio entusiasmo, per le moto, per la mia pegaso, per il forum.

Avevo un lavoro molto impegnativo, che mi lasciava davvero poca libertà, ma, con grossi sacrifici, sono riuscito a partecipare a qualche raduno, me li ricordo tutti, quelli importanti e quelli minori, a cui ho preso parte.

E ho conosciuto tante belle persone, molti di loro sono diventati amici, anche se le vedevo una volta ogni morte di Papa, anche se le leggevo soprattutto o solamente nel forum.

Era così tanto il mio entusiasmo, che chiesi di entrare nello staff, e di lì a qualche tempo, se ne presentò l’occasione, dato che si cercavano nuovi elementi per rinforzarne le fila.
Commisi subito errori di inesperienza, ricordo ancora quando scrissi in un post chiuso da Darione, e lui si arrabbiò moltissimo, e aveva ragione.
Ma ci mettevo l’anima, con tutti gli aspetti positivi e negativi che ciò può avere. Però iniziai a sentire che non ero molto gradito. Scrivevo troppo, ero troppo fiscale in alcuni interventi, più altri motivi che sicuramente altri dello staff ricorderanno e che io ho rimosso, lasciandoli nel retrocranio come un ricordo confuso e sgradevole.

Dal mio punto di vista, un colpo notevole al rapporto tra me e il resto dello staff fu il ban di Lippo. Persona che si era resa protagonista di un brutto episodio, ma che si era poi risolto, pur con strascichi di discussioni tra lo stesso Lippo e lo staff, in quell’occasione rappresentato da Fedro69. Tutte discussioni che probabilmente sono ancora “in chiaro” e consultabili da qualche parte, nel forum. Non sto parlando assolutamente di discussioni private, né contenute nella sezione riservata allo staff.
Non condividevo quel ban ma me la sono messa via.

Ma questa spiacevole vicenda non è importante per i protagonisti che l’hanno animata, bensì per il caso emblematico di scontro tra quello che la persona Lippo rappresentava e il mero nickname.
Ho partecipato ad un paio di bisteccate bergamasche, organizzate da Lippo, una delle quali già quando il suo nickname era stato bannato dal forum. Ma il tessuto di amicizie che la persona Lippo si era creata non poteva certo seguire la misera sorte del suo nickname.

Questo e’ il primo caso di cui ho memoria io, e che ha attirato, nei confronti dell’esecutore del Ban, una lunga scia di dissensi, e indirettamente, nei confronti di tutti quelli che lo appoggiarono.

Ciononostante, continuai a fare parte di quello staff, anche perche’ ero impegnato in una profonda riorganizzazione delle sezioni del forum, e di riordino di molte discussioni duplicate, o dal titolo incomprensibile, e quant’altro, un lavoro che fu portato avanti da tutto lo staff, ma che, ha visto parecchio lavoro svolto anche dal sottoscritto.

Nel frattempo, mi resi protagonista di una lunga “scazzottata” con Spalla, che mi vide, questa volta, esecutore di un Ban temporaneo, che non so se mi abbia procurato antipatie, da parte di altri utenti o dello stesso Spalla, fatto sta che, anche durante il ban, mantenni contatti privati con questo utente, che poi tornò attivo e lo è tuttora.

Partecipai ad alcuni raduni, alcuni molto coinvolgenti e rimasti nella memoria di tutti, come il primo Pegaso Pride, dove conobbi di persona Fedro69, riscontrando dal vivo aspetti del suo carattere che traspaiono anche dal suo scrivere sul forum, che, non è un mistero, spesso non condivido, mentre altri decisamente positivi, dato che e’ riuscito ad organizzare un raduno davvero storico, chiamando persone dal sud Italia e dall’estremo nord dell’Europa, e dandoci sempre una sistemazione per la notte, insomma, creando un signor evento.

E anche qui assisto alla discrasia tra la persona e il nickname. La persona Fedro è in parte diversa dal nickname Fedro, ma per chi non ha la fortuna di partecipare ai raduni, Fedro rimane un nick, e una lunga serie di messaggi, sgraditi ad una parte degli utenti.
E Fedro non mi venga a parlare di “attacco alla sua persona”. Perché, la sua persona non e’ in discussione. Quindi parlerei di “divergenza sull’operato”, ed e’ una cosa ben diversa.

Partecipai all’ultimo Zocca e al primo Zocca Altrove, dando un volto a molti nick, tra cui Gioroma, che sul forum non soffrivo molto, mentre con la conoscenza dal vivo, siamo diventati amici. Con lui e con altri.

Nel tempo sviluppai una stima smisurata nei confronti di Davide Ferro (unico per il quale scelgo di utilizzare nome e cognome, dato che, da quando sono iscritto al forum, ha cambiato tre nickname).

Stima che avevo nei confronti di piu’ o meno tutto lo staff del quale facevo parte, con le divergenze già scritte con Fedro, secondo il quale ero malato di mania di protagonismo, ed io ero convinto della stessa cosa nei suoi confronti (qui ci starebbe una faccina, ma preferisco non usarle), e con D@rione, tanto che si narrava che ci odiassimo, cosa assolutamente non vera, almeno da parte mia. Divergenze di opinioni, screzi, ci possono stare, non si puo’ essere amici di tutti allo stesso modo.

Che poi, si litiga piu' facilmente con chi le cose te le dice in faccia, ma si fa anche piu' facilmente la pace.

E qui ripeto in maiuscolo: NON SI PUO’ ESSERE AMICI DI TUTTI ALLO STESSO MODO. E’ normale.

Mi rendo conto di essermi reso protagonista di alcuni episodi in cui il mio essere permaloso ha travalicato il quieto vivere e il mio ruolo di moderatore. In particolare quando, dopo un discreto successo del primo (ed unico) raduno da me organizzato (in collaborazione con molti utenti del gruppo veneto), il giro dei Colli Euganei e Berici, il secondo fu un mostruoso flop di iscrizioni e lo annullai con rullo di tamburi e grande enfasi. Lì ho sbagliato.

Ed altri che ora non mi sovvengono, ma che sicuramente ci sono stati, dato che mi sono poi ritrovato a stare molto antipatico a parecchie persone. Ricordo che ad un pranzo organizzato da Vodice, crearono addirittura un simulacro di un coccodrillo e postarono le foto mentre lo tagliavano. Chissà perché, con “i tagliatori di coccodrilli” ho mantenuto rapporti cordiali e di amicizia.

Ora, cercando di vedere la situazione dall’esterno, dopo quel giro dei colli andato deserto, iniziò il mio allontanamento dal forum, fino a vedermi completamente assente.
Quindi, qualcuno potrebbe anche aver elucubrato che in me sia iniziato un risentimento nei confronti di chicchessia, e che mi sia allontanato per antipatie o divergenze particolari nei confronti dello staff, di utenti o gruppi di essi, del forum in generale.

No non è così, credetemi.
Con le illazioni si costruiscono castelli e fortezze (ed e’ quello che e’ successo in questo forum negli ultimi tempi, nei confronti di altre persone, il vecchio staff, utenti X e Y, e chi piu’ ne ha…).

Mi allontanai per un sopravvenuto “reflusso” nei confronti della moto, e di una serie di cambiamenti e problemi a livello lavorativo, personale e familiare, che qualcuno conosce (e che a qualcuno mi pento amaramente di aver raccontato, dopo spieghero’).
La mia Pegaso e’ rimasta quattro anni quasi completamente ferma. E frequentare questo forum era diventato una sofferenza, per l’impossibilità, per orari lavorativi, impegni familiari e anche ragioni economiche, a partecipare a qualsiasi raduno, per l’invidia nei confronti di chi poteva farlo, e di chi pensava a quale moto comprare ecc ecc. Un sentimento negativo e deprecabile l’invidia. E sapendo di soffrirne me ne sono stato per gli affari miei.
E poi ci sono quattro anni di buio, con qualche rara entrata nel forum, ma sostanzialmente vissuti da eremita motociclistico, anzi, la moto era in stato di abbandono…

Nel frattempo, per stare sempre con le mani tra i motori, ho ripreso a smontare le auto, come quando ero ragazzo, e mi sono iscritto ad un forum sulla materia, dove ho scritto moltissimi messaggi, senza che qualcuno si lamentasse perche’ scrivevo troppo (ah, ecco un motivo di screzio con D@rione, il mio scrivere troppo e troppe “cazzate”). In quel forum sono diventato moderatore, poi super moderatore (figura che su aotr non esiste). Ma quello e’ un forum che si basa sulle discussioni tecniche, non sull’organizzazione di raduni, e dove ogni argomento vietato dal regolamento, e’ DAVVERO vietato dal regolamento.
Già, perche’ la concessione, qui su aotr, di argomenti formalmente vietati, ma sostanzialmente, poi, ammessi, e’ stato, a mio avviso, un grosso errore. E non venitemi a dire che siamo tutti adulti e responsabili. Senza mancare di rispetto a nessuno, se così fosse, non servirebbero le leggi e gli ordinamenti statali. Qualsiasi “universo” che veda la presenza di una o piu’ persone, necessita di regole, e che queste vengano rispettate e fatte rispettare.
In modo, il piu’ possibile univoco e, il meno possibile interpretabile.

Torno alla differenza tra un forum “normale” e il forum “aotr”: aotr e’ basato, ormai, su un tessuto di rapporti personali che trascende in modo abissale da quello che normalmente e’ considerato un Forum.
Non conosco il 100% dei forum esistenti, ma solo qualche decina, e di solito, esiste un tema preciso, un argomento, un filo conduttore, cosa che, su aotr, giocoforza, e’ venuto a mancare.
Sia chiaro, non e’ un fatto positivo o negativo. Non si può dare NESSUN giudizio di merito su quello che aotr e’ diventato nel corso degli anni. Un tempo era “tutto e’ ammesso purché Pegaso e Caponord”. Ma con la morte di questi modelli, con l’andare alla deriva di Aprilia, non si puo’ piu’ pensare di mantenere questo filo conduttore. Quindi, in modo, direi, fisiologico, il forum e’ diventato una grande stanza di ritrovo, con le sezioni piu’ tipicamente forumistiche ridotte al lumicino (d’altro canto su quelle moto si e’ detto tutto) e con le sezioni riguardanti i raduni e quelle “generali”, che hanno assunto un ruolo preponderante.

Il rapporto che normalmente esiste nei forum, un rapporto tra “nickname”, ha lasciato il posto ad un rapporto tra persone. Non al 100%, ma tra i frequentatori abituali, sì. Anzi, questo rapporto personale e’ sempre stato un filo conduttore del forum.

Un rapporto che, ormai, travalica i confini del forum, spingendosi su facebook, sui gruppi whatsapp, spesso incrociandosi o, ahimè, scontrandosi, con la “community forum”.
Una parte dei ritrovi tra utenti viene organizzata all’interno del forum, ma esistono ormai molti ritrovi, dei quali e’ semplice trovare traccia sui social network, che non fanno piu’ capo al forum.

Perché succede questo? Sia per un aspetto ineluttabile della vita odierna, nella quale i social network hanno assunto un ruolo che un tempo veniva svolto da altri canali, sia perché, e questa e’ una mia PERSONALISSIMA opinione, all’interno del forum esistono simpatie ed antipatie, come in tutti gli ambienti in cui sia presente piu’ di una persona.

Il perché si siano create simpatie ed antipatie, non lo so, o meglio, non riesco a formalizzarlo a parole, anche perché la mia visione è estremamente limitata, e i rapporti che intrattengo, per lo piu’ fuori da questo forum, con le persone conosciute all’interno di esso, sono alquanto sporadici.

Il perché, poi, la situazione sia precipitata negli ultimi tempi, mi e’ ancora piu’ oscuro, ma ragionando per inferenza e partendo da quanto successo a me, posso azzardare delle ipotesi, che comunque non renderò pubbliche, perche’ di ipotesi si tratta, non supportate da prove.

Quindi, non posso sapere cosa abbia portato ad una sommossa per un raduno "retrocesso", né a cosa abbia spinto Massimo382 ad allontanare Luca dalla ormai famigerata cena. Non riesco ancora a capire cosa sia successo a Davide Ferro per vedere nei suoi interventi quelli di una persona che non conoscevo.

La mia vita in questo forum, anche quando ero un frequentatore assiduo e moderatore, si e’ sempre limitata a quello di cui avevo visibilità all’interno di esso. Se quello che veniva scritto non violava il regolamento o le leggi dello stato, per me era ok. Un modo semplicistico di ragionare? Forse. Ma univoco.

Gli intrecci che hanno portato allo stato attuale, mi sono oscuri, e non credo nemmeno al 100% a fatti o “gossip” che mi sono stati riferiti. Il fatto e’ che, come persona, sento solo una delle due campane, perche’ per l’altra, semplicemente, ho smesso di esistere.

Da quando, SONO ENTRATO DI NASCOSTO NELLA SEZIONE RISERVATA A SPIARE I FATTI PRIVATI DELLO STAFF.
Sì, perche’ questo e’ quello che e’ passato. Quello che “la massa” e’ venuta a sapere.

Come si siano svolti i fatti, ormai ha poca importanza. Potrei anche stilare una precisa cronologia di messaggi scritti sul forum e su whatsapp, in privato, ad alcune persone dello staff, ma non e’ di mio interesse, ormai, farlo. Sarebbe inutile.

Quello che invece mi preme, è dichiarare quanto segue:
1) Non ho mai avuto la minima intenzione di spiare o divulgare informazioni riservate. Ho avuto la grande sfortuna di loggarmi in un momento in cui il forum era chiuso ed era presente solo la sezione riservata allo staff, del quale facevo ancora (formalmente) parte. La mia “intromissione” e’ subito stata vista (presumo) come un accesso non autorizzato e dannoso. Mi dispiace molto. Non e' così.
Ho una faccia sola, e non me la gioco per simili beghe.
2) Prima del mio Ban dal forum, ho scritto alcuni messaggi, dei quali non rinnego nulla, anzi.
3) Dopo il Ban, avvenuto senza che avessi scritto nulla di oltraggioso, ho tentato di spiegarmi con i membri dello staff, in privato.
4) Ho anche scritto una mail a Luca, e mi e’ costato farlo, dati gli argomenti che trattava, non ricevendo alcuna risposta (e per questo mi sono pentito di averla scritta, mi sono sentito molto stupido)
5) In un messaggio di Luca compare la frase “Il caimano andava bannato mooolto tempo fa”. E mi piacerebbe che ora, lui, mi spiegasse il motivo di tanto odio.

Perche’, a casa mia, ignorare una persona e scrivere frasi di quel tenore, significano odio.
La parola odo non fa parte del mio vocabolario. Ma quello che appare, per la mia piccola e limitata mente, e’ questo: odio.

Purtroppo e’ un odio che vedo aleggiare nel forum. In diverse direzioni e versi.

E ne sono, sinceramente addolorato, perche’ amavo questo posto.
Ma leggere frasi scritte da utenti, moderatori, lo stesso fondatore, come “carognata”, “marmaglia” e chi più ne ha… cosa possono significare se non odio?

Ma perché? Perché??
Quale immenso e insormontabile macigno e’ caduto qui dentro per provocare un tale disastro?

Purtroppo so che molti non risponderanno, che le vere cause non usciranno mai, non qui dentro. Per omertà? Per paura di repressione? Per non diventare offensivi? Mi sembra di aver letto, mascherate con toni forzatamente civili, offese di ogni genere, nei confronti dello staff uscente, entrante, utenti ecc.

Quindi, perche’ non ci togliamo di dosso un po’ di falsità?

Lo avevo scritto col vecchio nick, e lo ripeto: il comportamento piu’ genuino e’ la scazzottata e alla fine piu’ amici di prima. Ma a quanto pare si preferiscono i mezzi toni e i sibili da serpente (dai quali nemmeno io sarò stato esente, probabilmente).

Un tale, che lo si rispetti o meno, aveva detto una frase che per me e’ l’essenza di ogni rapporto umano:
CHI E’ SENZA PECCATO SCAGLI LA PRIMA PIETRA.
Essere motociclista non ti rende un uomo migliore.

Non c'e' peggior cattivo di un buono che s'incazza.
Immagine

Avatar utente
phoenix78
Mi arrabatto con la bici
Messaggi: 3652
Iscritto il: venerdì 8 aprile 2011, 11:19
Località: roma/viterbo

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da phoenix78 » giovedì 14 giugno 2018, 0:42

caimano, mi ricordo di te in modo positivo :ciao:
non so che hai combinato per essere bannato :oops:
ho letto il titolo del post :mazzate:
ho letto la prima riga :ko:

ti mando cordialmente a quel paese ma se stasera avevo tempo di leggere un libro mi sarei dedicato a giordano bruno, stiglitz o machiavelli e sun tsu se avevo voglia di litigare con qualcuno :tie: :tie: :tie:
Nihil Difficile Volenti

Avatar utente
fedro69
Il Goto
Il Goto
Messaggi: 22013
Iscritto il: mercoledì 8 marzo 2006, 19:25
Moto: Pegaso Strada '05
Località: Amburgo

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da fedro69 » giovedì 14 giugno 2018, 7:41

- Per uno che non vuole azzardare ipotesi per mancanza di riscontri,
Ne scrivi poi davvero tante ...
- sono praticamente il profeta della distinzione netta e definitiva fra nick e persona:
So riconoscere benissimo a chi vengano rivolte delle critiche, meglio di quanto tu sembri credere almeno
- non hai avuto sfortuna:
Ti sei loggato in quel momento proprio perché il foro era chiuso.
Apparentemente su richiesta di qualcuno che non aveva i poteri, ma qui riferisco io informazioni non verificate di persona.
Lo sai tu e lo sappiamo noi.
...
P.s.
Ancora co' Lippo?!?
accetta un consiglio ed esci da quella bolla pestifera che é fb.
Immagine
Immagine__"nous en avons pris la flamme, vous n'en avez gardé que la cendre." (Jean Jaurès)__Immagine

Avatar utente
ElCaimanDelPIave1
NIUBBO
NIUBBO
Messaggi: 94
Iscritto il: giovedì 3 maggio 2018, 15:42
Moto: Aprilia Pegaso Strada 650
Località: VENETO E ANCHE SICILIANO!!!

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da ElCaimanDelPIave1 » giovedì 14 giugno 2018, 9:21

Non ho ricevuto esplicita richiesta di "carpire informazioni". Non sono stato informato della chiusura del forum.
Ho ricevuto una telefonata da Gioroma, che mi ha detto semplicemente:"c'è casino nel forum".
Continuiamo a fare illazioni? Ok. Ma non è un bel gioco.

Facebook è una realtà dalla quale non si può prescindere.

Davide (persona), il fatto che tu sia "costretto" a riconoscere a chi vengono rivolte le critiche, è un problema. Significa che in questo luogo si è avvezzi a sibilare e non a parlare chiaro. E questa è una critica rivolta a tutto il forum, agli utenti che insinuano, a chiunque semini zizzania, a torto o a ragione (se mai può essere in ragione un seminatore di zizzania).
Il parlar chiaro, è un'arte sconosciuta. Ahimè.
E anche quando ci si sforzi di farlo, si viene sempre "interpretati". Triste, no?
Essere motociclista non ti rende un uomo migliore.

Non c'e' peggior cattivo di un buono che s'incazza.
Immagine

Avatar utente
fedro69
Il Goto
Il Goto
Messaggi: 22013
Iscritto il: mercoledì 8 marzo 2006, 19:25
Moto: Pegaso Strada '05
Località: Amburgo

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da fedro69 » giovedì 14 giugno 2018, 9:58

Nessuna illazione:
ElCaimanDelPIave1 ha scritto:
giovedì 14 giugno 2018, 9:21
Ho ricevuto una telefonata da Gioroma, che mi ha detto semplicemente:"c'è casino nel forum".
quindi NON ti sei loggato casualmente
e la decisione di navigare poi nella discussione dello Staff é stata cosciente,
non un caso sfortunato.
...
No:
non é un bel gioco e non c'é bisogno di continuarlo.
punto due:
non mi devo minimamente sforzare per riconoscere un attacco personale,
il fatto che ne vengano portati, in compenso, é sicuramente segnale di degrado umano.

Anche l'eroina è per il drogato una "realtà da cui non si può prescindere" ,
gli si può comunque consigliare di smettere, no?

Facebook é come la Cloaca Massima di Roma: una fogna.
Immagine
Immagine__"nous en avons pris la flamme, vous n'en avez gardé que la cendre." (Jean Jaurès)__Immagine

Avatar utente
ElCaimanDelPIave1
NIUBBO
NIUBBO
Messaggi: 94
Iscritto il: giovedì 3 maggio 2018, 15:42
Moto: Aprilia Pegaso Strada 650
Località: VENETO E ANCHE SICILIANO!!!

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da ElCaimanDelPIave1 » giovedì 14 giugno 2018, 12:22

Ho dichiarato i fatti.
E se io stesso dichiaro l'accaduto, è perché ho la coscienza pulita.
Non si possono processare le intenzioni.

Ma il mio scritto è molto lungo. Spero che qualcuno abbia la pazienza di leggere tutto.
E che qualcuno abbia la pazienza di scrivere. Non mezze parole.
Essere motociclista non ti rende un uomo migliore.

Non c'e' peggior cattivo di un buono che s'incazza.
Immagine

Avatar utente
Sting AB
Talebano della Caponord
Talebano della Caponord
Messaggi: 7911
Iscritto il: giovedì 24 gennaio 2008, 14:28
Moto: ex Capona ora Tigrona
Località: Roma
Contatta:

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da Sting AB » giovedì 14 giugno 2018, 12:47

Caimano io l'ho letto tutto ma francamente non ne capisco l'utilità.
Perchè mettere il "carico da 12" su una situazione generale già difficile?
Perchè togliersi i sassolini dalle scarpe in un momento in cui si può fare solo danno?
Perchè ostinarsi ad essere parte del problema invece che della soluzione?

AOTR in quest'ultimo periodo sembra il forum degli sfoghi di un gruppone di frustrati senza autocontrollo e questo non va bene.
Non ce l'ho con te ma con il clima insopportabile che sta avvelenando questo forum.
Fosse per me proibirei le polemiche per almeno 6 mesi, un'azione disintossicante :ciao:
Ragione e passione sono timone e vela della nostra anima navigante (Kahlil Gibran)
Immagine Immagine

Avatar utente
ElCaimanDelPIave1
NIUBBO
NIUBBO
Messaggi: 94
Iscritto il: giovedì 3 maggio 2018, 15:42
Moto: Aprilia Pegaso Strada 650
Località: VENETO E ANCHE SICILIANO!!!

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da ElCaimanDelPIave1 » giovedì 14 giugno 2018, 13:15

Sting, ritenevo opportuno chiarire la mia posizione riguardo i fatti che mi riguardano direttamente.
Per il resto, non penso di aver alimentato polemica, ma di aver esortato tutti a riflettere. Se questo messaggio non è passato, allora ho scritto male. O non si è letto bene.
Essere motociclista non ti rende un uomo migliore.

Non c'e' peggior cattivo di un buono che s'incazza.
Immagine

Avatar utente
phoenix78
Mi arrabatto con la bici
Messaggi: 3652
Iscritto il: venerdì 8 aprile 2011, 11:19
Località: roma/viterbo

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da phoenix78 » giovedì 14 giugno 2018, 13:25

ora ho letto anche io caimano
se non te la prendi a male, in via del tutto amichevole posso dirti che quello che hai scritto evidenzia solo tanta insicurezza quindi paura e tutto quello che ne segue. non fa nessuna luce su niente. e temo scada anche nel patetico, non nel senso offensivo ma in quello etimologico del termine. hai reagito male a tutto quello che ti è successo e questo ti ha portato in una spirale dalla quale non sembri in grado di uscire. nessun consiglio da parte mia ma tanta strada e zero social forse potrebbero alleviare o rimediare al tuo disagio. se no c'è il garage e la famiglia. ti auguro tanta tanta sincera fortuna. un abbraccio
Nihil Difficile Volenti

Avatar utente
daniel300
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 418
Iscritto il: domenica 5 ottobre 2014, 15:38
Moto: Caponord etv 1000
Località: Salzano (VE)

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da daniel300 » giovedì 14 giugno 2018, 13:33

Io ci ho capito poco ma visto che siamo vicini ti posso solo proporre un giro in moto e di parlarne di fronte a una birra

Avatar utente
ElCaimanDelPIave1
NIUBBO
NIUBBO
Messaggi: 94
Iscritto il: giovedì 3 maggio 2018, 15:42
Moto: Aprilia Pegaso Strada 650
Località: VENETO E ANCHE SICILIANO!!!

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da ElCaimanDelPIave1 » giovedì 14 giugno 2018, 13:35

Grazie Phoenix per avermi dato la possibilità di approfondire il significato della parola "patetico".
Essere motociclista non ti rende un uomo migliore.

Non c'e' peggior cattivo di un buono che s'incazza.
Immagine

Avatar utente
ElCaimanDelPIave1
NIUBBO
NIUBBO
Messaggi: 94
Iscritto il: giovedì 3 maggio 2018, 15:42
Moto: Aprilia Pegaso Strada 650
Località: VENETO E ANCHE SICILIANO!!!

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da ElCaimanDelPIave1 » giovedì 14 giugno 2018, 13:43

Daniel, grazie per la proposta, ho orari da cani, ma si può provarci. Però si parla solo di moto e di f..
Essere motociclista non ti rende un uomo migliore.

Non c'e' peggior cattivo di un buono che s'incazza.
Immagine

Avatar utente
daniel300
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 418
Iscritto il: domenica 5 ottobre 2014, 15:38
Moto: Caponord etv 1000
Località: Salzano (VE)

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da daniel300 » giovedì 14 giugno 2018, 13:45

ElCaimanDelPIave1 ha scritto:
giovedì 14 giugno 2018, 13:43
Daniel, grazie per la proposta, ho orari da cani, ma si può provarci. Però si parla solo di moto e di f..
Ovvio! E di che altro si parla tra biker?

Avatar utente
fedro69
Il Goto
Il Goto
Messaggi: 22013
Iscritto il: mercoledì 8 marzo 2006, 19:25
Moto: Pegaso Strada '05
Località: Amburgo

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da fedro69 » giovedì 14 giugno 2018, 14:06

No, mi spiace:
stai mentendo
“ElCaimanDelPIave1" ha scritto:Ho avuto la grande sfortuna di loggarmi in un momento in cui il forum era chiuso ed era presente solo la sezione riservata allo staff, del quale facevo ancora (formalmente) parte.
e menti due volte in una frase.
Menti sul primo grassetto, abbiamo già appurato più su la non casualità del tuo loggarti al foro esattamente in quel periodo temporale,
(tra l'altro mi sovviene come tu avessi anche gli indirizzi Mail dello Staff e con questi un metodo discreto, diretto e corretto per chiedere cosa stesse succedendo)
e menti anche sul secondo:
avevi richiesto tu stesso molto tempo prima di venir radiato dallo Staff (e di conseguenza privato dei "poteri")
e ti eri ritirato anche dalla partecipazione attiva al foro, pur continuando e aumentando la tua esperienza di moderazione in altre comunità,
per cui sapevi benissimo di non essere più accreditato per accedere a quella sezione.
Anche una volta navigatoci,
avresti avuto ancora la possibilità di aprire discretamente un nuovo post per chiedere permesso e/o spiegazioni,
anziché iniziare immediatamente la lettura di comunicazioni che sapevi dover esserti precluse.

Nel caso che non fosse cosÌ sul secondo punto e tu non avessi saputo di non poter entrare e non avessi pensato di "bussare" prima di ascoltare,
avresti allora un serio problema di morale e di acquisizione di responsabilità per un umano adulto.
... "supermoderatore" ...

Credo che dovresti chiarire con la tua coscienza cosa significhi "pulita"

il resto del tuo intervento sarà probabilmente valido per la tua autobiografia ufficiale,
personalmente lo ritengo irrilevante per la discussione in corso sul foro.
Non avessi mentito e cercato di mistificare non sarei neanche intervenuto.
Né lo farò in futuro se smetterai di farlo.
Immagine
Immagine__"nous en avons pris la flamme, vous n'en avez gardé que la cendre." (Jean Jaurès)__Immagine

Avatar utente
beppe
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 1176
Iscritto il: martedì 30 marzo 2010, 23:13
Moto: ex caponord 02 Kawasaki Z1000
Località: Reggio Emilia

Re: Aotr, le radici dell’odio?

Messaggio da beppe » giovedì 14 giugno 2018, 14:56

fedro69 ha scritto:
giovedì 14 giugno 2018, 14:06


avresti avuto ancora la possibilità di aprire discretamente un nuovo post per chiedere permesso e/o spiegazioni,
anziché iniziare immediatamente la lettura di comunicazioni che sapevi dover esserti precluse.

Sono d’accordo con Fedro su questo punto,
Stefano non so se ti ricordi di me ma permettetemi di dirti una cosa , non è perché siamo amici e non ti fai vedere da tanto tempo allora hai il diritto di entrare in casa ed andare in camera senza permesso, capisci ?
Se avevi detto amici sono tornato,cosa sta succedendo?
Non credo che c’erano problemi.
Poi che tu lo abbia fatto in buona fede non lo discuto, ma i modi si .
Immagine

Bloccato

Torna a “TI SPIEZZO IN DUE”