Welcome to Scotland 2018

Raccontate con dettagli e foto i vostri viaggi e uscite più belli!
Avatar utente
DAviDE
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 7201
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2002, 1:00
Moto: ETV 1000 CAPONORD '05
Località: Cuneo

Welcome to Scotland 2018

Messaggio da DAviDE » lunedì 30 luglio 2018, 16:04

Ciao ragazzi, vi riporto qui il mio diario di viaggio che ha portato me e la morosa fin nelle Highlands scozzesi !!!

Spero che le foto non vi disturbino troppo :uaz:

Venerdi 29-06-2018 Cuneo → Dijon

Partenza puntuale alle 8.00...o almeno l'idea era quella, ma le valige piene preparate la sera prima ci hanno fatto lavorare un po' per, diciamo cosi, snellirle un po'!! Finito e legato tutto finalmente si accende la moto e si parte!!! La giornata si preannuncia serena e quindi no-stop Pinerolo-Torino-Susa fino al Colle del Moncenisio, qui tappa obbligatoria per caffè, primi souvenirs e foto a volontà al lago, meteo spettacolo cielo azzurro e temperatura ottima. Si riparte e si fa tappa pranzo a Modane, qui si inizia già a sudare, ultime curve per poi buttarsi in autostrada fino a Dijone dove arriviamo con circa 30 gradi di media di temperatura alle 18,30. Albergo molto carino a 2 passi dal centro, metto la moto sul centrale sul marciapiede a fianco dell'ingresso.
La camera è ampia con disimpegno e bagno interno, ci sistemiamo, svestiamo e una bella doccia fresca non ce la toglie nessuno! Usciamo e ci dirigiamo in centro, la città è molto bella, centro storico pieno di vita, palazzo ducale e cattedrale molto belli e la piazza centrale con le fontane a pavimento colorate di sera incantevoli (a parte i bambini che ci facevano la doccia dentro)
Cena in una piazza circondata di locali a base di tartare per Patty e bourghignon per me in un locale con le sedie tappezzate a pelle di mucca dove abbiamo assaggiato la famosa mostarda!!
Giornata lunga ma passata bene, anche per Patty il viaggio in moto non ha pesato.
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Sabato 30-06-2018 Dijone → Arras

Continua la lunga salita al nord attraverso la Francia della Borgogna e dello Champagne, partiti presto per godere il più a lungo possibile il fresco della mattina il viaggio oggi è stato una lenta agonia autostradale con punte di 34 gradi!!
Paesaggi sempre e solo fatti di campi di grano. Dopo la sosta pranzo visto che la stanza sarebbe stata pronta solo per le 18 decidiamo di uscire dalla pallostrada e di fare statale, la fortuna vuole che ci imbattiamo nella città medioevale di Laon. Parcheggiamo subito fuori dalle mura e ci dirigiamo nel centro storico e ci troviamo di fronte alla sua maestosa cattedrale stile Notredame di Parigi, bellissima! Dalla sua piazza parte la via centrale con negozietti e tantissimi ombrelli colorati appesi in alto come riparo dal sole!! una birra nel dehor davanti alla cattedrale e si riparte, ad Arras ci attende non un hotel ma una casa affittacamere con stanza piccola ma carina e bagno esterno in comune, molto gentile la ragazza che ci accoglie e ci spiega due cose della città dove mangiare. Sistemati e docciati usciamo a piedi ( la moto l'ho lasciata in una piazza a 50 metri da dove dormiamo legata a un palo) girato l'angolo ci troviamo nella piazza centrale enorme col municipio ( simile allo stile belga) piena di locali e tavoli sparsi. Qui abbiamo cenato alla brasserie della Leffe, per Patty un catino di cozze da 2 kg :D e per me spezzatino di carne con un ottimo antipasto con tagliere di salmone, il tutto accompagnato dalla bionda Leffe!!
Niente giro per la città, abbastanza stanchi oggi per via del caldo, domani ci aspetta il traghetto sulla Manica!!
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Domenica 1-07 Arras → Cambridge

Partiamo col sole e dopo colazione abbondante nel salotto della casa arriviamo puntuali a Calais dove effettuiamo subito il check-in per il traghetto, tutto ok ci dirigiamo nella nostra corsia di attesa dove a nostro dispiacere leggiamo sul cartellone digitale un ritardo di 55 minuti... va beh pazienza mentre aspettiamo vediamo passare un bel gruppo di ciclisti che andavano chissa' dove. Finalmente ci imbarchiamo, il tempo di prendere una pepsi al bar e già notiamo in lontananza le bianche scogliere di Dover ( la traversata dura un oretta) bellissime !!! Sbarchiamo in Inghilterra col sole proprio davanti a queste scogliere e siamo già messi alla prova con la guida a sinistra!! Non ci facciamo prendere dal panico e ci dirigiamo verso Canterbury dove arriviamo con i consueti 30 gradi ma almeno ventilati. Mangiamo il nostro pranzo con i panini presi alla colazione della casa di Arras e ci dirigiamo in centro dove visitiamo la famosa cattedrale, enorme e molto bella malgrado i ponteggi per il restauro in corso. L'interno è grandioso, ti da una sensazione di essere veramenti piccoli camminando nelle sue navate. Usciti direttamente attraverso il negozio di souvenirs nella via centrale ci prendiamo da bere in un locale con i sedili delle vespe al posto dei seggiolini, qui proviamo un beverone stile americano Bubble gush ma molto buono e dissetante.
Tornati al parcheggio della moto faccio due parole con un inglese appassionato di moto ( ne troveremo tanti) e poi ripartiamo per Cambridge dove al nostro arrivo scopriamo che il posto dove ho prenotato è una fattoria moderna in mezzo alla campagna con cavalli, coniglietti caprette e l'amico gatto di Patty, un gattone bianco e nero molto affettuoso che ha fatto subito amicizia e non la finiva di farsi accarezzare, tenero e coccoloso.
La città dista 10 minuti in moto e cena parcheggiamo in centro e mangiamo in un locale stile messicano dove ci scontriamo per la prima volta col discorso “mance”.
Poi facciamo una passeggiata per vedere le varie e famose sedi delle università.
Tempo sempre bello e soleggiato e la guida a sinistra non è cosi tremenda una volta che ci si abitua.
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Lunedi 2-07 Cambridge → York

Ci svegliamo dopo una bella dormita e ci prepariamo a una robusta colazione nella casetta adiacente alla fattoria in stile tipicamente inglese, sala con vetrate sul giardino verde e buffet ricco dal salato al dolce, non possono ovviamente mancare i panini preparati poi per il pranzo. Partiamo sempre col sole e facciamo sosta alla città di Lincoln, molto bella con un vasto castello dove percorriamo tutte le mura di cinta dopo aver visitato l'interno della grande cattedrale, il tempo ci permette foto magnifiche!! Ripartiti alla volta di York arriviamo vicino al centro e ad aspettarci c'è la nostra prima Guest House inglese, una casetta tipica con tanti scalini, moquette ovunque, camera piccola con bagno minuscolo e uscita di sicurezza dalla finestra stile Dawson's creek . Proprietari molto gentili, marito e moglie di origine greca, ci diamo una rinfrescata e usciamo, attraversiamo un bel parco verde pieno di scoiattoli e arriviamo davanti alla famosa cattedrale che però troviamo chiusa ai turisti, pazienza la visiteremo domani mattina. Facciamo due passi in centro e troviamo un buon posto per mangiare cena, qui abbiamo un altra avventura a capire come lasciare la mancia e rientriamo a dormire. Domani si entra in Scozia, siamo emozionati, fino ad ora tutto perfetto!!
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Martedi 3-07 York → Edimburgo

Ci svegliamo e già sentiamo i profumi arrivare dalla colazione che si fa trovare come sempre ricca e abbondante, il marito ci accoglie canticchiando e come sottofondo una musica tipicamente greca, carichiamo la moto che avevo parcheggiato di fronte alla casa, malgrado il giorno prima volessero farmela mettere in un fazzoletto di cortile, e partiamo sempre col sole! Prima di arrivare in Scozia facciamo una deviazione che ci porta attraverso strade di campagna a vedere i resti del vallo di Adriano, il muro con fortificazioni fatto costruire dall'imperatore romano nel II secolo dc per dividere la provincia romana della Britannia dalla Caledonia (l attuale Scozia) Ammiriamo la lunga fila di pietre incastonate nei verdi prati e visitiamo il sito dove un tempo c'era una fortificazione, il cielo blu e il verde dei prati rendono il panorama mozzafiato! Il tempo passa ma non ce ne accorgiamo, dopo due acquisti e la foto d'obbligo con la moto accanto al muro ripartiamo e via autostrada incrociamo il cartello 'WELCOME TO SCOTLAND' grande emozione per entrambi, foto di rito e via direzione Edimburgo dove arriviamo attraverso una strada panoramica stupenda che il navigatore mi indica!! Entusiasti arriviamo in albergo, anche questo simil guest house con cortile interno dove lasciare riposare la moto per un giorno intero. A accoglierci una ragazza molto disponibile che ci da le indicazioni per arrivare in centro col pulman, la sosta è proprio davanti l'albergo, comodissimo il foglio che ci da con i numeri utili e i costi delle corse, ci scambia addirittura i soldi in monete perchè gli autisti non danno resto!! La camera è spaziosa peccato che il bagno sia fuori nel corridoio, per carità a nostro uso esclusivo, grande e pulito ma bisogna uscire dalla stanza passare davanti cucina e reception!! sistemati prendiamo il pullman classico a due piani e ci ritroviamo in una delle vie principali della Edimburgo moderna, davanti a noi si staglia il suo castello sulla sommità di un vulcano spento, sarà per il cielo blu come sfondo ma rimaniamo a bocca aperta, bellissimo!! é già un po' tardi, decidiamo di rimandare a domani tutta la visita della città, domani restiamo fermi con la moto e dedichiamo tutto il giorno alla visita da perfetti turisti!! Troviamo un buon ristorantino a base di pesce e rientriamo sempre in pullman in albergo a riposarci, domani avremo da girare parecchio ma prenderemo uno dei pullman turistici per facilitarci la visita!!
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

FINE I PARTE :cool:
Bye DAviDE
A president of "Zavorrazero club" :re:
100.000 km con la Caponord a NordKapp
Immagine
Cell. 3356424968 -/ Facebook: Davide Nano
Immagine

Avatar utente
DAviDE
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 7201
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2002, 1:00
Moto: ETV 1000 CAPONORD '05
Località: Cuneo

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da DAviDE » lunedì 30 luglio 2018, 16:23

Mercoledi 4-07 Edimburgo

Prima scottish breakfast, simile a quella inglese ma con l'haggis , piatto tipico scozzese a base di frattaglie di pecora tritate, molto buono e saporito per me, non molto per Patty ma i gusti sono gusti hehehe. Prendiamo il bus e arrivati in centro ci dirigiamo verso il punto partenza dei bus turistici Hop Hop giornata soleggiata e calda ideale per visitare la città!! Prima tappa ovviamente il castello dove scendiamo nella Royal mile, la strada lunga un miglio Reale scozzese che attraversa il centro storico della città dal suo castello fino al palazzo reale. Ne risaliamo un pezzo attraverso i suoi numerosi negozi di souvenirs che vedremo poi nel pomeriggio e ci dirigiamo al castello, imponente, nella piazza antistante una enorme tribuna montata probabilmente per qualche cerimonia o evento nei prossimi giorni, qui il turismo è tanto, facciamo il biglietto e iniziamo a visitare gli interni, dai cortili con i numerosi cannoni il panorama sulla città è a perdita d'occhio, fino al mare poco distante, poi ci dedichiamo alla visita degli appartamenti, dei gioielli della corona scozzese, alla sala delle armi e alle prigioni!! Malgrado la tanta gente lo visitiamo molto bene e soddisfatti usciamo per risalire sul pullman che ci porta attraverso la royal mile fin davanti alla sede del parlamento e al palazzo reale! Prima di prendere il bus però ci fermiamo a prendere da bere e qui Patty veloce come uno scoiattolo si accorge che per terra ci sono dei soldi e ZAC, 30 sterline guadagnate, bravissimo il mio amore :D :D Arrivati al palazzo reale purtroppo non possiamo visitarlo in quanto è presente all'interno un membro della famiglia reale per un soggiorno e quindi ci sono guardie dappertutto, in compenso vediamo un sacco di persone vestite a festa probabilmente invitati a qualche festa interna, dai signori in Kilt alle signore e signorine con buffi cappellini e vestiti non proprio aggraziati! Da qui proseguiamo a piedi e saliamo a Calton Hill, un promontorio con monumenti con un bel panorama sulla città, ne approfittiamo per riposarci un po', il sole e il caldo ci hanno provato un po' oggi, ora il cielo si è un po' coperto ma non sembra voglia piovere ma almeno si è rinfrescato un po'. Scendiamo e riprendiamo il bus per farci portare di nuovo sulla royal mile per prendere un po' di souvenirs, tra un acquisto e l'altro ci facciamo un aperitivo in un localino carino, dove mangeremo anche cena in quanto tanti locali li troveremo pieni, qui paghiamo un po' caro per due cheeseburger e una birra ma purtroppo siamo in centro e pazienza, stanchi ma molto soddisfatti rientriamo in albergo in pullman, Edimburgo ci è piaciuta molto, dal castello ai suoi palazzi antichi, dal verde dei suoi giardini ai panorami dalle sue alture!! domani si sale su al nord, entriamo nelle highlands!!
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Bye DAviDE
A president of "Zavorrazero club" :re:
100.000 km con la Caponord a NordKapp
Immagine
Cell. 3356424968 -/ Facebook: Davide Nano
Immagine

Avatar utente
DAviDE
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 7201
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2002, 1:00
Moto: ETV 1000 CAPONORD '05
Località: Cuneo

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da DAviDE » lunedì 30 luglio 2018, 16:34

Giovedi 5-07 Edimburgo → Inverness

Dopo la consueta scottish breakfast partiamo, dopo breve sosta da un gommista per controllo pressione gomme, e facciamo tappa a Stirling città a mezz'ora da Edimburgo, famosa per il suo castello. Visitiamo la bellissima chiesa gotica dove fu incoronato re Giacomo I l interno con grande navata e vetrate multicolori, all'esterno un cimitero storico da dove si arriva al castello, giornata di un blu intenso , facciamo foto su foto, e davvero tutto bellissimo!!! Ripartiamo verso la successiva tappa, una della numerose distillerie di wiskey presenti in Scozia!! situata in una immensa vallata parcheggiamo nel cortile davanti alle botti e entriamo nel negozio per la visita guidata che fortunatamente sta per iniziare e ci fanno aggregare subito dicendoci che pagheremo una volta finita, va bene allora iniziamo a visitare le varie sale dove la guida, in inglese, ci spiega le varie fasi della distillazione fino agli assaggi finali nella cantina piena di botti antiche, all'uscita ci dice che i bicchierini usati per gli assaggi sono omaggio e ci da anche le scatoline per contenerli, rientrati in negozio la barista di origini spagnole ci spiega che non ci sono altre degustazioni e alla mia domanda che dovevamo ancora pagare l avisita mi fa un cenno di andare alla cassa ma non molto convinta quindi da buoni italiani facciamo finta di niente e usciamo ma prima compriamo una bottiglia di wiskey come ricordo!!!
Arriviamo a inverness nella nostra guest house carina in un quartiere tranquillo, approfitto del parcheggio sul marciapiede per fare un controllo al teleruttore d'avviamento, tutto ok ci sistemiamo nella camera molto graziosa e poi andiamo in centro a 2 minuti a piedi, il castello carino su una collina a dominare la città attraversata dal fiume Ness, un nome che già ci fa pensare a un famoso lago che vedremo nei prossimi giorni, ci fermiamo a mangiare cena in un pub proprio di fronte al castello, la temperatura si è rinfrescata e ci mettiamo la maglia a maniche lunghe, tempo sempre bello però, qui dormiamo due notti cosi domani con la moto scarica saliremo ancora più a nord fino a un faro dove si dovrebbe vedere le isole Orcadi. Rientrati in camera tiro fuori il portatile molto utile fino ad ora per prenotare gli alberghi su booking e ci mettiamo alla ricerca di una sistemazione sull'isola di Skye, purtroppo quel poco che troviamo disponibile ha dei prezzi allucinanti e anche nelle vicinanze prima dell'isola non troviamo nulla.. mannaggia!! Allargando la ricerca ci imbattiamo su un albergo in riva al Lock Lochy, un lago 20 km dopo quello di Ness, valutiamo che dista 1 ora da skye ed è già sulla strada per il rientro verso Glasgow e cosi prenotiamo!! Passo le coordinate sullo Zumo e poi a nanna.
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine.
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Bye DAviDE
A president of "Zavorrazero club" :re:
100.000 km con la Caponord a NordKapp
Immagine
Cell. 3356424968 -/ Facebook: Davide Nano
Immagine

Avatar utente
DAviDE
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 7201
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2002, 1:00
Moto: ETV 1000 CAPONORD '05
Località: Cuneo

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da DAviDE » lunedì 30 luglio 2018, 16:43

Venerdì 6-07 Inverness → Johm o' Groat → Inverness

Stamattina colazione assaggiando il famoso Porridge scozzese, una specie di zuppa d'avena dolce servita calda, molto buona a mio parere, ricaricati e con moto scarica partiamo direzione nord, la statale presto inizia a costeggiare il mare del nord e i panorami su scogliere e castelli non tardano a farsi vedere. Stiamo percorrendo parte della mitica North Coast 500, l’equivalente scozzese della Route 66, che costeggia tutto l’estremo Nord della Scozia!! La prima sosta è il castello di Dunrobin dove arriviamo attraverso un viale alberato proprio di fronte, colpo d'occhio bellissimo, parcheggiamo e entriamo, nel biglietto è compreso anche lo spettacolo di rapaci nei giardini interni, fortuna vuole cominciasse poco più tardi cosi ci siamo subito indirizzati a vederlo! Un ampio campo con panchine e l'addestratore che ci ha fatto volare sulla testa prima un magnifico esemplare di gufo reale, poi 2 falchetti, molto bello peccato parlasse solo in inglese comunque decidiamo di non finire di vedere lo spettacolo e approfittare che tutta la gente è li seduta per girare i magnifici giardini del castello che confinano con il mare, scattiamo molte foto ci sono fiori e piante alcune con foglie gigantesche che farebbero da tetto di casa!! Passeggiando notiamo un portone che conduce in un cortile separato dove c'è una casetta : Museo di caccia!! Entriamo e veniamo catapultati nel mondo di Quark, tutta una serie di trofei di caccia di ogni tipo animale, le piccole sale in legno sono gremite di teste di bufali, corna di alci, coccodrilli, uccelli. La sala centrale su due livelli tutta in legno ha un sapore antico, sono meravigliato e allo stesso tempo schifato per questa esibizione di morte comunque lo visitiamo e usciamo, percorriamo ancora un po' di giardini e poi entriamo nel castello per visitarne gli interni: il castello, tuttora residenza signorile dei duchi di Sutherland, è completamente arredato in ogni sua stanza, dai saloni alla biblioteca, dalle camere da letto alla camera da giochi dei bambini, tutto molto ben curato. Usciamo soddisfatti della visita e ripartiamo direzione john o'Groat, punto di partenza dei traghetti diretti alle isole Orcadi, qui arriviamo e incrociamo combinazione un raduno di motociclisti con tanto di campeggio e tende, salutati passando ci dirigiamo verso il faro di Duncansby Head dove parcheggiamo e ci troviamo di fronte ai profili delle isole Orcadi, bellissimo!! dal parcheggio parte un sentiero nell'erba che porta a un punto da cui si vedono gli stacks, dei faraglioni enormi di roccia di fronte all'alta scogliera, La vista è davvero mozzafiato!
Intorno a noi solo prati verdi con pecorelle al pascolo, ci affacciamo verso il mare e davanti a noi si aprono delle alte scogliere e notiamo una miriade di uccelli bianchi e neri, tantissimi tutti annidiati sulle pareti a strapiombo, subito pensiamo a cuccioli di gabbiano poi a pinguini ma le latitudini non combaciano poi ne avvistiamo una più vicina di profilo e il suo becco colorato mi fa subito esclamare: 'ma sono pulcinelle di mare!!' Per pura coincidenza abbiamo incrociato il loro periodo di nidificazione!! scattiamo foto a raffica, il tempo sembra essersi fermato e infatti quando torniamo alla moto mi accorgo che si è fatto un po' tardi e di km per tornare a Inverness ce ne sono un po' quindi salutiamo il nostro faro e il nord della scozia e rientriamo in hotel con la luce dell'imbrunire, ci cambiamo al volo e scendiamo in centro a mangiare cena in un ristorante vicino a un negozio di souvenir che però dopo troviamo chiuso, pazienza faremo un salto domattina prima di arrivare a Loch Ness. Oggi è stata forse la giornata più bella della vacanza fino a adesso, Patty ha ancora gli occhi lucidi e anche io ho ancora impresso tutti quei panorami, il castello, le scogliere, il faro, le pulcinelle di mare!!! Semplicemente fantastico
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

TO BE CONTINUED...
Bye DAviDE
A president of "Zavorrazero club" :re:
100.000 km con la Caponord a NordKapp
Immagine
Cell. 3356424968 -/ Facebook: Davide Nano
Immagine

Avatar utente
DAviDE
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 7201
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2002, 1:00
Moto: ETV 1000 CAPONORD '05
Località: Cuneo

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da DAviDE » lunedì 30 luglio 2018, 16:57

Sabato 7-07 Inverness → Loch Ness

Dopo la consueta e ricca colazione ci fermiamo un attimo in centro dal negozio di souvenir visto la sera prima, fatto acquisti ripartiamo, oggi la tappa è breve, meno di 200 km, il cielo è incredibilmente blu e arriviamo al Loch Ness illuminato dal sole, quante volte fin da piccolo ho sentito questo nome, le leggende del mostro e i film su di esso, ci sentiamo emozionati a esseri qui!!! mentre lo costeggiamo vedo un edificio con la scritta Loch Ness Centre & Exhibition, ovviamente metto la freccia e parcheggiamo!!! Il centro è organizzato in sette sale. Le prime sei mostrano brevi filmati in un ambiente a tema per ciascuna, i filmati riportano la storia del lago, gli avvistamenti di Nessie, gli studi condotti, le spiegazioni scientifiche agli avvistamenti e non traggono conclusioni sulla sua esistenza. L'ultima stanza riporta una breve storia del canale caledoniano e in fine testimonianze invitano, sulla base di tutto ciò che è stato spiegato, a decidere in cosa credere, la risposta al quesito se esista il mostro è quasi scontata ma che tu ci creda o no Nessie è parte integrante della storia scozzese, Il resto lo decidi tu, ci credi o no?
Usciti dal centro facciamo benzina e due parole con un motociclista che mi chiede se davvero sono stato in tutti i paesi contrassegnati dalle bandiere sul mio bauletto e alla mia risposta di si mi stringe la mano e ci saluta con un gran sorriso!! torniamo a costeggiare il lago fino al parcheggio del castello di Urquhart posto lungo le sue rive , da qui una magnifica vista sulle acque blu illuminate dal sole, il contrasto tra il verde dei prati, le rocce delle mura e l'azzurro del cielo e del lago creano una scenografia impagabile!! Dal parcheggio si scende nel centro con bar negozio di souvenir e sala proiezioni dove un filmato ci spiega ( con sottotitoli in tedesco e spagnolo) la storia di queste terre, alla fine il proiettore si alza e si aprono le finestre con una vista spettacolare sul castello!!! Di questo rimangono poche rovine con un ponte e una torre, ma ben spiegate dai vari cartelli, certo essere qui in Scozia sul lago di Loch Ness e patire quasi il caldo fa un certo effetto ma non ci dispiace assolutamente!!! Visitiamo ogni angolo e facciamo foto in continuazione al lago!! Ripartiamo e dopo una breve sosta al paesino di pescatori di Fort Augustus arriviamo sulle rive del Loch Lochy, da qui nel nostro albergo sulle sue rive. L'albergo non sembra di essere di primo pelo, l'insegna arrugginita non da una bella impressione comunque alla reception paghiamo anche le due colazioni e ci da la stanza con finestra che da sul lago, struttura vecchia ma pazienza, ci sistemiamo e poi visto che è ancora presto decidiamo di fare un giro e scendiamo al lago, la spiaggia dell'hotel è in realtà una piccola lingua di rocce e roccette, si sta un po' rannuvolando e il panorama sul lago e la montagna antistante rende l'atmosfera tipicamente scozzese, non c'è nessuno, nessuna struttura e con Patty scherziamo e facciamo foto tipo l'isola dei famosi!! arriviamo a un piccolo molo, anche qui nessuna anima, solo noi e il lago, manca solo un mostro che esca dalle sue acque che ho modo di apprezzare andando a recuperare una pigna caduta a Patty, un gesto eroico affrontando fino alla caviglia le acque nemmeno poi cosi fredde!! Rientrati in albergo ci fermiamo sulla terrazza e ci sediamo sui comodi divanetti facendo un piccolo aperitivo aspettando cena che decidiamo di mangiare qui in quanto si dovrebbe prendere la moto per arrivare al primo paese vicino ma non ne abbiamo voglia!! Poco più tardi seduti a tavola conosciamo i camerieri, marito e moglie rumeni che parlando un po' di italiano (avevano lavorato anni fa in Italia) ci consigliano qualche piatto tipico, io provo lo sformatino di Haggis e beviamo delle birre scozzesi. Fuori le nuvole stanno scendendo, vedremo domani cosa ci aspetterà intanto nel salottino prenotiamo per la notte a Liverpool in Inghilterra.
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Bye DAviDE
A president of "Zavorrazero club" :re:
100.000 km con la Caponord a NordKapp
Immagine
Cell. 3356424968 -/ Facebook: Davide Nano
Immagine

Avatar utente
DAviDE
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 7201
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2002, 1:00
Moto: ETV 1000 CAPONORD '05
Località: Cuneo

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da DAviDE » lunedì 30 luglio 2018, 17:05

Domenica 8-07 Loch Lochy → Isle of Skye → Loch Lochy

Oggi per la prima volta da quando siamo partiti ci alziamo senza vedere il sole!! fuori dalla finestra della stanza le nuvole sono a metà montagna sopra il lago, non ci demoralizziamo, facciamo colazione e saliamo in moto scarichi, direzione Eilean Donan Castle , il famoso castello protagonista di molti film come Highlander, 007 ecc. La strada per arrivarci è una statale curvosa in mezzo a lande verdi e desolate piene di laghi e laghetti senza presenze umane, il meteo è nuvoloso e freschetto, il che dovrebbe essere normale qui ma noi ci eravamo abituati bene!! Arriviamo nel parcheggio proprio fronte al castello che si trova su una penisola in mezzo a un lago collegato con un ponte alla riva. Paghiamo il biglietto e ci avviciniamo, l'atmosfera è tipica, sebbene ci siano turisti traspira comunque un silenzio particolare, prima ci giriamo intorno guardando verso il lago, i molti licheni accumulandosi sulle sue rive producono ormai delle sponde solide dove la gente ci cammina sopra, Questo castello appartiene a una famiglia che nel 1912 ha restaurato ed usa abitualmente nei periodi estivi, infatti al suo interno sono vietate foto e video e in ogni stanza si possono vedere foto e quadri recenti della loro vita privata!! Gli interni sono comunque molto belli, tutto fa atmosfera. Usciti tempo di arrivare alla moto e iniziano le gocce, non mi sembrano eccessive cosi decidiamo di partire ma dopo un paio di km la pioggia si fa intensa e decidiamo di fermarci per tirare fuori gli antipioggia fino ad oggi chiusi nel bauletto, facciamo bene perchè fino al ponte che unisce l'isola di Skye alla costa la pioggia è forte, meno male che giunti sull'isola dopo pochi chilometri cessa e man mano che ci addentriamo al suo interno le nuvole si alzano e iniziamo ad ammirare gli splendidi scorci verdi dei prati e azzurri delle insenature del mare. Ci fermiamo in punto panoramico per fotografare le scogliere e un faro, strade pulite e perfette non come in Irlanda!! riprendiamo e ci dirigiamo verso un faro che avevo visto su internet, presto lasciamo la statale per una stradina stretta dove ogni tot metri c'è uno spiazzo dove accostare per far passare la macchina in direzione opposta, attorno a noi solo prati e tante pecore molte a bordo strada, arriviamo a un punto dove mi tocca fare retro spingendo la moto perchè il furgone davanti deve far passare un camper!! Superata questa difficoltà finalmente arriviamo al parcheggio, qui ci togliamo gli antipioggia che iniziamo a sentire caldo e ci inoltriamo a piedi lungo una scogliera ci si apre lo splendido panorama sul faro e sulle isole Ebridi !!! Foto a raffica poi compriamo un sacchetto di patatine scozzesi al piccolo chiosco dal parcheggio e affrontiamo la ripida discesa che ci porta vicino al faro, la scogliera è fantastica cosi come il mare, esce perfino il sole e facciamo un sacco di scatti stupendi. “Un’esperienza da fare almeno una volta nella vita, qualsiasi foto vediate, qualsiasi altro faro visitiate non vi provocherà le stesse emozioni.” .cit
Non ci rendiamo conto ma le ore passano e abbiamo ancora un bel pezzo di stradine e strade per tornare in albergo, ancora un momento a scrutare il faro e le isole alle sue spalle in modo da imprimere ogni istante nella memoria e siamo di nuovo in sella, il rientro fila liscio senza intoppi e arriviamo in camera giusto per una rinfrescata prima di cena, stamattina pensavamo di fermarci a Fort Augustus per cambiare un po' ma poi avevamo paura di prendere freddo a rientrare in hotel. Mangiamo cena e se l'albergo subito ci sembrava un po' brutto il ristorante invece ci appaga con piatti molto buoni, domani scendiamo per l'ultima notte in Scozia, a Glasgow, sono sicuro che i panorami ci delizieranno ancora.
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Bye DAviDE
A president of "Zavorrazero club" :re:
100.000 km con la Caponord a NordKapp
Immagine
Cell. 3356424968 -/ Facebook: Davide Nano
Immagine

Avatar utente
DAviDE
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 7201
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2002, 1:00
Moto: ETV 1000 CAPONORD '05
Località: Cuneo

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da DAviDE » lunedì 30 luglio 2018, 17:10

Lunedi 9-07 Loch Lochy → Glasgow

Caricata la moto e lasciato le cavi partiamo accompagnati da nuvole basse, dobbiamo fare colazione quindi giunti a Fort William addocchiamo un caffè/negozio di souvenir dove ci fermiamo e proviamo il self-service puntando però stavolta sul classico dolce e non salato. Saziati ci avviamo e subito il sole fa capolino e ci accompagnerà fino a destinazione, attraversiamo vallate verdi con alte montagne intervallate da laghi lunghi e stretti tutto sembra andare liscio fino a un centinaio di km dall'hotel, lungo una bella strada curvosa bordo lago ci imbattiamo in una coda di macchine, ci fermiamo pensando ai soliti lavori in corso poi però scorgiamo in lontananza dei lampeggianti blu..pensiamo a un incidente poi iniziamo a vedere le auto fare inversione, penso che noi in moto passeremo lo stesso e mi avvicino, ci ferma un poliziotto che mi dice che la strada è chiusa per incidente in entrambe le direzioni e non si sa quando riaprirà.. Che palle, meno male che il panorama è bello, non ci resta che tornare indietro e affidarci al navigatore che prontamente ricalcola e riprendiamo la direzione verso Glasgow su strade statali belle e divertenti, il panorama ancora montagnoso via via inizia a scemare nelle verdi campagne vino all arrivo in città, qui l'albergo è in una via centrale trafficata a due passi dalla stazione centrale dei treni...qui parcheggio la moto sul marciapiede a fianco dell'ingresso dell'hotel dove alla reception un ragazzo assai poco simpatico mi dice che nn trova la prenotazione, gli faccio vedere la mail di booking e dopo una telefonata ci da la chiave magnetica, la stanza al 5 piano è abbastanza grande ma proprio a fianco dell'ascensore..speriamo non sia troppo rumorosa comunque dopo una bella doccia rinfrescante rimaniamo in camera un oretta perchè fuori fa veramente caldo, dopo di che ci dirigiamo in centro e qui scopriamo che Glasgow è ben diversa dalle altre città scozzesi, qui c'è molto traffico, la via cenrale è un viale di negozi di certi livelli, tutto molto commerciale e poco attraente per noi, non ci piace, arriviamo al fiume e facciamo due foto su uno dei ponti pedonali ma non troviamo nulla che ci colpisca... cerchiamo un ristorante per cena e mangiamo per l'ultima volta cibo scozzese, domani torniamo in Inghilterra...bye bye Scotland.
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Bye DAviDE
A president of "Zavorrazero club" :re:
100.000 km con la Caponord a NordKapp
Immagine
Cell. 3356424968 -/ Facebook: Davide Nano
Immagine

Avatar utente
DAviDE
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 7201
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2002, 1:00
Moto: ETV 1000 CAPONORD '05
Località: Cuneo

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da DAviDE » lunedì 30 luglio 2018, 17:22

Martedi 10-07 Glasgow → Liverpool

Mattina con sorprese amare.. la prima quando scendiamo a portare le valige troviamo appeso al manubrio una busta... MULTA per divieto di sosta !!! ma porc va beh in effetti l'ho messa sul marciapiede ma sinceramente vedendo la zona la preferivo in una zona sicura videosorvegliata, amen 30 sterline e via da pagare poi online, la seconda dopo aver fatto colazione in albergo carichiamo il resto delle cose e appena salito mi accorgo che qualche pezzo di merda maledetto mi ha fregato la renna di peluche presa in Norvegia che avevo appeso al cruscotto!! figli di puttana, non tanto per il valore, pochi euro , ma per il ricordo e perchè qualcuno ha osato toccarmi la moto!! Va beh pazienza, andiamo solo via da questo posto, l'unico di questa nazione che proprio non ci è piaciuto!! oggi sarà solo un trasferimento via superstrada fino a Liverpool, incrociamo il cartello Welcome to England dove facciamo foto e arriviamo in centro città davanti all albergo dove,stavolta, chiedo subito dove parcheggiare la moto, gentilmente mi dicono che li vicino c'è un parcheggio convenzionato, molto bene, scarichiamo tutto e lascio la moto lucchettata nel multipiano adiacente, la camera è bella grande e fresca, due passi e compriamo il nostro bubble gush (la bevanda che già avevamo avuto modo di apprezzare a Canterbury) e siamo già nel centro culturale della città dove ci imbattiamo subito nei negozi a tema Beattles, qui ovviamente ogni angolo è dedicato alla storica formazione!! giriamo per le varie stradine fino al porto turistico, qui i vecchi Docks sono stati restaurati e ora sono pieni di ristorantini carini, continuiamo la nostra visita a questa città che si rivela essere molto carina e vitale, la giornata di sole ovviamente aiuta e dopo aver girato un po' la fame si fa sentire e decidiamo di tornare ai Docks per cercare un localino che ci piaccia. Trovato, ordiniamo e poi facciamo ancora due passi passando davanti al cavern club, il locale dove si esibivano i Beattles all inizio degli anni sessanta prima di diventare star mondiali!! Un altro pezzo di storia visto e toccato.
Domani ultimo giorno in Gran Bretagna, dopodomani il traghetto ci riporterà in continente, ma ci aspetta ancora Oxford lungo la strada!!
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Mercoledi 11-07 Liverpool → Oxford

Partiamo guarda caso con il sole e salutiamo questa bella città, la prima parte di strada è statale lungo le verdi campagne, poi autostrada fino a Oxford, in realtà siamo in un paese vicino Kidlington a 8 km dalla città, l'albergo in realtà è un B&B in una piccola casetta con cortile privato dove parcheggio la moto, il gestore gentile ci mostra la camera, piccolina ma con bel bagno finestra sui cortili esterni e per la prima volta un minifrigo!!! Finalmente possiamo mettere le bevande al fresco!!! Come al solito ci docciamo e poi ripartiamo per arrivare in centro a Oxford, una miriade di gente per lo più giovani per le strade, il centro è carino, vediamo una università e una bela chiesa poi passiamo davanti a un paio di locali pieni di tifosi inglesi, eh si, stasera c'è la semifinale dei mondiali Inghilterra-Croazia e si sa partita di calcio + birra rendono lo scenario bello caldo!! Comunque cerchiamo un localino un po' più tranquillo e ci fermiamo in una specie di thailandese, finito cena rientriamo nel B&B e siccome è presto ci facciamo ancora due passi sul viale adiacente pieno di villette in perfetto stile anglosassone, alcune ben tenute, altre un po' meno e tutte con la bandiera esposta, una addirittura con un manichino con sul viso la foto del capitano peccato però che.... la Croazia abbia eliminato 2 a 1 l' Inghilterra !!! hahaha avremmo voluto vedere le facce dei tifosi al pub, abbiamo portato loro bene, si fa per dire !!! Comunque ci prendiamo ancora qualcosa da bere e mangiare in un piccolo market 24h per far fuori le ultime sterline in moneta e torniamo in camera, dove mettiamo le bibite in frigorifero, ci corichiamo e subito mi viene un flash, l'indomani abbiamo il traghetto alle 11.00 e io mi ricordavo dopo cavolo!! meno male mi è venuto in mente quindi impostiamo la sveglia prima del previsto, per arrivare a Dover dovremo passare vicino a Londra e non mi va di trovarmi bloccato nel traffico con i minuti contati!!!
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Giovedi 12-07 Oxford → Dover → Reims

Sarà che oggi è l'ultimo giorno ma una volta svegliati ci si presenta un cielo nuvoloso tipicamente inglese e freddo, tanto da farmi rimanere i brividi quasi fino a Dover! Ci buttiamo in autostrada e il navigatore mi dice che arriveremo puntuali, così sarà malgrado una deviazione per fare benzina (nelle autostrade inglesi come anche in altre nazioni non sono presenti le stazioni di servizio, bisogna uscire nei paesi vicini) e un po' di traffico nella tangenziale esterna di Londra (dove percorrò un po' di km nella corsia di emergenza). Arrivati a Dover ad aspettarci le sue bianche scogliere che ci avevano dato il benvenuto più di una settimana fa e il suo castello ( che non avevamo notato all andata). La comica della giornata è stata all ingresso dell imbarco dove una signora in mezzo alla strada dirottava le macchina chi a sinistra chi a destra dentro un magazzino, ovviamente dove ci ha mandato?? Nel magazzino noto degli agenti che ispezionano le macchine e mi chiedo cosa cercheranno su una moto?? Arriva il poliziotto e mi mostra un cartello plastificato con sopra immagini di pistole, bombe a mano, coltelli ecc e mi chiede se ho qualcosa!! Al mio cenno di essere sopra una moto ci lascia andare e io riesco a sbagliarmi e non andare alla compagnia navale prenotata ( meno male il ragazzo gentilmente mi ha fatto fare il giro per rientrare ) Fatto il check in giusto ci mettiamo nella corsia assegnataci e davanti a noi un ragazzo su una BMW d'epoca R90 mi sembra con targa inglese... scopriamo poi che è un napoletano che lavorava in Inghilterra e sta tornando a Napoli dai sui, due zaini legati al sellino con corde elastiche e la gomma posteriore a terra, facciamo due parole con questo simpatico viaggiatore vestito con jeans giubbino e snikers ai piedi senza calzini perchè le marmitte glieli bruciavano!!! guardo la mia moto e la sua e mi racconta che l'aveva acquistata anni prima e lasciata sei mesi fuori alla pioggia mentre lui era a Taiwan per lavoro, tornato dato due colpi di pedale e si era riaccesa, da qui il tentativo di venderla e la decisione di intraprendere il viaggio fino a casa in sella. Questi viaggi ti permettono di conoscere persone particolari, persone ricche di storie alle spalle che per un breve pezzo della loro vita si incrociano con le nostre!! Ci imbarchiamo e ci fissano le moto in una specie di morsa con cricchetti, roba strana usano questi inglesi, saliamo e ci sediamo in poltrona a mangiare la nostra colazione che non avevamo ancora avuto tempo di consumare, purtroppo il ragazzo non lo rivediamo fino all attracco a Calais dove una volta scesi salutiamo con svariati colpi di clacson, chissà quando arriverà a Napoli, che storia.
Torniamo a guidare a destra e ammetto che ho faticato abbastanza a riabituarmi, pensavo fosse più immediato, la lunga pallosa e calda autostrada ci porta a Reims dove troviamo l'albergo in centro dentro una piazza chiusa al traffico piena di ristoranti, per accedervi bisogna passare dentro un piccolo corridoio tra due locali e si arriva nel giardino privato, una cosa un po' particolare, il signore alla reception è molto accogliente e parlando un po' in italiano mi dice che la moto posso portarla in giardino al posto di metterla nel parcheggio sotterraneo sotto la piazza a pagamento, cosi la spingo spenta dentro il corridoio e la metto in un angolo che non dia fastidio. Prenotiamo anche la colazione, l'albergo a uno stile anni 50 con ascensore in ferro e legno, la camera è carina, piccolina con finestra sul giardino, siamo abbastanza stanchi e dopo la doccia ci incamminiamo verso la famosa Cattedrale, bellissima e maestosa , non entriamo dentro perchè già chiusa ma ci soffermiamo ad ammirarla da fuori e decidiamo di tornarci più tardi per vederla illuminata dai fari. Facciamo un giro in centro e nella zona pedonale troviamo un bel ristorante con tavoli all aperto e ci sediamo per cena, qui ci trattiamo bene e Patty prende le cozze e io una buonissima tartarre da 200gr. Si sta bene e ci godiamo la serata, dopo torniamo alla cattedrale e ci sediamo nel bar adiacente e sorseggiando una birra ci godiamo la vista notturna. Reims ci è molto piaciuta ma domani abbiamo forse la tappa più lunga che decidiamo però di accorciare di un 100 km e fermarci prima, a Lione anziché Grenoble. La stanchezza ormai si fa sentire ed è meglio non esagerare.
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Venerdi 13-07 Reims → Lione

Stamattina una buona e abbondante colazione con panini prosciutto e formaggio preparati poi per il pranzo, oggi tutta autostrada dritta tra le campagne francesi, un paio di tappe in autogrill per bere e riposarci, compreso mangiare pranzo e arriviamo a Lione dove ad aspettarci una bella coda in entrata città, la temperatura schizza sopra i 40 gradi ma qui cosa rara da noi gli automobilisti vedendoci nello specchietto si scansano per farci passare, incredibile!! cosi superiamo la coda e arriviamo in albergo, qui probabilmente visto le nostre condizioni, mossi da pietà ci danno una camera enorme e fresca che scopriamo essere ad uso di portatori di handicap... probabilmente erano a conoscenza dei problemi della Capo !!! Battute a parte la camera è bella e soprattutto fresca, ci rinfreschiamo e riposiamo due orette, Lione la conosco e non c' è molto da vedere, possiamo prendercela con calma. Usciamo e do un occhiata alla moto parcheggiata poco più in la in un parcheggio moto e legata alle catene predisposte, due passi e siamo nella piazza centrale, un giro per il lungofiume e nella via dei ristorantini, si sta bene fa caldo e nei dehors dei ristoranti sono attivi i vaporizzatori d'acqua. Ancora due passi in centro e ci fermiamo in un ristorante all'aperto dove essendo l'ultima cena della vacanza ci concediamo un buon antipasto con formaggi misti e carne per entrambi!!! salutiamo Lione col tramonto dietro la collina, domani rientriamo in Italia, la vacanza volge al termine.
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

Ci svegliamo per il nostro ultimo giorno di vacanza, e già capiamo che non abbiamo voglia di tornare a casa, sono le 9.40!!! ieri sera non ho messo la sveglia HAHAHAHA va beh tanto non abbiamo fretta e domani è domenica e la passeremo a disfare le valige e a riposarci, lunedi si torna al lavoro entrambi... partiamo già col caldo, facciamo una breve sosta in autogrill per fare colazione e arriviamo a Grenoble dove finalmente usciamo definitivamente dalla pallostrada e iniziamo a vedere le montagne nostre amiche, la strada statale bella curvosa ci porta fino a Gap, qui facciamo una breve sosta a mangiare un gelato e a dissetarci, speravamo che le montagne ci regalassero un po' di fresco ma al momento ancor a nulla. Da Gap costeggiamo il lago di Serre-Poncon e iniziamo a salire verso Barcellonette, un po' di nuvole non pericolose ci fanno pensare che anche oggi niente pioggia, infatti arriviamo al Colle della Maddalena verso le 15 godendoci finalmente un po' di fresco, ma non troppo eh?!. Visto che è presto decidiamo di fermarci ancora un po' a Sambuco a mangiare un panino e berci una birra fresca in terrazza dalla nostro amico locandiere.
Mezz'ora e saremo di nuovo a casa, la moto tornerà in garage segnando 5500 km percorsi quasi sempre sotto il sole attraverso Francia, Inghilterra e Scozia!! Sono passate 2 settimane e sembra ieri che partivamo, la moto è andata bene, Patty al suo primo viaggio si è trovata bene e le è piaciuto molto, i posti visitati tutti bellissimi e soprattutto accompagnati quasi sempre dal sole, tanta gente conosciuta e tutti gentili e disponibili!!!

Ora a casa a sistemare foto e ricordi pensando già al prossimo viaggio !!!
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

THE END :cn: :saluto:
Bye DAviDE
A president of "Zavorrazero club" :re:
100.000 km con la Caponord a NordKapp
Immagine
Cell. 3356424968 -/ Facebook: Davide Nano
Immagine

Avatar utente
gioroma
NONNO DEL FORUM
NONNO DEL FORUM
Messaggi: 10378
Iscritto il: lunedì 17 gennaio 2011, 20:36
Moto: caponord 1000 etv 2006
Tel: 320 1703855
Località: cesano maderno mb

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da gioroma » lunedì 30 luglio 2018, 21:12

:clapclap: :clapclap: :clapclap:
foto e posti bellissimi :ok1: leggerò i commenti con calma.
2 cose........la prima :la :cn: è andata bene ? .......la seconda, guardando tutti i vestiti della morosa............quanto spazio
ti ha lascito nelle valigie ????? :ridi: :ridi: :ridi: :giullare:
gio
majesty 250-kawa zr7s-cn etv 1000......lamotomiglioredelmondoquandovà...ma.......
Immagine

Avatar utente
Black02
ATTIVISTA DEL FORUM
ATTIVISTA DEL FORUM
Messaggi: 2643
Iscritto il: domenica 1 maggio 2005, 23:31
Località: Codisotto (R.E)

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da Black02 » lunedì 30 luglio 2018, 23:33

.....intanto ti mando a quel paese...subito... :angry:

ora vado a vedere le foto..... :evil:
La speranza e l'ultima a morire......
(Ma chi vive sperando...muore c@@@@@o)
Immagine[/img]

Avatar utente
Tatanka
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 4657
Iscritto il: domenica 13 settembre 2009, 22:10
Moto: Aprilia Caponord 2001
Tel: 3473757060
Località: Territorio Italiano - nello specifico Pescara

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da Tatanka » martedì 31 luglio 2018, 6:45

Bello........ Però manca una cosa............... UNA TUA FOTO CON IL GONNELLINO........... :urra:


Stavolta ho fregato anche gioroma che non ha pensato a questo ma solo alla tua ragazza :cool:
L'Onore produce Oro, L'oro non produce Onore.

Skype:tatankablu

Moto possedute
Laverda 750 sf
Kawasaki 500 mach3,Z 400 F
Honda cb 750F,cbx 750,1000 cbr
Guzzi 850,Calif.1000 idroc.
Yamaha:500RD,FJ1100,FZR EXUP 1000,FJ1200 1986 1990.,

Immagine

Avatar utente
mcr
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 3039
Iscritto il: lunedì 2 marzo 2009, 14:43
Moto: Caponord ABS grigio dust
Località: Frossasco

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da mcr » martedì 31 luglio 2018, 8:26

Grandissimi Davide e Patty e grande invidia. :acquolina:
Ma come fai a prendere appunti durante il giorno per ricordare poi tutto? Io non mi ricordo nemmeno cosa ho mangiato stamattina?
Al posto dell'alce di peluche hai messo poi Nessy?
Tanti passano la vita a sognare, io il mio sogno lo guido
Colui che segue la folla, non andrà mai più lontano della folla.
Immagine

Avatar utente
Optimus Prime
ATTIVISTA DEL FORUM
ATTIVISTA DEL FORUM
Messaggi: 2506
Iscritto il: sabato 26 marzo 2011, 15:23
Moto: Yamaha XTZ 1200 First Edition
Località: Vercelli

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da Optimus Prime » martedì 31 luglio 2018, 8:30

che bel report e che bel viaggio complimenti a tutti e 2 ;-)
"Pravda chto mechti uhodyat yesli kto-to ih ostavil"
"Il Viaggio non solo allarga la mente, le dà forma"

da Tuono 1000 R a CapoNord 1000 Abs a CapoNord Rally Raid poi a Super Tenerè 1200 First Edition

Avatar utente
matteo.t
ATTIVISTA DEL FORUM
ATTIVISTA DEL FORUM
Messaggi: 2860
Iscritto il: sabato 3 maggio 2008, 0:45
Moto: Ex Pegaso Cube ora mukka 1200
Località: Noventa Vicentina

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da matteo.t » martedì 31 luglio 2018, 8:51

Complimenti, bel diario e foto dettagliate come sempre, bravi :clapclap: :clapclap: :clapclap:

Avatar utente
DAviDE
NUOVO STAFF
NUOVO STAFF
Messaggi: 7201
Iscritto il: martedì 19 febbraio 2002, 1:00
Moto: ETV 1000 CAPONORD '05
Località: Cuneo

Re: Welcome to Scotland 2018

Messaggio da DAviDE » martedì 31 luglio 2018, 16:51

gioroma ha scritto:
lunedì 30 luglio 2018, 21:12
:clapclap: :clapclap: :clapclap:
foto e posti bellissimi :ok1: leggerò i commenti con calma.
2 cose........la prima :la :cn: è andata bene ? .......la seconda, guardando tutti i vestiti della morosa............quanto spazio
ti ha lascito nelle valigie ????? :ridi: :ridi: :ridi: :giullare:
La CApo tutto bene, solo un pò di capricci il relè d'avviamento una mattina ma con un pò di CRC è tornato ok :cool:

Ti dirò, la sua valigia era più leggera della mia :dubbio: :sisi: :o
Bye DAviDE
A president of "Zavorrazero club" :re:
100.000 km con la Caponord a NordKapp
Immagine
Cell. 3356424968 -/ Facebook: Davide Nano
Immagine

Rispondi

Torna a “RACCONTI ON THE ROAD”